Gioventù: come ridurre il possibile rischio a lungo termine di colpi alla testa subconcussivi

Jul 12, 2021


Ci sono commozioni cerebrali evidenti e poi ci sono colpi più sottili, gli ultimi dei quali possono portare a danni cerebrali cumulativi. Questi colpi sottili, ovvero gli impatti subconcussivi alla testa, non causano nemmeno svenimenti, dolore o disfunzione. Almeno non subito. Ma una crescente ricerca mostra che i giocatori potrebbero avvertire gli effetti di tali danni nel tempo.


Ciò solleva naturalmente la questione di come i calciatori, soprattutto i giovani, possano proteggersi da possibili lesioni sub-comcussive. Questo post discuterà i modi pratici con cui i giocatori possono proteggersi.

Ricerca sui colpi subconcussivi

I ricercatori di un ampio numero di studi hanno osservato cambiamenti neurologici negli atleti che hanno subito i colpi più lievi. Hanno osservato questi cambiamenti su più livelli e in varie forme. Tutti sottolineano la realtà che piccoli successi possono avere grandi conseguenze, anche se non si fanno sentire per anni.

Risultati scientifici sui colpi subconcussivi

  • Elevate proteine ​​nel sangue - I ricercatori hanno notato un aumento delle proteine ​​NF-1 e tau nei giocatori di calcio che hanno colpito di testa la palla 40 volte (o più). È noto che queste proteine ​​contribuiscono alle malattie degenerative del cervello come il morbo di Alzheimer e la demenza.
  • Cambiamenti nei neurotrasmettitori - Gli scienziati hanno osservato che dopo una sessione di colpi di testa, si verificano cambiamenti nella risposta del cervello al GABA , un neurotrasmettitore inibitorio. Questo cambiamento sembra compromettere la memoria, le capacità motorie e l'equilibrio.
  • Attività alterata in specifiche regioni del cervello - In uno studio condotto su giocatori di rugby, i ricercatori hanno riscontrato aumenti e diminuzioni anormali in diverse cortecce cerebrali dopo che i giocatori avevano subito piccoli colpi alla testa. Questi cambiamenti portano a deficit cognitivi, emotivi e sensoriali.

  • Stanno emergendo sempre più studi di questo tipo e tutti giungono alla stessa conclusione: piccoli impatti ripetuti sulla testa possono avere effetti duraturi. Naturalmente, non tutti coloro che ricevono un piccolo colpo alla testa (o anche molti) subiranno conseguenze.


    Il cervello è un organo resistente che può sopportare colpi duri grazie al cranio. Inoltre, alcune persone hanno maggiori probabilità di subire lesioni cerebrali a causa della loro anatomia o genetica. Tuttavia, dagli studi emerge che tutti i calciatori dovrebbero prendere alcune precauzioni per proteggersi.

    Come i giocatori possono proteggersi da qualsiasi/tutti i danni cerebrali

    La realtà del calcio e dello sport in generale è questa: non è possibile prevenire alcun tipo di infortunio, compreso il trauma cranico. Ciò che puoi fare è ridurre il rischio di subire una lesione cerebrale e/o ridurre la gravità dell'impatto di una lesione cerebrale. Considereremo entrambi gli approcci.

    Ridurre il rischio di lesioni cerebrali

    • Migliora le abilità visive : gli atleti con una migliore consapevolezza visiva possono individuare più facilmente gli avversari, evitando così di sbattere la testa più facilmente. Questo è fondamentale perché il contatto tra giocatori è una causa frequente di lesioni cerebrali, siano esse lievi o gravi.
    • Migliorare la forza del collo - La ricerca ha sottolineato che i muscoli del collo più forti possono assorbire più shock rispetto a quelli più deboli, il che può ridurre la forza esercitata sul cranio. Questo di per sé può ridurre la probabilità di subire una lesione cerebrale.
    • Ridurre la frequenza dei colpi di testa - Gli studi hanno dimostrato che più i giocatori lanciano la palla di testa, più è probabile che mostrino cambiamenti cerebrali. Pertanto, ridurre il numero di colpi di testa effettuati dai giocatori nella pratica può significare una minore esposizione a impatti dannosi.

    Ridurre la gravità di una lesione cerebrale

    • Indossare un copricapo da calcio : il copricapo da commozione cerebrale per il calcio non previene del tutto le lesioni cerebrali, ma può ridurre l'intensità degli impatti ripetuti. Per il nostro esempio, il nostro copricapo ExoShield ha dimostrato la capacità di ridurre gli impatti fino all'84%.
    • Non giocare con sintomi "lievi" : questo è cruciale. Le lesioni cerebrali peggiorano sempre più se si verificano ripetutamente, quindi i giocatori devono astenersi dal gioco anche se avvertono il dolore o la confusione più lievi. Affrontare quello che sembra un graffio "minore" potrebbe peggiorare significativamente l'infortunio se il giocatore viene colpito di nuovo.

    Piccoli infortuni possono trasformarsi in infortuni più grandi

    Considerando che il cervello pesa solo 1,5 kg, può subire molti danni. Ma ha dei limiti e, paradossalmente, è sensibile anche agli impatti lievi. Ecco perché è essenziale che i giocatori si proteggano riducendo il rischio e la gravità degli impatti subconcussivi. Se piccoli colpi al cervello portano a conseguenze più grandi, è fondamentale che i giocatori prendano sul serio i colpi più piccoli.


    Stai cercando un copricapo per commozione cerebrale per ridurre il rischio di lesioni cerebrali? Dai un'occhiata al nostro caschetto ExoShield e scopri come può aiutarti.

    Cart Close
    Updating