Il protocollo sulla commozione cerebrale: ciò che ogni allenatore di calcio deve sapere

Mar 4, 2020


***Questo articolo fa parte di una serie educativa per genitori di calciatori e giovani giocatori alle prime armi***

Un calciatore adolescente salta per una sfida aerea, poi si scontra testa a testa con un avversario e poi cade a terra. È stato un duro colpo. Tuttavia, si alza e torna subito in azione, apparentemente illesa.

Più tardi, prima di una sessione di condizionamento, le sanguina il naso, ma lei lo ignora per continuare l'allenamento. Ad ogni allenamento successivo, si affatica facilmente e nella partita successiva cade di nuovo a terra, ma questa volta non riesce a rialzarsi per giocare.

Questa è una descrizione dello spot pubblicitario del governo dell'Ontario che ha fatto il suo debutto nel 2019. Lo spot fornisce un messaggio potente per gli allenatori. Sta dicendo loro di dare priorità alla sicurezza rispetto alle prestazioni riconoscendo i segni di una commozione cerebrale e come trattarli.

Detto questo, questo post aiuterà allenatori, genitori e giocatori a riconoscere che aspetto hanno le commozioni cerebrali e come possono essere gestite.

La natura insidiosa delle commozioni cerebrali

I colpi violenti alla testa non sono sempre l'aspetto più pericoloso delle commozioni cerebrali. Dopotutto, il cervello (e il cranio) possono assorbire una quantità sorprendente di traumi e comunque guarirsi se gli viene dato abbastanza tempo. Ma è proprio lì che sta il problema. I segni di una commozione cerebrale possono facilmente passare inosservati ed è ormai un fatto ampiamente accettato che le vittime di una commozione cerebrale non sempre perdono conoscenza.

A complicare la diagnosi di una commozione cerebrale è il fatto che i raggi X, le scansioni TC standard e la risonanza magnetica non possono rilevarle facilmente. Quando un giocatore subisce un colpo e non mostra segni evidenti di lesione cerebrale, gli allenatori e lo staff della squadra possono presumere che sia “a posto”. Tuttavia, tale decisione può essere mortale.

Prendi, ad esempio, il defunto Rowan Stringer (nella foto sotto). Era una studentessa delle scuole superiori di Ottawa e giocatrice di rugby che morì l'8 maggio 2013 dopo essere stata placcata durante una partita . Non è stata la prima commozione cerebrale a uccidere Stringer: ha ceduto a un grave trauma cerebrale dopo aver subito diverse commozioni cerebrali. È chiaro che è scivolata attraverso le fessure per così dire, mostrando pochi segni di lesioni cerebrali finché non era troppo tardi.

La morte di Stringer ha ispirato la Legge di Rowan, un appello a mettere la sicurezza dei giocatori al primo posto dopo le collisioni con la testa.

Ciò dimostra la triste realtà che un impatto iniziale potrebbe non essere abbastanza grave da ferire immediatamente un giocatore, ma abbastanza significativo da lasciarlo vulnerabile a conseguenze fatali. Gli esperti medici ora la chiamano sindrome del secondo impatto, la causa della morte di Rowan Stringer, che è una condizione rapidamente pericolosa per la vita che richiede cure mediche immediate.

Sfortunatamente, alcuni giocatori come Stringer che arrivano a questa fase non possono essere salvati perché il danno subito in precedenza era troppo grave. Ciò evidenzia l’importanza di affrontare i sintomi della commozione cerebrale prima che peggiorino.

La scomparsa di Stringer, per quanto tragica, ha portato alla creazione della Rowan's Law , la legislazione sulla sicurezza in caso di commozione cerebrale dell'Ontario che ha ispirato anche lo spot pubblicitario menzionato all'inizio di questo post.

La conclusione fondamentale qui è un cliché: prevenire è meglio che curare. Non è del tutto possibile prevenire una commozione cerebrale, ma è possibile adottare misure per prevenirne gli effetti più negativi.

