Quali sono gli effetti a lungo termine del colpo di testa nel calcio?

May 12, 2021


  • Uno studio dell’Università della British Columbia (UBC) ha rilevato livelli elevati di proteine ​​associate alla demenza tra i giocatori di calcio che spesso colpivano di testa la palla.

  • Un esame del cervello della leggenda del calcio deceduta, Jeff Astle, ha rivelato la presenza di CTE, probabilmente dovuta ai suoi frequenti colpi di testa.

  • Nonostante i rischi, i giocatori possono mantenere il proprio cervello al sicuro dirigendosi meno frequentemente, allenandosi adeguatamente e, possibilmente, indossando un copricapo.

Non sorprende che colpire di testa la palla nel calcio sia un argomento controverso. Una volta era difficile dimostrare effettivamente i rischi di un colpo di testa. Tuttavia, ora c'è una crescente quantità di ricerche che collegano la testata del pallone da calcio e le lesioni cerebrali. Questo post esaminerà ciò che suggerisce la ricerca attuale e cosa possono fare i giocatori per ridurre al minimo i rischi di lesioni cerebrali.

La teoria sulla palla di testa e sugli infortuni a lungo termine - Demistificata

Allo stato attuale, una nuova ricerca dimostra che colpire ripetutamente la palla nel calcio può alterare negativamente la struttura e il funzionamento del cervello nel tempo. Uno studio del 2018 , condotto dall’Università della British Columbia, ha scoperto livelli elevati di proteine ​​neurodegenerative nel sangue dei partecipanti che hanno colpito di testa la palla più di 40 volte a partita.

Si tratta di proteine ​​tau e del neurofilamento leggero (NF-L) , entrambe biomarcatori di malattie neurodegenerative come la demenza, il morbo di Alzheimer e altre. Queste proteine ​​si “aggregano” insieme, formando nodi e grovigli che interrompono le comunicazioni tra i neuroni.

I ricercatori hanno confrontato i numeri in un giorno in cui i partecipanti avevano colpito di testa la palla con quelli di un giorno alternativo in cui non lo avevano fatto. Il giorno in cui i giocatori avevano colpito di testa, i loro livelli di NF-L erano significativamente più alti un’ora dopo aver colpito di testa rispetto al giorno in cui non avevano colpito di testa.

Anche un mese dopo, i giocatori mostravano livelli più elevati di queste proteine. Ancora più interessante, i partecipanti con livelli di NF-L più elevati hanno sofferto più sintomi simili a commozioni cerebrali, tra cui mal di testa, vertigini e confusione.

Niente di tutto ciò dovrebbe sorprendere. Un pallone da calcio può colpire la testa di un giocatore alla straordinaria velocità di 128 km/h, più velocemente delle auto che viaggiano al limite di velocità medio delle autostrade nordamericane. Ricorda anche che il tuo cervello non è un organo stazionario: fluttua tra il tuo cranio in un fossato di liquido cerebrospinale (CSF) . Quando la palla colpisce il cranio a una velocità così elevata, il cervello rimbalza contro la parete del cranio, provocandone la contusione (che influisce anche sulla funzione cerebrale).

La scienza non è conclusiva al 100%, ma è molto convincente. Tuttavia, ci sono esempi reali di giocatori di calcio, il cui cervello ha dimostrato esattamente il tipo di danno che questi studi di ricerca stanno scoprendo.

Effetti a lungo termine della palla colpita di testa nelle leggende del calcio

Nel 2002, la leggenda del West Brom Jeff Astle morì all'età di 59 anni , un'età relativamente giovane per un uomo altrimenti sano. Ma Astle non era più lo stesso dopo la sua illustre carriera: gli era stata diagnosticata una demenza precoce anni prima della sua morte.

Oltre un decennio dopo, nel 2014, i ricercatori hanno esaminato il cervello di Astle (che la sua famiglia ha donato poco dopo la sua morte). Il gruppo di ricerca ha scoperto la presenza di encefalopatia traumatica cronica (CTE) , un disturbo cerebrale catastrofico tipico di altri sport come la boxe o il calcio. Il medico legale ha stabilito che la causa del CTE di Astle è la conseguenza di anni trascorsi a "tirare palloni da calcio in pelle pesante".

