Giovani: il calciatore incline agli infortuni: come possono affrontarlo gli allenatori

Mar 4, 2020


***Questo articolo fa parte di una serie educativa per genitori di calciatori e giovani giocatori alle prime armi***

Non esiste atleta, non importa quanto sia forte, che possa sfuggire a un infortunio. Che si tratti di un lieve affaticamento muscolare o di un legamento crociato anteriore, la maggior parte dei giocatori di calcio probabilmente dovrà affrontare un infortunio ad un certo punto della propria carriera. Ma per quelli sfortunati, gli infortuni li affliggeranno regolarmente.

Questi sono gli atleti soggetti a infortuni che per vari motivi vengono spesso messi da parte. Il dilemma che devono affrontare gli allenatori è gestire un giocatore di talento che non riesce a raggiungere il proprio potenziale a causa di frequenti infortuni. Come possono superarlo?

Comprendere le origini della predisposizione agli infortuni

Per poter gestire un giocatore incline agli infortuni, gli allenatori devono prima capire perché un atleta affronta questo problema. È fondamentale per gli allenatori conoscere le potenziali cause della predisposizione agli infortuni perché può aiutarli a prendere decisioni che manterranno in salute i loro giocatori.

Genetica e trucco corporeo

Il patrimonio genetico di un atleta può donargli una forza sovrumana, una velocità incredibile o un'abbagliante coordinazione occhio-mano; può anche renderli più suscettibili agli infortuni .

Prendi, ad esempio, una lesione del legamento crociato anteriore (ACL). Il movimento sbagliato può causare la rottura del legamento crociato anteriore di qualsiasi atleta, ma gli scienziati hanno isolato una variante genetica che rende alcuni giocatori più propensi a soffrirne: il gene COL1A1 . I ricercatori hanno scoperto che questo gene altera la composizione strutturale dei tessuti e delle ossa e può portare a rotture del legamento crociato anteriore e lussazioni della spalla.

Gli scienziati hanno anche scoperto gli effetti limitanti di un'anomalia del gene AMPD1 . Una particolare mutazione di questo gene provoca una carenza dell'enzima adenosina monofosfato deaminasi (AMPD, provate a dirlo in fretta), che può portare a dolori muscolari, crampi e affaticamento precoce.

In definitiva, questi esempi rivelano che alcuni atleti hanno maggiori probabilità di subire infortuni a causa del loro DNA.

Squilibri muscolari e scarsa condizione fisica

L'allenamento di un atleta prima di un infortunio può essere la causa, soprattutto perché si allena per diventare più grande, più veloce e più forte, ma spesso trascura il condizionamento di tutto il corpo. Ciò porta a squilibri muscolari, stabilità del core debole e scarso controllo neuromuscolare.

Alla fine, un giocatore inizierà a utilizzare il proprio corpo in modo inefficiente e ciò può facilmente aumentarne le probabilità di subire infortuni o aggravare quelli già esistenti.

Sforzo eccessivo

Un altro fattore trascurato che può rendere un calciatore incline agli infortuni è il volume di gioco e di allenamento a cui si impegna. Oggi è comune per i giocatori di calcio di tutti i livelli giocare in partite e tornei della stagione regolare oltre alle sessioni di allenamento. Il programma intenso del calcio moderno mette a dura prova anche i giocatori più sani, tanto meno quelli che hanno una predisposizione genetica agli infortuni o la mancanza di un adeguato condizionamento.

Affrontare la predisposizione agli infortuni

Tenendo presenti questi tre fattori principali, gli allenatori possono valutare la salute di alcuni giocatori e se necessitano o meno di aggiustamenti nell’allenamento.

Sii attento alla salute dei tuoi giocatori

Per affrontare la predisposizione agli infortuni, gli allenatori devono osservare con molta attenzione le prestazioni dei loro giocatori. Vengono costantemente sostituiti perché sono feriti? Hanno un fastidioso infortunio che li ha tormentati per tutta la stagione (o per molte stagioni)? Si sono lamentati di un simile infortunio faccia a faccia?

