L'importanza della consapevolezza della commozione cerebrale nel calcio

Apr 16, 2015


La consapevolezza delle commozioni cerebrali nel football americano è stata una preoccupazione crescente di genitori, allenatori e preparatori negli ultimi anni. La recente iniziativa in corso da parte di ex giocatori della NFL per raggiungere un accordo con la lega ha identificato migliaia di giocatori che hanno subito ripetute commozioni cerebrali e traumi cranici e vivono con problemi cognitivi, perdita di memoria e encefalopatia traumatica cronica (CTE).

Mentre il calcio è stato al centro della conversazione, anche altri sport di squadra, tra cui calcio, hockey e lacrosse, comportano un rischio di traumi cerebrali. Il calcio, in particolare, ha sperimentato una crescente consapevolezza del rischio di traumi cerebrali nei campionati giovanili, universitari e professionistici, come esemplificato quando milioni di spettatori hanno visto Christoph Kramer della Germania subire una commozione cerebrale durante la finale dell'ultima Coppa del Mondo FIFA.

Cos'è una commozione cerebrale e come si verifica? Una commozione cerebrale è un disturbo della funzione cerebrale, riflesso in un'alterazione del metabolismo e del flusso sanguigno, che può verificarsi quando il cervello viene scosso all'interno del cranio a causa di un trauma diretto alla testa o di una forza indiretta trasmessa dal corpo o dal collo al cervello. Ad esempio, un calciatore può subire una commozione cerebrale per un impatto diretto con la testa con un altro giocatore, o cadendo bruscamente dopo essere stato placcato (anche se la testa non subisce mai un impatto diretto: la caduta stessa potrebbe essere sufficiente a far vibrare il cervello all'interno del cranio). , provocando potenzialmente una commozione cerebrale).



Quali sono i sintomi delle commozioni cerebrali e quanto durano? Le commozioni cerebrali spesso causano un certo grado di confusione mentale o vertigini, portando i giocatori a sviluppare un equilibrio anormale. Ogni paziente ha un calendario individuale per quanto riguarda il recupero e il riposo cognitivo precoce ed è raccomandato il riposo fisico. La maggior parte dei sintomi dovuti a una commozione cerebrale generalmente scompaiono entro due settimane. Tuttavia, alcuni effetti potrebbero persistere per diversi mesi. Dopo il riposo, è preferibile un ritorno graduale o graduale al lavoro o alla scuola, sulla base di test di equilibrio e, idealmente, di una valutazione neuropsichiatrica.

Quanto spesso si verificano le commozioni cerebrali nello sport? Si stima che ogni anno negli Stati Uniti si verifichino circa 3,8 milioni di traumi cerebrali negli sport agonistici di tutti gli sport, con l'incidenza più alta nel calcio, nell'hockey, nel rugby, nel calcio e nel basket. Tuttavia, fino al 50% delle commozioni cerebrali spesso non vengono segnalate, il che significa che il numero reale di commozioni cerebrali potrebbe facilmente essere il doppio.

Infatti, uno studio norvegese che ha valutato i giocatori attuali ed ex della nazionale di calcio norvegese ha rilevato che il 3% dei giocatori attivi e il 30% degli ex giocatori avevano sintomi di commozione cerebrale in corso, e che il 35% dei giocatori attivi e il 32% degli ex giocatori i giocatori avevano un EEG anormale, che valuta l'attività elettrica e le onde cerebrali. [1]

Quanto spesso si verificano le commozioni cerebrali nel calcio? Sulla base dei dati degli studi NCAA condotti dalle stagioni calcistiche dal 2004-5 al 2009-10, tutti gli infortuni alla testa, al viso e al collo (comprese le commozioni cerebrali) rappresentano quasi il 10% di tutti gli infortuni fisici segnalati, con commozioni cerebrali che rappresentano oltre 50 % di questo sottogruppo. In altri studi specifici sul calcio, è stato dimostrato che gli infortuni alla testa rappresentano fino al 22% degli infortuni complessivi a tutti i livelli di gioco.

Cosa si può fare per ridurre il rischio di traumi cerebrali nel calcio? In primo luogo, i giocatori che si sospetta abbiano subito una commozione cerebrale dovrebbero avere riposo sia fisico che cognitivo (niente lettura, SMS o videogiochi) nell'immediato periodo successivo all'infortunio, con un ritorno graduale al gioco basato su esami neurologici seriali che dovrebbero includere test di equilibrio. e valutazione neurocognitiva. Continuare a partecipare ad una competizione dopo aver subito una commozione cerebrale aumenta la possibilità di subire nuovamente un infortunio e di avere sintomi più prolungati e gravi. Un secondo colpo può provocare la sindrome del secondo impatto, che può provocare lesioni gravi o mortali. La sindrome del secondo impatto si verifica tipicamente nelle persone sotto i 20 anni.