Uno studio condotto da ricercatori dell'University College di Londra (UCL) e dell'Università di Cardiff ha scoperto anche la presenza di CTE nel cervello di quattro ex giocatori su sei esaminati.

Il professor Huw Morris, dell'UCL, ha dichiarato alla BBC: "Abbiamo visto il tipo di cambiamenti che si osservano negli ex pugili, i cambiamenti che sono spesso associati a ripetute lesioni cerebrali". 

Andò ad elaborare le sue scoperte:

"Quindi, per la prima volta in una serie di giocatori, abbiamo dimostrato che ci sono prove che un trauma cranico si è verificato in precedenza nella loro vita, il che presumibilmente ha un certo impatto sullo sviluppo della demenza."

È qui che la ricerca diventa torbida.

Colpire la palla contribuisce alla degenerazione cerebrale o semplicemente aggrava una condizione degenerativa del cervello già presente? Questo è ciò che la scienza non ha ancora capito. Le proteine ​​che abbiamo menzionato sopra - tau, neurofilamento leggero - sono largamente influenzate dalla genetica . È noto che alcune persone sono portatrici di varianti genetiche che possono portare a una produzione eccessiva di queste proteine ​​prima che si verifichi un infortunio.

Quindi potrebbe essere uno scenario dell’uovo o della gallina. Indipendentemente dal fatto che inizi con un colpo alla testa o da altrove, i giocatori devono prendere precauzioni per se stessi, ora e in seguito.

Cosa possono fare giocatori, allenatori e genitori?

Non commettere errori: il calcio è uno sport di contatto. Abbiamo già affrontato i quattro tipi di contatto ed è chiaro che un bel gioco può essere estenuante. Colpi alla testa e lesioni cerebrali possono colpire i calciatori, soprattutto quelli più giovani.

QUATTRO MODI PER MINIMIZZARE GLI EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLA PALLA DI TESTA NEL CALCIO

  • Applicare limiti di età - Attualmente, ai giocatori di calcio giovanili di età inferiore ai 12 anni è vietato colpire di testa la palla durante gli allenamenti. Questa regola dovrebbe essere applicata rigorosamente. I giovani possono essere più vulnerabili alle lesioni cerebrali, quindi la creazione di un ambiente di gioco sicuro per loro non è negoziabile.
  • Equipaggiamento protettivo da calcio - Gli studi hanno dimostrato che indossare un copricapo da calcio può ridurre il rischio di commozioni cerebrali e lesioni alla testa. In uno studio del Virginia Tech Casco Lab, il nostro caschetto ExoShield ha ridotto dell'84% la forza applicata alla testa . I giocatori di tutte le età possono indossare questo copricapo per una maggiore protezione, sia negli allenamenti che nelle partite.
  • Insegna la tecnica corretta di testa nel calcio : ci sono modi giusti e sbagliati per colpire di testa la palla. Una tecnica scadente non solo riduce l’efficacia di un colpo di testa, ma aumenta anche il rischio di lesioni cerebrali. È importante che gli allenatori insegnino la tecnica corretta del colpo di testa ed è fondamentale che i giocatori la padroneggino.
  • Forza e condizionamento – Una scarsa forza del collo è stata correlata ad un aumento del rischio di lesioni cerebrali. Gli allenatori e gli allenatori dovrebbero incorporare esercizi di rafforzamento del collo per i giocatori che sono abbastanza grandi per colpire la palla di testa.

Le prove sono lampanti

Le neuroscienze stanno finalmente svelando i misteri di come colpire direttamente la palla nel calcio possa danneggiare il cervello. La ricerca di un biomarcatore di danno - in questo caso le proteine ​​tau e NF-L - è sempre stata un fattore decisivo per stabilire un collegamento e gli scienziati lo hanno osservato.

Con l’avanzare della tecnologia, si spera che i ricercatori imparino di più su come mantenere i giocatori di calcio più sicuri contro le lesioni cerebrali. Per ora, le misure più efficaci a disposizione dei giocatori sono una corretta tecnica di testa, equipaggiamento di sicurezza e condizionamento regolare.

Rendere queste misure di sicurezza un’abitudine può salvare la vita alla prossima generazione di calciatori.

Stai cercando di ridurre il rischio di commozioni cerebrali e lesioni cerebrali? Dai un'occhiata al nostro caschetto ExoShield per scoprire come può tenerti al sicuro!



Cart Close
Updating