Calcio giovanile e colpi di testa: cosa è necessario per praticarlo in sicurezza

Sep 25, 2019


***Questo articolo fa parte di una serie educativa per genitori di calciatori e giocatori alle prime armi***

Oltre ai calci in bicicletta e ai colpi di caviglia, ogni giocatore di calcio, giovane e vecchio, aspira a padroneggiare le proprie abilità di testa della palla. Un giocatore che ha praticato questo può essere quello che risolve un pareggio al 90° minuto su calcio d'angolo o impressiona gli scout del college con la sua abilità.

Detto questo, colpire di testa la palla comporta dei rischi. La ricerca emergente continua a dimostrare che la testata della palla comporta rischi di lesioni alla testa, vale a dire danni sub-concussivi. Questo tipo di danno è un precursore di lesioni cerebrali più gravi.

Nonostante il rischio di subire danni sub-concussivi, i giocatori non devono evitare del tutto di dirigere la palla. Devono solo praticare l’abilità in un modo che li mantenga sani e salvi.

Quando la palla di testa va storta

Una storia sfortunata riguardante le ferite alla testa di un giovane calciatore sottolinea l'importanza di un colpo di testa sicuro. Un lettore anonimo ha pubblicato una storia su The Atlantic sul loro giovane figlio che ha subito un danno cerebrale giocando a calcio e di conseguenza ha subito effetti a lungo termine.

Al giovane è stata diagnosticata una lesione cerebrale subita durante una partita in trasferta dell'Accademia U-16 della USSF. Dopo un calcio di rinvio, la palla lo ha colpito alla nuca, facendolo perdere i sensi per 3-10 minuti (diversi resoconti suggeriscono tempi diversi).

Successivamente, ha iniziato a soffrire di sintomi paralizzanti tra cui mal di testa, vertigini, scarsa memoria, sbalzi d'umore, intorpidimento alle estremità e attacchi di svenimento. Dormiva tra le 11 e le 15 ore al giorno e faticava a trattenere i cibi solidi. Ciò lo ha costretto a studiare a casa durante la seconda metà del suo primo anno e la prima metà del secondo anno di scuola superiore.

I suoi medici alla fine lo autorizzarono ad esercitarsi, a condizione che non ci fosse la palla in testa, un anno dopo. Sei mesi dopo, gli è stato dato il via libera per giocare. Tornò a scuola per la seconda metà del secondo anno di liceo e ricominciò a giocare con la squadra. Sfortunatamente, durante la sua prima partita di ritorno, è stato placcato da dietro mentre tentava un cross, atterrando di testa. È stato trasportato in aereo all'unità traumatologica di un ospedale vicino.

Non è tornato a scuola fino all'ultimo anno e non ha più giocato a calcio agonistico dopo l'infortunio. Ancora peggio, è stato descritto come una “persona diversa”, che sperimenta i sintomi di cui soffriva originariamente prima di tornare a scuola e a giocare, e ora, depressione insieme ad amnesia a breve termine.

Colpire male la palla provoca lesioni sub-concussive

I tragici sintomi vissuti dal giovane giocatore supportano studi recenti che implicano la testata della palla come causa di danni sub-concussivi, che possono portare a condizioni cerebrali più gravi. Ad esempio, i ricercatori hanno affermato di aver osservato “piccoli ma significativi cambiamenti nella funzione cerebrale” dopo che i giocatori hanno colpito di testa la palla solo 20 volte .

Hanno notato un calo delle prestazioni della memoria del 41-67% nelle 24 ore precedenti la pratica della rotta. I risultati hanno persino spinto gli autori dello studio a suggerire ai giocatori di evitare di colpire di testa la palla prima di eventi come esami e test.

Lo studio, pubblicato su EBioMedicine dall'Università di Sterling , è il primo a rilevare cambiamenti diretti nel cervello dei calciatori dopo aver subito impatti alla testa. Questi risultati, tuttavia, potrebbero non sorprendere molti giocatori di calcio. Giovani giocatori come quello menzionato sopra alle leggende in pensione hanno raccontato storie spaventose sul fatto di “non essere più gli stessi” dopo aver subito infortuni, soprattutto dopo impatti ripetuti. Molti di questi giocatori hanno mostrato sintomi di CTE, che compaiono in fasi di graduale peggioramento.

