Quali tipi di collisioni hanno maggiori probabilità di provocare lesioni cerebrali

Sep 21, 2023


C'è molto rumore riguardo alle cause delle lesioni cerebrali nel calcio. CTE e traumi cerebrali vengono confusi tra loro, mentre alcuni attribuiscono cause errate a queste lesioni. Ciò è problematico perché giocatori, genitori e allenatori potrebbero sottovalutare i propri fattori di rischio ed esporsi involontariamente al rischio di infortuni. Ecco perché abbiamo creato questo post: per identificare i tipi di collisioni calcistiche, le lesioni cerebrali specifiche a cui provocano e come rimanere al sicuro.

Contatto giocatore-palla (colpo di testa)

Eccone uno che ha più bisogno di sfatare i miti: colpire di testa la palla provoca commozioni cerebrali. Falso! È più probabile che i colpi di testa di calcio ti provochino un danno cerebrale subconcussivo, NON una commozione cerebrale. La ricerca ha scoperto che colpire frequentemente la palla provoca neuroinfiammazione (gonfiore del cervello), alterazioni dell'integrità della sostanza bianca e accumulo di proteine ​​tau e NF-L. Questi colpi danneggiano anche gli assoni, inibendo il flusso di segnali elettrici dal cervello ad altre parti del corpo.


I colpi subconcussivi non sono così potenti come le commozioni cerebrali e spesso non producono sintomi. Tuttavia, questi cambiamenti, in particolare l’accumulo di proteine ​​infiammatorie cerebrali, possono ridurre la connettività cerebrale nel tempo e portare allo sviluppo di CTE.


Perché è fondamentale che i giocatori comprendano la differenza tra colpi subconcussivi e traumi totali? Bene, solo perché colpisci regolarmente la palla di testa e ti senti "bene" dopo, non significa che non si stia verificando un danno cerebrale. Possono volerci decenni prima che compaiano sintomi come perdita di memoria, volatilità emotiva e peggio. In effetti, leggende come Jeff Astle e Scott Vermillion sono tragicamente diminuite anni dopo il ritiro dal calcio .


È quindi fondamentale limitare la frequenza dei colpi di testa ed eseguirli con una tecnica perfetta. Ti consigliamo inoltre di indossare un copricapo da calcio come il nostro caschetto ExoShield per ridurre l'impatto di una palla in corsa che colpisce il tuo cranio.

Contatto tra giocatori (collisioni alla testa)

Sai come i giocatori cadono dopo aver saltato per una sfida aerea per colpire la palla di testa e talvolta colpire la testa? Queste collisioni provocano traumi cerebrali più di qualsiasi altro tipo di contatto nel calcio. Infatti, il 40% dei traumi calcistici avviene a causa di scontri testa a testa tra giocatori.


Perché?


L'impatto forte fa accelerare il movimento del cranio, ma il cervello rimane in uno stato di inerzia. Il cranio si ferma improvvisamente e la combinazione delle forze di taglio nel cranio e dell'inerzia fa sobbalzare il cervello. Questo movimento violento porta a lesioni immediate del cervello, a cominciare da un danno neuronale che porta alla morte cellulare.


I sintomi che ne derivano, che vanno dal mal di testa alle vertigini fino alla perdita di coscienza, possono manifestarsi quasi immediatamente. Questa è una differenza fondamentale rispetto alle lesioni subconcussive. E i giocatori, i genitori e gli allenatori devono comprendere questa differenza in modo da poter rispondere meglio e ridurre il rischio di traumi cerebrali.


Ad esempio, gli allenatori devono escludere immediatamente un giocatore e farsi valutare se ha spaccato la testa con un altro. Ciò può salvare vite umane.


Inoltre, ridurre il rischio di queste lesioni comporta un approccio diverso rispetto alle lesioni subconcussive. Costruire la massa muscolare e la forza del collo è parte di esso, perché un collo più forte può assorbire più forze concussive . Inoltre, l’allenamento sulla consapevolezza visiva può aiutare i giocatori a individuare meglio gli avversari per evitare collisioni aeree.

Contatto giocatore-terra/palo della porta

Le collisioni con il terreno e i pali della porta si verificano meno frequentemente, ma occasionalmente possono portare a lesioni gravi e pericolose per la vita. A volte i giocatori cadono di testa dopo le sfide aeree e questo potrebbe portare a traumi cerebrali, anche se è molto raro.


Tuttavia, ciò che è più probabile che accada è che un giocatore calpesti accidentalmente o prenda a calci la testa di un altro. Un piede, un ginocchio o un mento alla testa potrebbero potenzialmente fratturare il cranio poiché questi impatti producono abbastanza energia cinetica per rompere le ossa del cranio. Ciò è accaduto all'ex portiere del Chelsea, Petr Cech, nel 2006, provocando un intervento chirurgico d'urgenza per salvargli la vita.


Le collisioni con i pali della porta, sebbene rare, sono un'altra causa di frattura del cranio e possono avere conseguenze tragiche . Le collisioni sui pali della porta di solito avvengono in due modi: 1) I giocatori corrono o si tuffano accidentalmente nel palo, oppure 2) La rete si ribalta e il palo di metallo colpisce un giocatore sulla testa. In entrambi i casi, un impatto grave può fratturare il cranio. Le fratture del cranio sono le lesioni cerebrali più pericolose per la vita e richiedono un trattamento immediato, soprattutto per prevenire l’emorragia cerebrale.


Prevenire le fratture del cranio si riduce ad evitare determinate forme di contatto. Ciò potrebbe comportare l'ancoraggio dei pali in modo che non cadano. Inoltre, anche qui entra in gioco lo sviluppo della consapevolezza visiva. Essere in grado di individuare un altro giocatore o un palo della porta in tempo può aiutare i giocatori a posizionarsi lontano dal pericolo.

Come ridurre il rischio di lesioni cerebrali nel calcio

Ci auguriamo che chiarire queste distinzioni tra gli infortuni vi aiuti a capire come affrontare meglio la prevenzione di questi infortuni. Come puoi vedere, hanno tutti cause diverse. Ma puoi seguire per ridurre il rischio di subire lesioni cerebrali. Ecco il riepilogo di come farlo:

  • Esercitati nella tecnica corretta dell'intestazione
  • Sviluppare una migliore consapevolezza visiva
  • Rafforzare il collo
  • Indossa un copricapo da calcio
  • Ancorare i pali della porta

Puoi leggere informazioni su queste strategie nei nostri post “ Il modo più vicino possibile alla prevenzione delle commozioni cerebrali ” e “ Come ridurre il possibile rischio a lungo termine di colpi alla testa subconcussivi ”. Troverai una spiegazione più approfondita su come incorporare queste strategie nel tuo allenamento calcistico e nel tuo stile di vita. Non esiste un modo garantito per ridurre a zero il rischio di lesioni cerebrali, ma questi metodi possono ridurre al minimo le probabilità.


Stai cercando di ridurre il rischio di commozioni cerebrali e sub-commozioni cerebrali? Dai un'occhiata al nostro copricapo da calcio ExoShield e scopri come può ridurre le probabilità di subire una lesione cerebrale.
Cart Close
Updating