Con questo in mente, i genitori devono essere consapevoli dei segni e dei sintomi di commozione cerebrale ed essere proattivi quando trattano con allenatori e formatori per segnalare quando i loro figli sviluppano mal di testa o vertigini o altri sintomi come difficoltà con il lavoro accademico dopo un trauma cranico.



L'attenzione alle tecniche di dribbling, contrasto e difesa può rendere tutti i giocatori più consapevoli di come evitare il contatto involontario con la testa e il corpo. Imparare ad anticipare le mosse degli altri giocatori e reagire ad esse in modo più attento e attento può potenzialmente ridurre le collisioni testa a testa e corporali che possono portare a commozioni cerebrali. Inoltre, limitare i colpi di testa ripetitivi, soprattutto nei giovani giocatori, può essere fondamentale, a causa delle recenti prove di giocatori professionisti più anziani che soffrono di effetti cognitivi a lungo termine. L'attenzione al rafforzamento del collo, allo stretching adeguato e al mantenimento di una corretta idratazione possono aiutare a ridurre il rischio di lesioni alla testa e potenziali commozioni cerebrali.

Il copricapo protettivo può ridurre il rischio di traumi cerebrali nel calcio? Proprio come le schiume protettive indossate da molti giocatori di calcio possono disperdersi e assorbire, e quindi ridurre l’impatto sulle ossa e sui tessuti molli, non è chiaro se indossare un copricapo protettivo a base di schiuma nel calcio possa portare a una riduzione delle lesioni alla testa contundenti e delle conseguenti commozioni cerebrali. Negli ultimi anni ci sono state molte innovazioni nella qualità delle schiume protettive utilizzate per proteggere il corpo e ora la testa dei giocatori di calcio. Nuovi design specifici per il calcio ora rendono i copricapi più pratici, con un certo numero di giocatori di calcio professionisti negli Stati Uniti e in Europa che adottano copricapi per ridurre il rischio di lesioni alla testa. È chiaro che nel settore mancano studi accademici e clinici di alta qualità incentrati sugli effetti dei copricapi da calcio sulle commozioni cerebrali. Diversi importanti centri di ricerca negli Stati Uniti stanno attualmente organizzando studi clinici per tentare di rispondere a questa domanda.

Conclusione Le recenti drammatiche commozioni cerebrali testimoniate da milioni di persone durante la Coppa del Mondo lo scorso anno hanno attirato ulteriore attenzione e controllo sulle politiche e sulla gestione dei traumi cranici e delle commozioni cerebrali da parte dell'organo di governo delle politiche mediche per la FIFA. L’implicazione è che il calcio giovanile, così come i funzionari delle scuole superiori e dei college, devono monitorare i giocatori che mostrano potenziali segni di commozione cerebrale, comprese difficoltà di equilibrio, vertigini, nausea o mal di testa dopo una collisione, ed essere immediatamente rimossi dal gioco. Un medico indipendente autorizzato dovrebbe quindi condurre un esame neurologico con particolare attenzione alla valutazione della cognizione, della memoria e dell'equilibrio.

1. "Lesioni alla testa e al collo nel calcio. Impatto di lieve entità... [Sports Med. 1992] - PubMed - NCBI". Ncbi.nlm.nih.gov. 2. Cantu, Robert C. e Mark Hyman. "Calcio." Commozioni cerebrali e i nostri figli: il principale esperto americano su come proteggere i giovani atleti e mantenere lo sport sicuro. Boston: Houghton Mifflin Harcourt, 2012. 3. Cuoco, Bob. "Lo studio rivela che molte ragazze calciatrici restano in campo nonostante le commozioni cerebrali." Forbes. Rivista Forbes, 21 gennaio 2014. Web. 06 maggio 2014. 4. Levy, Michael L., Aimen S. Kasasbeh, Lissa C. Baird, Chiazo Amene, Jeff Skeen e Larry Marshall. "Commozioni cerebrali nel calcio: una comprensione attuale". Scienza diretta. Science Direct, novembre 2012. Web. 12 febbraio 2014] Dr. Robert Glatter Medico, Lenox Hill Hospital Consulente medico, Storelli Sports Il Dr. Robert Glatter è un medico curante nel dipartimento di medicina d'urgenza del Lenox Hill Hospital ed è direttore della medicina dello sport e delle lesioni cerebrali traumatiche. Fa parte del comitato editoriale di medscape Emergency Medicine, il portale medico di WebMD. Il dottor Glatter è anche un collaboratore medico per Forbes e funge da consulente scientifico per l'American Council on Science and Health. Il dottor Glatter è consulente medico per Storelli Sports, un'azienda sportiva innovativa e produttrice di attrezzature protettive per il calcio di nuova generazione.
Cart Close
Updating