Encefalopatia traumatica cronica (CTE) di stadio 1

  • Deficit di attenzione (simili a quelli causati dall'ADHD)
  • Confusione
  • Disorientamento
  • Vertigini
  • Mal di testa
  • Encefalopatia traumatica cronica (CTE) di stadio 2

  • Perdita di memoria
  • Instabilità sociale
  • Comportamento impulsivo
  • Scarsa capacità di giudizio
  • Encefalopatia traumatica cronica (CTE) di stadio 3 e 4

  • Demenza
  • Disturbi del movimento
  • Ipomimia
  • Impedimenti nel linguaggio
  • Disturbo dell'elaborazione sensoriale
  • Tremori
  • Vertigine
  • Sordità
  • Depressione
  • Paranoia
  • Rabbia esplosiva
  • Ideazione suicidaria

  • Come puoi vedere, la CTE è una malattia progressiva che peggiora in assenza di un trattamento adeguato e di tempi di recupero adeguati. Per il giovane menzionato in precedenza, la ferita subita inizialmente non è guarita come lui e i suoi medici si aspettavano. Pertanto, il placcaggio che ha subito in seguito ha aggravato la sua lesione cerebrale originale.

    Tra i professionisti, CTE è sempre più riconosciuta. Inizialmente, i registri indicavano che solo quattro giocatori erano affetti dalla malattia: Astle, la stella brasiliana Bellini, il giocatore americano dilettante Patrick Grange e Curtis Baushke. Tuttavia, più recentemente, la Jeff Astle Foundation ha suggerito che oltre 250 ex giocatori professionisti soffrivano di qualche forma di malattia neurodegenerativa associata a lesioni alla testa nel calcio.

    La tecnica corretta di colpire la palla è fondamentale

    Per cominciare, i giocatori abbastanza grandi per colpire di testa la palla devono imparare ed esercitarsi con la tecnica adeguata. Certo, la tecnica da sola non elimina il rischio di subire un trauma cranico, ma una buona forma fisica può ridurre significativamente il rischio di contrarre uno.

    La tecnica corretta coinvolge una varietà di fattori. Per iniziare, i giocatori devono sapere come posizionarsi nella linea di volo per la palla. Devono anche imparare a leggere la traiettoria della palla, che poi indicherebbe se saltare o alzarsi e puntare di testa. Leggere l'opera è vitale dal punto di vista delle abilità. In termini di sicurezza, tuttavia, i giocatori devono sapere come posizionare la testa, le braccia e i gomiti (per protezione) e cronometrare il movimento. Alla fine, devono colpire attivamente la palla di testa invece di lasciare che la palla li colpisca alla testa, un errore che consente un impatto più forte.

    Gli allenatori possono insegnare ai giovani giocatori come colpire di testa la palla in fasi come nel video qui sotto:

    Ancora una volta, la tecnica corretta da sola non preverrà danni sub-concussivi e lesioni alla testa. Tuttavia, può ridurre la forza associata al semplice colpo della palla sul giocatore.

    L'allenamento del collo può proteggere i giocatori mentre colpiscono la palla di testa

    Il cranio non è l'unica cosa che protegge il cervello: anche il collo svolge un ruolo vitale. Nel calcio e in qualsiasi altro sport, i muscoli del collo più forti possono offrire agli atleti una certa protezione contro gli infortuni alla testa.

    Un documento di ricerca della Rutgers School of Health Professions ha esaminato studi precedenti sul ruolo della forza, delle dimensioni e della postura del collo nel ridurre il rischio di lesioni alla testa. Sulla base dei risultati di questi studi, i ricercatori della Rutgers hanno sviluppato una serie di raccomandazioni che fisioterapisti e preparatori atletici possono utilizzare per proteggere gli atleti.

