Giovani: come i tassi di commozione cerebrale nel calcio si confrontano con altri sport

Jul 2, 2020


Il calcio ha notoriamente rubato i riflettori per i suoi rischi di commozione cerebrale. Più recentemente, i rischi di lesioni cerebrali di altri sport, come il calcio, hanno iniziato a fare notizia. Ma quanto è sicuro il calcio rispetto ad altri sport?

Grazie ai crescenti sforzi di ricerca da parte di specialisti in infortuni, i numeri sulle commozioni cerebrali nel calcio stanno venendo alla luce. I giovani giocatori e i loro genitori dovrebbero essere consapevoli dei rischi e delle misure preventive che possono ridurre i rischi.

Questo post dà un'occhiata alle statistiche sui rischi di commozione cerebrale e al loro confronto con altri sport. Così come cosa possono fare i giocatori per proteggersi.

Traumi cerebrali e trauma cranico in altri sport: uno studio di 11 anni y

I ricercatori hanno condotto un importante studio per comprendere meglio i rischi e le tendenze delle commozioni cerebrali legate allo sport tra i 12 principali sport delle scuole superiori. La proposta? Scoprire i tassi di incidenza tra questi sport scolastici tra gli anni scolastici 1997-1998 e 2007-2008.

Hanno raccolto i loro dati utilizzando la registrazione elettronica delle cartelle cliniche, insieme a preparatori atletici certificati che sono rimasti sul posto durante le partite e gli allenamenti per registrare gli infortuni quotidiani.

Su un totale di 10.926.892 esposizioni di atleti si sono verificate 2.651 traumi cerebrali, un tasso di 0,24 su 1.000.

Come nota a margine, un'esposizione atletica (AE) è definita come la partecipazione di un atleta a una partita o ad un allenamento. I numeri relativi ai tassi di incidenza delle commozioni cerebrali sono mostrati come "X" su 1.000, il che significa che la "X" è il numero di infortuni per ogni 1.000 volte in cui un atleta gioca in una partita o in un allenamento.

Fino al 75% di tutte le commozioni cerebrali si sono verificate negli sport maschili. Più della metà degli infortuni si sono verificati nel calcio. Negli sport femminili, tuttavia, il calcio ha registrato il maggior numero di traumi cerebrali, che a sua volta rappresenta il secondo tasso di incidenza più alto tra tutti gli sport (secondo al calcio maschile) .

Questo studio, tra molti altri, conferma la realtà che le ragazze e le donne corrono un rischio maggiore di traumi cerebrali nel calcio rispetto ai ragazzi. Tuttavia, questo studio è solo un pezzo di un puzzle più grande.

Ulteriori studi sulle commozioni cerebrali nel calcio e in altri sport

Nel corso degli anni, ulteriori studi hanno analizzato i tassi di traumi tra gli atleti giovani (sotto i 18 anni) e gli atleti adulti (dai 18 anni in su). Diamo prima un'occhiata ai giovani atleti di età inferiore ai 18 anni.

I giovani atleti, compresi i calciatori, corrono un rischio maggiore di subire traumi cerebrali e di subirne effetti a lungo termine rispetto agli atleti adulti. Ricorda, i cervelli giovani sono ancora in crescita e quindi più suscettibili alle lesioni cerebrali croniche.

Osservando uno studio pubblicato da Complete Concussion Management (CCM), sono stati scoperti i seguenti tassi di commozione cerebrale:

  1. Rugby (4,18/1.000 AE)
  2. Hockey su ghiaccio (1,20/1.000 AE)
  3. Football americano (0,53/1.000 AE)
  4. Lacrosse (0,24/1.000 AE)
  5. Calcio (0,23/1.000 AE)
  6. Lotta (0,17/1.000 AE)
  7. Basket (0,13/1.000 AE)
  8. Softball e hockey su prato (0,10/1.000 AE)
  9. Baseball (0,016/1.000 AE)
  10. Cheerleader (0,07/1.000 AE)
  11. Pallavolo (0,03/1.000 AE)

    Il 5° posto colloca il calcio in quella che considereremmo una categoria di rischio “moderato”. Non sorprende che sport come il rugby e il calcio abbiano un tasso di traumi cerebrali molto più elevato.