Se è evidente che un giocatore sta affrontando un infortunio cronico, l'allenatore deve considerare come aiutarlo immediatamente. L'allenatore può incoraggiare quel giocatore a consultare un fisioterapista che possa riabilitarlo. Gli allenatori dei college e delle università potrebbero voler avvisare un medico nel campus.

In alcuni casi, un medico potrebbe dover valutare un giocatore utilizzando raggi X, risonanza magnetica, scansioni TC e altri strumenti diagnostici insieme a test speciali (ad esempio protocolli per commozione cerebrale).

E ora, con servizi di test diretti al consumatore come 23andMe e Fitness Genes , tra gli altri, i giocatori possono effettivamente esaminare i propri dati genetici per vedere a quali lesioni potrebbero essere suscettibili. Detto questo, i risultati di questi test non sono infallibili al 100% e potrebbe dover essere interpretati da uno specialista qualificato.

Condizionamento ed esercizio fisico

Come accennato in precedenza, la mancanza di un buon condizionamento spesso porta a squilibri muscolari e debolezza, che si traducono entrambi in infortuni. Pertanto, ogni allenatore dovrebbe dare priorità al condizionamento di tutto il corpo . Questo può differire da squadra a squadra, ma in generale ci sono alcune routine di esercizi che tutti gli allenatori dovrebbero prendere in considerazione.

Una delle routine di allenamento più efficaci è il programma di condizionamento neuromuscolare FIFA +11 . La ricerca ha dimostrato che gli esercizi di riscaldamento neuromuscolare possono ridurre significativamente i rischi di infortuni e aumentare le prestazioni in aree come l’agilità e la potenza.

Una routine di condizionamento dovrebbe includere anche l’allenamento con i pesi per sviluppare forza muscolare, potenza e resistenza (e massa dove necessario). Muscoli, tendini e legamenti forti manterranno il corpo più resistente agli impatti frequenti e agli stress ripetitivi che causano lesioni.

Equipaggiamento protettivo da calcio

Ultimo ma non meno importante, gli allenatori potrebbero incoraggiare i giocatori a indossare indumenti protettivi da calcio dalla testa ai piedi. Il rischio di infortuni che i giocatori di calcio devono affrontare può essere ridotto indossando indumenti protettivi di un produttore rispettabile.

Ci sono pezzi di equipaggiamento base e non negoziabili, come i paragambe, che ogni giocatore dovrebbe indossare. Altri utili indumenti protettivi per il calcio includono pantaloncini imbottiti e magliette che riducono le forze di impatto sul corpo.

Sebbene gli infortuni alle gambe siano più comuni nel calcio, gli infortuni alla testa sono quelli più debilitanti e pericolosi per la vita. Il nostro caschetto ExoShield è perfetto in quanto è stato stimato che il Virginia Tech Casco Lab riduca il rischio di lesioni alla testa fino all'84% . Anche se questi dati sono lungi dall'essere conclusivi e sono necessarie ulteriori ricerche per consolidare la nostra comprensione, il copricapo protettivo o altri indumenti protettivi possono essere una buona scelta per i giocatori che vogliono sbagliare per giocare sul sicuro.

Predisposizione agli infortuni: non è una maledizione che dura tutta la carriera

È scoraggiante vedere i professionisti giocare al di sotto del loro potenziale a causa degli infortuni persistenti. È ancora più tragico vedere giovani giocatori che sono lontani anni dal loro massimo e che subiscono infortuni persistenti.

Gli allenatori potrebbero non essere in grado di curare un giocatore incline agli infortuni, ma possono gestirlo in modo appropriato in modo che rimanga il più sano possibile. Si inizia con la consapevolezza dei punti di forza e di debolezza del giocatore e con la gestione del carico che grava su di esso.

Inoltre, gli allenatori e lo staff della squadra dovrebbero prestare attenzione al condizionamento dei propri giocatori e all'equipaggiamento protettivo che utilizzano. Mettendo in atto queste misure, gli allenatori possono mantenere i loro giocatori soggetti a infortuni in campo e farli funzionare al meglio.

Cart Close
Updating