7 statistiche che mostrano l'importanza dei caschi da calcio

Oct 20, 2022


Il mondo del calcio si sta finalmente preparando a indossare caschetti per ridurre i rischi di lesioni cerebrali. Naturalmente, molti non sono ancora del tutto convinti, e c’è ancora un dibattito sulla ricerca che ne afferma l’efficacia. Questo post esaminerà in modo più approfondito alcuni studi scientifici che evidenziano i pericoli delle lesioni cerebrali e il modo in cui il copricapo può aiutare.

1. Il 22% di tutti gli infortuni nel calcio sono commozioni cerebrali.

Gli infortuni alla parte inferiore della gamba sono i più comuni nel calcio, ma le commozioni cerebrali rappresentano il 22% di tutti gli infortuni in questo sport. Si tratta di quasi un quarto di tutti gli incidenti segnalati. Non è un numero piccolo. Le commozioni cerebrali dovute al calcio possono avere conseguenze potenzialmente letali (e per tutta la vita), rendendo questo tasso di insorgenza preoccupante.


La maggior parte delle commozioni cerebrali si verificano quando i giocatori si scontrano testa a testa. Tuttavia, alcuni traumi cerebrali includono lievi lesioni cerebrali che possono verificarsi anche quando i giocatori lanciano la palla di testa. In definitiva, indossare un casco da calcio può ridurre le forze di impatto indipendentemente da come i giocatori le sostengono.

2. Il 44,5% dei genitori ha pensato di impedire ai propri figli di giocare.


Le commozioni cerebrali del calcio stanno facendo più giri nelle notizie ora; comprensibilmente, i genitori sono spaventati. Secondo uno studio, quasi la metà dei genitori ha pensato di tenere i propri figli fuori dal campo. Il problema è che si tratta di una risposta basata sulla paura, che non risolve il problema delle commozioni cerebrali. È meglio se i genitori investono in un copricapo da calcio per i loro figli poiché può ridurre il rischio consentendo loro di praticare lo sport che amano.

3. Solo il 35% dei genitori si fida della capacità degli allenatori di identificare le commozioni cerebrali.

Lo studio citato nella sezione precedente ha inoltre rivelato che la maggior parte dei genitori non ha fiducia nel giudizio degli allenatori. Uno scarso 35% dei genitori ha affermato di essere “molto fiducioso” nella capacità dei propri allenatori di rilevare le commozioni cerebrali. È spaventoso. Uno dei componenti critici del protocollo sulle commozioni cerebrali nel calcio è che gli allenatori effettuino un giudizio accurato quando i giocatori vengono colpiti. Ciò significa anche lasciarli fuori, anche se ci sono dubbi.


Detto questo, fare quella chiamata è spesso soggettivo. Ecco perché consigliamo ai giocatori di indossare un copricapo a concussione poiché offre protezione contro gli impatti violenti. Serve anche come conferma che un giocatore sta bene se sembra illeso dopo un impatto alla testa mentre indossa il copricapo.

4. Il 69% dei giovani ha giocato con sintomi di commozione cerebrale.


Il CDC ha lanciato una campagna denominata Heads Up, progettata per aumentare la consapevolezza sulle commozioni cerebrali negli sport giovanili. Un sondaggio condotto su quasi 800 giocatori delle scuole superiori ha rilevato che il 69% ha giocato con sintomi di commozione cerebrale. Ancora una volta, questo è spaventoso.


Spetta ai giocatori parlare apertamente se sono infortunati, ma comprendiamo che gli atleti resteranno atleti. Supereranno il dolore e le ferite. Per lo meno, indossare un copricapo da calcio può rendere gli impatti alla testa molto meno gravi. Se un giocatore esce da un colpo con il copricapo, è probabile che starà bene.

5. Il 40% dei giocatori riferisce che gli allenatori non erano consapevoli delle loro commozioni cerebrali.


La stessa campagna Heads Up menzionata nello studio sopra ha rivelato che solo il 40% degli allenatori è in grado di identificare le commozioni cerebrali nei propri giocatori. Ciò si collega alla scarsa fiducia dei genitori nelle capacità diagnostiche degli allenatori. In tutta onestà, gli allenatori non sono medici: non possono dire con piena certezza che un giocatore ha avuto una commozione cerebrale.


Tuttavia, molti allenatori non hanno una formazione sufficiente per individuare i sintomi di una commozione cerebrale. Inoltre, molti giocatori non riferiscono i propri sintomi agli allenatori. I caschi da calcio possono dare ai giocatori e agli allenatori una maggiore sicurezza che non si sia verificata alcuna lesione cerebrale.

6. Le ragazze hanno il doppio delle probabilità di subire traumi cerebrali nel calcio.

Uno studio pubblicato su JAMA Network Open ha rivelato che le calciatrici hanno il doppio del rischio di subire una commozione cerebrale. I ricercatori hanno studiato più di 80.000 adolescenti delle scuole superiori per tre anni. Lo studio supporta una teoria di lunga data secondo cui le ragazze e le giovani donne hanno effetti più duri. Ciò è dovuto principalmente alle differenze anatomiche, come la minore massa muscolare del collo rispetto agli uomini. Di conseguenza, i genitori di ragazze e giovani donne dovrebbero incoraggiare soprattutto le loro figlie a indossare copricapi da calcio. I risultati potrebbero essere salvavita.

7. Il copricapo può ridurre il rischio di commozione cerebrale dell'84%.


Hai letto bene, tranne per il fatto che non tutti i copricapi possono ridurre le commozioni cerebrali con quel tasso di efficacia. Il nostro lo ha fatto. In uno studio condotto dal Virginia Tech Casco Lab, il nostro caschetto ExoShield ha ridotto il rischio di commozione cerebrale dell'84% . Il laboratorio ha dimostrato la sua efficacia posizionando il caschetto su “manichini” sottoposti a simulazioni di commozione cerebrale. Si è classificato al primo posto tra 22 modelli di caschetto, rendendolo il più efficace sul mercato.

Scegliere un caschetto per commozione cerebrale da calcio

Per tornare sulla sezione precedente, vuoi essere sul tuo Ps e Qs quando cerchi un caschetto.

Non sono tutti uguali. Il motivo per cui possiamo consigliare il nostro caschetto come prima scelta è perché è collaudato.


Non solo ha ottenuto una valutazione a cinque stelle, ma è anche l'unico caschetto certificato dall'ASTM per soddisfare gli standard di sicurezza. Naturalmente, nessun caschetto può prevenire le commozioni cerebrali al 100%, comprese le nostre. Ma una certa protezione è meglio di niente, soprattutto quando tale protezione è supportata dalla ricerca.


Ottieni la migliore protezione possibile per la testa con il nostro caschetto anti-urto ExoShield .



Cart Close
Updating