Il protocollo sulle commozioni cerebrali che ogni calciatore dovrebbe conoscere

Come accennato nella sezione precedente, le commozioni cerebrali possono essere difficili da diagnosticare. Non è semplice come identificare una frattura ossea o uno strappo muscolare: è necessario un approccio sistematico per determinare se un giocatore ha subito una commozione cerebrale o meno. Detto questo, ci sono criteri stabiliti dal Ministero della Salute del governo dell'Ontario che gli allenatori possono seguire dopo che un giocatore è coinvolto in uno scontro testa a testa.

Riconosci in anticipo i segnali di una commozione cerebrale

Fisico


  • Vomito
  • Biascicamento
  • Tempo di reazione rallentato
  • Scarsa coordinazione o equilibrio
  • Sguardo vuoto/occhi vitrei/sguardo stordito o vacuo
  • Diminuzione della capacità di gioco
  • Perdita di coscienza o mancanza di reattività
  • Sdraiato immobile a terra o lento ad alzarsi
  • Amnesia
  • Convulsioni o convulsioni
  • Afferrare o stringere la testa

Cognitivo

 

  • Difficoltà di concentrazione
  • Facilmente distratto
  • Confusione generale
  • Non riesco a ricordare cose accadute prima e dopo l'infortunio
  • Non conosce l'ora, la data, il luogo, la classe, il tipo di attività a cui stava partecipando
  • Tempo di reazione rallentato (p. es., rispondere a domande o seguire indicazioni)

Emotivo/comportamentale


  • Emozioni strane o inappropriate (ad esempio, ridere, piangere, arrabbiarsi facilmente)

Disturbi del sonno


  • Sonnolenza
  • Insonnia



Fisico

 

  • Mal di testa
  • Pressione in testa
  • Dolore al collo
  • Sentirsi fuori/non giusto
  • Fischio nelle orecchie
  • Vedere doppio o sfocato/perdita della vista
  • Vedere le stelle, le luci lampeggianti
  • Dolore nel sito fisico della lesione
  • Nausea/mal di stomaco/dolore
  • Problemi di equilibrio o vertigini
  • Affaticamento o sensazione di stanchezza
  • Sensibilità alla luce o al rumore



Cognitivo

 

  • Difficoltà a concentrarsi o a ricordare
  • Rallentamento, stanchezza o poca energia
  • Stordito o nella nebbia


Emotivo/comportamentale


  • Irritabile, triste, più emotivo del solito
  • Nervoso, ansioso, depresso


Disturbi del sonno

 

  • Sonnolente
  • Dormire più/meno del solito
  • Difficoltà ad addormentarsi

Trattare un giocatore cosciente

  1. Rimuovere immediatamente il partecipante dall'attività.
  2. Se si osservano segni o vengono segnalati sintomi, si deve sospettare una commozione cerebrale.
  3. Se non si sospetta una commozione cerebrale (vale a dire, i segni non vengono osservati e i sintomi non vengono segnalati), il partecipante può riprendere l'attività fisica; tuttavia, se applicabile, è necessario contattare un genitore/tutore e informarlo dell'incidente.*
  4. Se applicabile, contattare il genitore/tutore e informarlo dell'infortunio e della necessità di essere visitato da un medico o da un infermiere.
  5. Restare con il partecipante ferito fino all'arrivo di un genitore/tutore o di un contatto di emergenza.
  6. Monitorare e documentare eventuali cambiamenti fisici, emotivi e/o cognitivi. * Ricorda: segni e sintomi di commozione cerebrale possono comparire entro ore o giorni dall'infortunio.

Per un partecipante che è cosciente: 

  • In caso di dubbio, lasciali fuori.
  • Non somministrare farmaci (a meno che le condizioni non lo richiedano, ad esempio l'insulina per i diabetici).
  • Se applicabile, assicurarsi che un genitore/tutore sia consapevole che deve informare l'allenatore, l'amministratore e/o il supervisore delle condizioni del partecipante (ad esempio, commozione cerebrale o non commovente) prima del suo ritorno all'attività fisica.)

