Protezione della testa nel calcio: cosa ci dicono gli studi

Aug 1, 2019


RIEPILOGO:

    • Storicamente, la protezione della testa dei calciatori aiutava contro tagli e contusioni, ma era considerata inefficace contro le lesioni cerebrali a causa di tecnologie e design obsoleti.
    • Mentre cresce l’attenzione globale sugli infortuni alla testa, l’industria del calcio ha fatto importanti progressi nelle tecnologie di protezione e nel comfort.
    • Un nuovo studio del 2018 condotto dal Virginia Tech Casco Lab sostiene che il copricapo giusto può ridurre drasticamente le lesioni alla testa , comprese le commozioni cerebrali, e ha classificato tutti i prodotti disponibili per identificare i migliori sul mercato.
    • Nel 2016, il NOCSAE (Comitato operativo nazionale sugli standard per le attrezzature sportive) ha commissionato il più grande studio pluriennale sul campo fino ad oggi per determinare se il copricapo riduce le commozioni cerebrali. Lo studio si è concentrato su 3.000 giocatori delle scuole superiori statunitensi (per lo più ragazze) e i risultati sono stati pubblicati nel 2019 sul British Journal of Sports Medicine dal gruppo di ricerca dell’Università del Wisconsin-Madison.
    • Lo studio ha utilizzato 5 prodotti diversi e ha scoperto che quando i dati di tutti i prodotti venivano combinati insieme, i risultati non erano conclusivi.
    • Tuttavia, i dati supplementari con risultati specifici del marchio mostrano un ampio divario nel rendimento dei singoli prodotti. Nello specifico, un solo prodotto, il copricapo Storelli, ha ottenuto una riduzione statisticamente significativa del rischio relativo di traumi cerebrali, con una diminuzione complessiva di circa il 50% in generale e una diminuzione di circa il 60% per le ragazze in particolare (rispetto ai giocatori che non indossavano il copricapo). affatto).
    • Inoltre, lo studio ha rilevato che indossare il copricapo non aumenta il rischio di altri infortuni , segnalando che i giocatori non giocano in modo più imprudente quando indossano il copricapo da calcio.
    • Cosa significa questo? Ciò non rappresenta in alcun modo una "soluzione totale" alle commozioni cerebrali del calcio. Riteniamo che dovrebbero essere condotti ulteriori studi per consolidare i risultati e approfondire la comprensione, ma questi risultati positivi provenienti da istituzioni credibili sono certamente un primo passo nella giusta direzione.

ARTICOLO COMPLETO:

Gli infortuni alla testa sono uno degli argomenti più dibattuti nel calcio. Negli ultimi anni, numerosi studi hanno fornito prove conclusive del fatto che gli infortuni alla testa si verificano frequentemente e che gli effetti possono essere piuttosto significativi (per un riepilogo dei dati chiave della letteratura esistente, leggi questo post ).

La FIFA e altre istituzioni stanno adottando protocolli di concussione più aggressivi e la Federazione calcistica statunitense ha modificato le regole del gioco per ridurre i rischi (ad esempio vietando i colpi di testa per i gruppi di età più giovani). La maggior parte riconosce che queste iniziative affrontano solo parzialmente i rischi e tutte le istituzioni calcistiche, insieme ai genitori e ai giocatori, si trovano ad affrontare il fatto che gli infortuni alla testa nel calcio sono un problema serio e destinato a restare.

Cosa può fare un giocatore o un genitore per ridurre il rischio di infortuni?

Non vi è alcun sostituto per un allenamento e una tecnica adeguati. Il coaching è un must, ma da solo non può arrivare fino a un certo punto. Anche i giocatori di livello mondiale non sono immuni dal rischio di traumi cerebrali e lesioni alla testa.