    Lo stesso studio ha anche analizzato i tassi di infortuni tra gli atleti di età pari o superiore a 18 anni e ha prodotto risultati abbastanza coerenti. Per gli adulti, i risultati sono stati suddivisi in tassi di commozione cerebrale durante i giochi regolari e i giochi di pratica.

    Gioco

    1. Partita di rugby maschile (3,00/1.000 AE)
    2. Football americano maschile (2,5/1.000 AE)
    3. Hockey su ghiaccio femminile (2,27/1.000 AE)
    4. Hockey su ghiaccio maschile (1,63/1.000 AE)
    5. Calcio femminile (1,48/1.000 AE)
    6. Calcio maschile (o calcetto) (1,07/1.000 AE)

    Durante la pratica

    1. Rugby maschile (0,37/1.000 AE)
    2. Hockey su ghiaccio femminile (0,31/1.000 AE)
    3. Football americano maschile (0,30/1.000 AE)
    4. Calcio femminile (o calcetto) (0,13/1.000 AE)
    5. Hockey su ghiaccio maschile (0,12/1.000 AE)
    6. Calcio maschile (o calcetto) (0,08/1.000 AE)

    Nel complesso, il calcio è più sicuro del rugby, dell’hockey e del calcio negli adulti così come lo è tra gli atleti giovani. Ma ancora una volta, il calcio femminile era più rischioso di quello maschile, e solo meno rischioso dell’hockey su ghiaccio femminile.

    Cosa significano questi tassi di traumi cerebrali per i giocatori?

    La realtà sia per i ragazzi che per le ragazze è che il calcio può essere rischioso. Con l'emergere della ricerca sulle commozioni cerebrali e di metodi sofisticati per studiare i cervelli danneggiati, stiamo iniziando a comprendere il danno che possono avere gli impatti alla testa. Ma lo scopo di queste informazioni non è incitare alla paura. Si tratta piuttosto di sensibilizzare e attuare misure per ridurre il rischio di traumi cerebrali nel calcio. In questo modo si riducono ad alcuni elementi essenziali.

  1. Indossare un copricapo da calcio : una fascia da calcio può aiutare a ridurre l'impatto dei colpi di testa e delle collisioni alla testa tra i giocatori. Ad esempio, il nostro caschetto ExoShield ha dimostrato il potenziale di ridurre significativamente i traumi cranici , anche se per essere chiari non esiste una soluzione miracolosa contro traumi cerebrali e traumi cranici.
  2. Tecnica corretta di testata della palla - Poiché i colpi di testa sono responsabili di molte commozioni cerebrali nel calcio, è importante che i giocatori imparino la tecnica corretta. Una buona tecnica aiuta i giocatori a visualizzare l’ambiente circostante in modo più astuto, evitare collisioni e incoraggia una distribuzione più “uniforme” delle forze di impatto su testa e collo.
  3. Evitare sforzi eccessivi: i giocatori trascorrono più tempo in campo e quindi si espongono a maggiori probabilità di infortuni. Gli allenatori devono considerare la quantità di tempo e impegno a cui sottopongono i propri giocatori e concedere loro adeguati periodi di riposo.
  4. Mantenere al sicuro la prossima generazione di giovani calciatori

    Non c'è modo di garantire ai calciatori un tempo in campo privo di rischi al 100%. Ci sarà sempre la possibilità di infortunarsi sul campo, e ciò potrebbe significare subire una commozione cerebrale: i numeri degli studi lo confermano. Tuttavia, con la giusta consapevolezza e le misure di protezione adottate, la prossima generazione di talenti sarà più preparata di quelle che l’hanno preceduta. Anche se nessuno può eliminare il rischio, noi possiamo ridurne i numeri.

    Cart Close
    Updating