Trattare un giocatore incosciente

  1. Avviare un piano d'azione di emergenza e chiamare il 911.
  2. Se applicabile, contattare il genitore/tutore del bambino/ragazzo per informarlo della lesione e che il bambino verrà trasportato in ospedale.
  3. Restare con la persona fino all'arrivo dei servizi medici di emergenza.
  4. Monitorare e documentare eventuali cambiamenti fisici, emotivi e/o cognitivi.

Per qualcuno che è incosciente:

  • Supporre che vi sia anche una possibile lesione alla testa e/o al collo e, solo se addestrati, immobilizzare l'individuo prima del trasporto in ambulanza all'ospedale.
  • Non rimuovere l'attrezzatura sportiva (ad esempio il casco) a meno che non vi siano difficoltà a respirare.
  • Se applicabile, assicurarsi che il genitore/tutore del bambino/ragazzo sia consapevole che deve informare l'allenatore, l'amministratore e/o il supervisore delle condizioni del bambino/ragazzo (ad esempio, commozione cerebrale o non commovente) prima che il bambino/giovane ritorni alla struttura fisica. attività.
  • Anche se riprende conoscenza, è necessario che venga esaminato da un medico o da un infermiere. (vedi i passaggi seguenti per qualcuno che è cosciente)

Promemoria per la riduzione del rischio di commozione cerebrale nel calcio

Incoraggiare l'uso del copricapo da calcio

Innanzitutto, raccomandiamo ai giocatori di tutte le età di indossare un copricapo da calcio dove e quando appropriato. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche e sebbene non esista una soluzione miracolosa contro i rischi di commozione cerebrale, studi recenti suggeriscono che il giusto tipo di copricapo da calcio può essere efficace nel ridurre drasticamente i rischi.

Ad esempio, il nostro caschetto Storelli Exoshield è stato valutato da Virginia Tech come una delle migliori fasce da calcio sul mercato. È stato stimato che riduce il verificarsi di traumi cerebrali dell'84% nei test di laboratorio della Virginia Tech. Inoltre, uno studio di 2 anni su giocatori di calcio delle scuole superiori condotto dall'Università del Wisconsin Madison ha dimostrato che, mentre il copricapo "medio" non riduceva significativamente il rischio di traumi cerebrali, il caschetto Storelli ExoShield riduceva statisticamente il rischio relativo di traumi cerebrali del 60% , l'unico prodotto studiato per ottenere un beneficio statistico.

Insegna la tecnica corretta di colpire la palla

I giocatori di calcio spesso subiscono traumi cerebrali durante i tentativi di testa e ciò spesso si verifica a causa della mancanza di una buona tecnica. Con una tecnica scarsa, i giocatori aumentano il rischio di commozione cerebrale perché colpiranno male la palla di testa o perderanno consapevolezza di dove si trova un avversario e si scontreranno con lui. Per evitare che si verifichi uno di questi scenari, è utile che gli allenatori insegnino ai giocatori le seguenti tecniche.

  • Tieni d'occhio la palla mentre è in volo
  • Parla con i tuoi compagni di squadra mentre la palla è in aria
  • Mira al centro della fronte
  • Tieni gli occhi aperti finché non viene stabilito il contatto
  • Spingi la palla al contatto

Se vengono colpiti, falli sedere

Negli scenari migliori, i giocatori guariranno dai danni da commozione cerebrale in tempi relativamente brevi. Tuttavia, queste lesioni cerebrali possono essere killer silenziosi se non riconosciute e ulteriormente aggravate.

Quindi non correre il rischio.

Se sospetti che un giocatore abbia subito una commozione cerebrale o anche un lieve infortunio a causa di un impatto alla testa, portalo immediatamente a bordo campo. Ciò eviterà che un infortunio altrimenti gestibile si trasformi in un pericolo per la vita.

Cart Close
Updating