E la protezione della testa? L’equipaggiamento per la testa è una rarità nel calcio di oggi e molti allenatori, genitori e giocatori si chiedono se un equipaggiamento protettivo aggiuntivo possa ridurre i rischi. Recentemente, diversi sport si sono rivolti alla protezione della testa come misura di riduzione del rischio contro le lesioni alla testa. Prendiamo ad esempio gli sport sulla neve: 20 anni fa non si usavano i caschi. Al giorno d’oggi sarebbe sconsiderato sciare senza. Il football americano e l’hockey sono esempi simili di sport che sono passati dall’assenza (o quasi) di protezione per la testa all’uso da parte di tutti.

Abbiamo riassunto la posizione dell'industria del calcio riguardo alla protezione della testa e quali dati dispone sull'efficacia in 6 punti chiave di seguito:

  1. Storicamente, la protezione della testa nel calcio è stata estremamente stupida e inefficace . Non c'è da meravigliarsi che molti ritengano che "il copricapo non aiuta". Pertanto, la domanda è stata minima, il che ha portato a una ricerca e a un’innovazione limitate, che si traducono in tecnologie e progetti obsoleti.
  2. Le tecnologie di protezione si sono evolute in modo significativo e sono disponibili nuove soluzioni. Questa nuova ondata di innovazione è alimentata dalla crescente attenzione e preoccupazione del pubblico riguardo agli infortuni alla testa nel calcio. Man mano che sempre più dollari e talenti si concentrano sulla risoluzione del problema, vengono rilasciate nuove soluzioni.
  3. Sono in corso nuovi studi credibili per valutare l’efficacia di queste soluzioni. Ulteriori ricerche da parte di istituzioni specializzate si stanno concentrando su cosa può prevenire gli infortuni alla testa nel calcio. Ad esempio, nel 2018 il Virginia Tech Casco Lab, un importante istituto di ricerca focalizzato sulla protezione della testa nello sport, ha introdotto una nuova metodologia per valutare l’efficacia del copricapo nel ridurre le commozioni cerebrali nel calcio e ha classificato tutti i prodotti sul mercato.
  4. Virginia Tech ha concluso nella primavera del 2018 che il copricapo giusto può effettivamente "ridurre drasticamente i rischi di traumi cerebrali nel calcio". Il recente studio di laboratorio ha dimostrato il valore positivo dell’uso della protezione per la testa nel calcio (leggi il comunicato stampa completo qui ). Ci sono due importanti avvertenze: a) i risultati variano ampiamente, riflettendo grandi differenze nella qualità dei materiali protettivi e nelle costruzioni dei vari prodotti; e b) lo studio è stato eseguito tramite impatti simulati in un laboratorio, il che significa che non sono stati coinvolti esseri umani. Gli scettici noteranno che si è trattato di uno studio di laboratorio per sminuire i risultati, ma l'esperienza del team del Virginia Tech Casco Lab è ampia e molti credono che i risultati siano un forte indicatore del valore dei prodotti testati.
  5. Nel maggio 2019 è stato pubblicato il più grande studio mai condotto sui copricapi e sulle commozioni cerebrali da calcio. Il copricapo previene le commozioni cerebrali nel calcio? E indossare il copricapo fa sì che i giocatori giochino in modo più spericolato, aumentando altri tipi di infortuni?
    • Nel 2015, il NOCSAE (il Comitato operativo nazionale per gli standard delle attrezzature sportive) ha sponsorizzato il più grande studio pluriennale in collaborazione con il gruppo di ricerca del Dr. Tim McGuine presso l'Università del Wisconsin Madison (leggi i dettagli dello studio clinico qui ) per rispondere alla domanda domanda. Lo studio è il più ampio e completo nel suo genere:
    • ~3.000 giocatori di calcio delle scuole superiori statunitensi (principalmente donne, poiché si è rivelato più difficile reclutare giocatori di sesso maschile), nelle scuole che si sono offerte volontarie per partecipare allo studio.