    Includono la valutazione della colonna cervicale ma, cosa ancora più importante, l’uso di esercizi specifici per rafforzare i muscoli del collo per assorbire le forze degli impatti sulla testa. Ammettendo che i metodi tradizionali per ridurre le lesioni cerebrali sono attualmente limitati, l'autore principale Allison Brown ha affermato che "...l'aumento della forza del collo e possibilmente delle dimensioni potrebbe ridurre sostanzialmente il rischio o la gravità delle lesioni o degli esiti".

    Detto questo, gli allenatori e i preparatori devono incorporare esercizi di rafforzamento del collo (e possibilmente di costruzione della massa) nei loro programmi di condizionamento. Esistono dozzine, se non centinaia, di esercizi per rafforzare il collo. Puoi trovarne alcuni specifici per il calcio nel video qui sotto:


    È importante che gli allenatori tengano presente che alcuni esercizi potrebbero essere inappropriati per giocatori di determinate età. È saggio che i giocatori molto giovani e più anziani parlino con il proprio medico prima di fare determinati esercizi. Al contrario, gli atleti più maturi che sono in condizioni ottimali e senza infortuni potrebbero aver bisogno di incorporare l’allenamento con i pesi nelle loro routine per ottenere i massimi risultati.

    Il copricapo protettivo da calcio può ridurre i rischi di lesioni da colpi di palla

    Il terzo componente di una palla sicura è l'equipaggiamento protettivo, soprattutto per i giocatori più giovani, i caschi protettivi possono svolgere un ruolo prezioso nel ridurre il rischio di lesioni alla testa. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, alcune ricerche recenti hanno mostrato risultati incoraggianti.

    Ad esempio, Virginia Tech ha pubblicato uno studio “ Soccer Headgear Ratings ”, il primo del suo genere. I dati dello studio hanno indicato che il copricapo può ridurre al minimo la forza degli impatti testa a testa dovuti alla collisione accidentale con un altro giocatore.

    In uno studio, la protezione per la testa ExoShield di Storelli ha ridotto il rischio di commozione cerebrale dell'84%.

    Con orgoglio, il nostro capo di protezione ExoShield ha ottenuto i punteggi più alti poiché ha dimostrato di assorbire la massima forza nelle dimostrazioni della Virginia Tech. In effetti, i risultati dello studio hanno stimato che la protezione per la testa ExoShield potrebbe ridurre il rischio di lesioni alla testa fino all'84%. Ciò rende il casco un pratico equipaggiamento che i giocatori possono utilizzare negli allenamenti e nelle partite amatoriali in cui il copricapo potrebbe essere consentito.

    Inoltre, uno studio sul campo del 2016-2018 condotto dall’Università del Wisconsin Madison con 2.800 giocatori delle scuole superiori ha registrato una riduzione di circa il 60% del rischio relativo di lesioni alla testa per i giocatori che indossavano la protezione per la testa Storelli ExoShield rispetto ai giocatori che non indossavano copricapo. L'ExoShield Head Guard è stato l'unico prodotto a registrare una riduzione statisticamente significativa del rischio relativo.

    Il copricapo non è certamente la soluzione miracolosa contro le lesioni alla testa e sono necessarie ulteriori ricerche per confermare i primi risultati positivi di studi recenti. Ma per i giocatori e i genitori che preferiscono andare sul sicuro, potrebbe essere un’opzione pratica cercare di ridurre i rischi.

    Colpire di testa la palla con meno rischi

    Per i giocatori di calcio di tutte le età, colpire di testa la palla è un'abilità che tornerà utile durante tutta la loro carriera. Alcuni dei momenti più decisivi nelle partite storiche si sono ridotti a un colpo di testa, quindi non praticarli mette i giocatori in una posizione di svantaggio.

    Ma non praticare i colpi di testa in modo sicuro è ancora più svantaggioso per i giocatori. Combinando una tecnica adeguata, un allenamento regolare e un copricapo da calcio per i colpi di testa, i rischi di lesioni cerebrali diminuiranno in modo significativo. I giocatori possono quindi affinare l'arte di colpire di testa la palla senza sacrificare la propria salute.

     

    Cerca modelli (CTRL+Spazio)
      Cerca modelli (CTRL+Spazio)
        Cerca modelli (CTRL+Spazio)
          Cart Close
          Updating