Commozioni cerebrali nel calcio: Fase 2 - Recupero e ritorno

Jan 17, 2017


Storelli presenta la seconda parte di " Le commozioni cerebrali nel calcio " - una serie incentrata sulle fasi di riconoscimento, recupero e ritorno nella gestione di una commozione cerebrale. Gli infortuni alla testa, la protezione della testa e i protocolli di testa non sono mai stati argomenti così caldi nel mondo del calcio. Il nostro consulente medico, il dottor Raymond Rocco Monto, offre una serie di fatti sulle lesioni alla testa e le migliori pratiche per aiutarci a rendere il Beautiful Game il più sicuro possibile.

Continuando dalla nostra prima puntata , la Fase 2 affronta il recupero e il ritorno. Qui condividiamo approfondimenti e migliori pratiche per gestire una commozione cerebrale e superare il lato oscuro del Beautiful Game. Continua a leggere e assicurati di condividere questo rapporto con amici, familiari e allenatori in modo che il mondo del calcio possa essere più informato e meglio preparato ad affrontare le commozioni cerebrali.

Fase 2: Recupero della commozione cerebrale

Cosa devo fare dopo aver subito una commozione cerebrale?

La prima cosa che devi fare è USCIRE DAL GIOCO! La rimozione immediata è il mantra qui perché il tuo cervello è più suscettibile a pericolose nuove lesioni immediatamente dopo il primo trauma. Studi di laboratorio dimostrano che i neuroni cerebrali si depolarizzano dopo una lieve commozione cerebrale e necessitano di 1-10 giorni per riprendersi. Lesioni più gravi portano a sintomi che possono richiedere settimane per risolversi. Tutti i giocatori dovrebbero sottoporsi a uno screening di base ( come un test ImPact ) in modo che possano essere valutati per lesioni cerebrali dopo una commozione cerebrale durante la stagione. Sebbene esistano molti protocolli efficaci per il recupero da una commozione cerebrale, tutti condividono gli stessi cinque passaggi fondamentali:

L'abbigliamento protettivo da calcio Storelli aiuta i giovani giocatori a giocare in modo più sicuro e a ottenere prestazioni migliori Fonte: Elbin RJ, Sufrinko A, Schatz P, French J, Henry L, Burkhart S, Collins MW, Kontos AP: Removal of Play After Concussion and Recovery, Pediatrics. 2016, e20160910; doi: 10.1542/peds.2016-0910

Riposo : dopo una commozione cerebrale è necessario riposare finché TUTTI i sintomi non si sono risolti per almeno 24 ore. Questo periodo può durare un giorno o due o durare fino a un mese a seconda della gravità della lesione. Dovresti discutere il protocollo di recupero con il tuo medico e lo staff di allenamento e informare la tua famiglia, l'allenatore e la squadra del tuo stato.

Lieve commozione cerebrale : ora puoi iniziare brevi periodi di 5-10 minuti di esercizio supervisionato come camminare, nuotare o andare in bicicletta stazionaria. Questi esercizi aiutano ad aumentare la frequenza cardiaca e i sintomi devono essere attentamente monitorati per verificare eventuali ricadute. Se continui a riscontrare sintomi, scusa, ma torna al passaggio n. 1 e vai. Se stai andando bene, continua. Questa seconda fase di recupero dura solitamente diversi giorni o finché non ti senti pronto per progredire.

Esercizio moderato : il tuo prossimo traguardo inizia con la graduale estensione dei periodi di esercizio a 10-30 minuti. Puoi anche aggiungere esercizi di calcio leggeri e senza contatto. Avrai bisogno di una stretta supervisione a questo punto per monitorare i sottili effetti residui della lesione cerebrale. In questo momento vengono spesso eseguiti test cognitivi ripetuti per valutare i tuoi progressi.

Esercizio pesante : è qui che premi il pedale sull'acceleratore e inizi ad andare avanti. Ancora nessun contatto, ma ti stai allenando, andando in sala pesi. Non sei ancora fuori pericolo, ma i tuoi sintomi dovrebbero essere risolti a questo punto. Dovresti dormire normalmente e sentirti energico. In caso contrario, rimani in questa fase finché non lo fai. Ricorda che le lesioni alla testa ripetute sono molto più pericolose della prima e richiedono molto più tempo per riprendersi. Non vale la pena tornare indietro, qualunque sia il motivo.

Contatto – Ok, quindi sei arrivato fin qui e non hai più avuto sintomi. Ora stiamo parlando. Ora puoi iniziare ad allenarti con la tua squadra in esercizi di contatto e piccole mischie. Ti senti ancora bene? Sei fortunato, ti aspettano un test finale di screening della commozione cerebrale e un controllo visivo. Se li superi a pieni voti, sei finalmente guarito e puoi tornare a giocare.