    • Per evitare pregiudizi, metà dei giocatori sono stati selezionati casualmente per indossare il copricapo, l'altra metà non lo indossava, in modo da poter confrontare i tassi di infortuni tra i due gruppi.
    • Nello studio sono state incluse diverse marche di copricapo, con un'ampia gamma di proprietà protettive (da prodotti con valutazione a 3 stelle a prodotti con valutazione a 5 stelle)
    • 2 anni interi di raccolta dati (2016 - 2018)
    • Preparatori atletici che valutano gli infortuni ad ogni partita per confermare l'incidenza di traumi cerebrali
    • Tutti i tipi di lesioni sono state monitorate per verificare l'ipotesi che indossare un copricapo porterebbe/non porterebbe a comportamenti più sconsiderati e a tassi più elevati di lesioni personali
    • Risultati sottoposti a revisione paritaria pubblicati sul British Journal of Sports Medicine.
  1. Cosa ha scoperto lo studio?
    • R) Quando i risultati dei caschi ad alte prestazioni e quelli a basse prestazioni sono stati raggruppati insieme, lo studio non ha riscontrato vantaggi statistici. Ciò non sorprende considerando che il 60% dei giocatori che indossavano copricapi indossavano prodotti con una valutazione a 3 stelle nella valutazione del Virginia Tech Casco Lab, mentre solo il 40% indossava prodotti con valutazione a 5 stelle. Naturalmente l'inclusione di prodotti con qualità così diverse ha portato ad annacquare il risultato complessivo.
    • B) I risultati di marchi specifici variavano notevolmente: il tasso di traumi subiti dai giocatori che indossavano il prodotto con le prestazioni peggiori era addirittura superiore a quello dei giocatori che non indossavano copricapo (5,4% contro 4,9% per i giocatori che non indossavano copricapo) e 2,16 volte più alto rispetto al tasso di traumi subiti dai giocatori che indossano il prodotto più performante (Storelli).
    • C) Il copricapo Storelli è stato l'unico a ottenere una riduzione statisticamente significativa del rischio relativo di traumi cerebrali, con una riduzione complessiva di circa il 50% del rischio di traumi cerebrali. I 1546 giocatori (sia maschi che femmine) che non indossavano alcun copricapo hanno riscontrato un tasso di commozione cerebrale (SRC) complessivo del 4,9%. I giocatori che indossavano il copricapo Storelli (523 giocatori) hanno subito un SRC solo del 2,5%. Questa riduzione del rischio relativo (rapporto di rischio) è stata statisticamente significativa con una confidenza di circa il 98% (valore p = 2,3%).
    • D) Per le giocatrici in particolare, il copricapo Storelli ha ottenuto una riduzione di circa il 60% del rischio relativo di traumi cerebrali. Le 998 giocatrici che non indossavano il copricapo hanno registrato un SRC del 6,5% contro il 2,7% di chi indossava il copricapo Storelli (364 giocatrici). Anche questa riduzione del rischio relativo è stata statisticamente significativa pari a circa il 97% (valore p = 2,6%)
    • E) Lo studio NON ha riscontrato alcun aumento del rischio di altre lesioni personali per i giocatori che indossano il copricapo. Ciò dissipa l'idea che indossare un copricapo possa rendere i giocatori più spericolati.
    • La tabella supplementare 1 con risultati specifici del marchio è disponibile per il download dalla rivista QUI . Per ulteriori domande specifiche sullo studio sponsorizzato dalla NOCSAE, gli allenatori e gli amministratori del calcio possono provare a contattare direttamente l'autore dello studio (Dr. Tim McGuine, McGuine@ortho.wisc.edu, 608 265 6516).

Ciò non rappresenta in alcun modo una "soluzione totale" alle commozioni cerebrali del calcio. Riteniamo che dovrebbero essere condotti ulteriori studi per consolidare i risultati e approfondire la comprensione. Ma questo è davvero un primo passo positivo nella giusta direzione e siamo orgogliosi che la nostra azienda sia all’avanguardia su una questione così importante.

 

 

Cart Close
Updating