Fase 3: Ritorno e Prevenzione

Come posso prevenire le commozioni cerebrali?

Quindi hai fatto tutto bene. Hai riconosciuto di aver avuto una commozione cerebrale. Hai attraversato le cinque fasi del recupero e ora non hai più sintomi e sei pronto per tornare a giocare. E adesso? Come puoi prevenire un altro infortunio spaventoso? Senti, sappiamo tutti che non smetterai di giocare. Lo capisco. Quindi cosa puoi fare per proteggerti in futuro?

La prima e più ovvia cosa è essere completamente onesti con te stesso e con i tuoi compagni di squadra riguardo ai tuoi precedenti infortuni alla testa e NON tornare finché non avrai completato TUTTE le fasi di recupero. Il modo più semplice per prevenire un nuovo infortunio è consentire il pieno recupero.

Successivamente, assicurati di lavorare per rafforzare i muscoli del collo e della parte superiore del busto poiché possono aiutare a prevenire o almeno assorbire una grande quantità di forze di contatto durante le collisioni e le giostre con altri giocatori. In palestra, questo include rematori seduti, trazioni dietro la testa, tricipiti, panca e lavoro sul core.

Il copricapo da calcio Storelli è stato testato presso Virginia Tech e classificato come il migliore di tutti, con 5 stelle
Fonte: Kawata K, Tierney R, Phillips J, Jeka JJ: Effetto di impatti ripetuti sub-concussivi della testa sul punto di convergenza oculare vicino Int J Sports Med. 2016; 37(5):405-10. doi: 10.1055/s-0035-1569290.


La protezione per la testa da calcio Storelli può ridurre significativamente il rischio di lesioni alla testa

Fonte: #1 Hanlon EM, Bir CA. Misurazione dell'accelerazione della testa in tempo reale nel calcio giovanile femminile. Esercizio di scienze mediche sportive. 2012; 44:1102–1108. doi:10.1249/MSS.0b013e3182444d7d /

Fonte n. 2: Temoun M, Sadeghi H, Nabaei A, Ksaeian A: La relazione tra i parametri biomeccanici-antropometrici e la forza esercitata sulla testa quando si tirano calci di punizione nel calcio, Arch Trauma Res, 2012; 1(1):44-48. doi:10.5812/atr.5307 .

Quindi la giuria rimane fuori sulla questione dell'intestazione. Sono in corso ulteriori studi per vedere se questi cambiamenti sono patologici o semplicemente cambiamenti adattativi alle sollecitazioni della direzione. Il calcio americano, tuttavia, non attende ulteriori dati. Sotto estrema pressione legale per intraprendere qualche tipo di azione, l'organizzazione ha vietato tutti i colpi di testa ai giovani giocatori sotto gli 11 anni. Il tempo dirà se questo diminuisce o meno gli infortuni alla testa nel calcio, poiché la maggior parte è dovuta a collisioni tra giocatori e non a colpi di testa.

La più grande domanda irrisolta è se un trauma cranico subconcussivo ripetuto e concussivo possa o meno portare alla malattia cerebrale invalidante e potenzialmente letale, CTE. Sebbene ad alcuni giocatori di calcio di alto profilo, come la stella brasiliana Bellini, che guidò la sua squadra alla vittoria della Coppa del Mondo del 1958, sia stata diagnosticata la condizione durante l'autopsia, non è stato stabilito alcun collegamento sicuro.

Tuttavia, permangono profonde preoccupazioni. L'ex vincitrice della Coppa del Mondo degli Stati Uniti, Brandi Chastain, si è impegnata a sottoporsi a un esame del cervello per la CTE dopo la sua morte. Quindi cosa dovresti fare per andare adesso?

Concentrati sulla tecnica corretta, mantieni il collo e il busto forti, mantieni un personale "conteggio dei colpi di testa" durante l'allenamento (mantienilo sotto i 10) e scegli tatticamente i momenti in cui la direzione ha senso.

Il copricapo può aiutare a eliminare il rischio dalla rotta? Con così tanta posta in gioco, è in gioco una grande quantità di ricerca e le risposte arriveranno. Dovresti aspettare più dati prima di prendere in considerazione il copricapo? Questa è una decisione che dovrai fare per te stesso, ma personalmente ti consiglierei di prendere in considerazione l'idea di prepararti per il bene del tuo organo più importante.

Il Dr. Raymond Rocco Monto è uno scrittore collaboratore di Storelli.com focalizzato sulle tecniche di allenamento del calcio e sugli esercizi fisici e mentali per aiutarti a migliorare il tuo gioco.
Cart Close
Updating