Cosa dovrebbero insegnarci 50 anni di storia delle commozioni cerebrali nel calcio

Nov 1, 2021


Le commozioni cerebrali possono sembrare un argomento nuovo e scottante nei titoli dei giornali, ma gli effetti delle lesioni cerebrali sono sul radar ormai da oltre 50 anni. Solo ora l’argomento ottiene il riconoscimento che merita. Ciò che conta di più è non aspettare altri 50 anni per agire per rendere il calcio più sicuro. Questo post esaminerà la storia della ricerca sulle commozioni cerebrali nel calcio e cosa devono fare gli organizzatori e gli allenatori della lega per salvaguardare i nostri giovani.

Uno sguardo storico alla consapevolezza della commozione cerebrale

Nel 1969, il defunto John Arlott alludeva alla mancanza di consapevolezza della commozione cerebrale nel The Guardian. Riferendosi ai sintomi che molti giocatori di calcio hanno sperimentato dopo un duro colpo alla testa, ha detto: “È sorprendente che non sentiamo casi di danni cerebrali simili all’ubriachezza da pugno in coloro che hanno subito queste continue percosse”.


Nel 1972, WB Matthews pubblicò un articolo sul British Medical Journal che portava sotto i riflettori gli effetti della commozione cerebrale ormai noti . Ha menzionato come le commozioni cerebrali nei giovani che hanno subito forti colpi alla testa hanno subito numerosi effetti tra cui problemi del campo visivo, tra gli altri.


Nel 1973, il professor Bill Johnson , capo del dipartimento di ingegneria meccanica presso l'Istituto di Scienza e Tecnologia dell'Università di Manchester, presentò un articolo che attirò l'attenzione sulla fisica e sull'impatto della direzione di un pallone da calcio.


Nel 1974, il Sunday Times riferì che 26 dei 55 giocatori di calcio morti a partire dal 1951 avevano subito ferite alla testa. Quasi due decenni dopo, Johnson condusse un esperimento per trovare una correlazione tra le forze di impatto generate dal pallone da calcio e le lesioni cerebrali. Ha misurato la velocità della palla e l'accelerazione della testa dopo l'impatto. Johnson ha osservato che un colpo alla testa potrebbe non essere dannoso, ma i colpi ripetuti alla testa probabilmente erano molto dannosi.


Ma Johnson non era l’unico a essere consapevole di questi effetti. Non dimentichiamo i giocatori stessi. Il difensore del Middlesbrough Bill Gates ha ammesso che a volte soffriva di emicrania dopo aver colpito di testa la palla in allenamento. Altri giocatori si sono lamentati della nausea dovuta al fatto di mandare costantemente una palla fangosa sulla fronte.


Altri hanno menzionato una sensazione di disorientamento e confusione mentale che non sembrava proprio risolversi. E quando Chris Chilton, attaccante dell'Hull City scomparso nel maggio 2021, è stato sottoposto a diagnostica per immagini, lo specialista gli ha detto che aveva il collo di un uomo di 92 anni. Chiaramente, giocatori, medici e molti altri sapevano che c'era qualcosa che non andava con gli impatti alla testa nel calcio: non erano senza conseguenze e potenzialmente pericolosi per la vita se non si ricevevano cure mediche.

Conseguenze dell'ignoranza

Sfortunatamente, le conseguenze derivanti dall’ignorare le commozioni cerebrali del calcio rispecchiano ciò che è accaduto nel football americano. Ci sono voluti anni perché la NFL riconoscesse le preoccupazioni sulle lesioni cerebrali e sul CTE, che alla fine hanno tolto la vita a molti giocatori. Questo è successo anche nel calcio.


Jeff Astle, che era un prolifico colpo di testa, è morto nel 2002 all'età di 59 anni. Quando i ricercatori hanno esaminato il suo cervello nel 2014, gli hanno diagnosticato postumo un CTE. La Jeff Astle Foundation ha rivelato che oltre 250 ex calciatori professionisti soffrono di malattie neurodegenerative , che probabilmente derivano dal colpire costantemente la palla di testa. Includono artisti del calibro della stella brasiliana Belini e dei giocatori americani Patrick Grange e Curtis Baushke.


Il calcio è stato a lungo considerato meno fisico rispetto ad altri sport come il calcio e il rugby. Come dice a proposito di questi casi la dottoressa Ann McKee, direttrice del CTE Center dell'Università di Boston: "Penso che ciò sottolinei ancora una volta che si tratta di una malattia che offre pari opportunità".


Purtroppo non saranno gli ultimi. Molti dei loro successori inizieranno a mostrare sintomi di commozione cerebrale come lesioni croniche alla testa, e i giocatori più giovani attualmente attivi potrebbero subire un destino simile in futuro. Tuttavia, questa spaventosa storia di traumi calcistici non deve ripetersi.

Cosa è necessario cambiare per mantenere al minimo le commozioni cerebrali nel calcio

Per prevenire traumi cerebrali nella prossima generazione di giocatori, dobbiamo proteggerli dagli impatti alla testa e trattare le lesioni alla testa in modo più aggressivo. Prima di tutto, dobbiamo essere più proattivi e intensificare le misure preventive per le commozioni cerebrali.


Non stiamo facendo abbastanza. Noi – e questo significa allenatori e genitori – dovremmo incoraggiare più giovani giocatori a indossare copricapi anti-shock, soprattutto se sono frequentemente soggetti a impatti alla testa. Ciò include coloro che colpiscono spesso la palla di testa e, per estensione, saltano spesso in aria per le sfide aeree.


Dovremmo anche sottolineare l'importanza della tecnica (direzione della palla, consapevolezza della situazione e così via) non solo per la prestazione ma per la sicurezza. I calciatori esperti non solo abbagliano gli spettatori, ma riescono più facilmente a evitare abitudini che potrebbero causare infortuni.


Naturalmente, la prevenzione delle commozioni cerebrali non è infallibile: possono comunque verificarsi lesioni alla testa. Ecco perché dobbiamo prendere più seriamente anche le lesioni alla testa. Molti dei calciatori professionisti menzionati in precedenza si sono lamentati frequentemente di sintomi simili a commozioni cerebrali, presumibilmente per anni.


Allenatori e genitori possono assumere un atteggiamento proattivo chiedendo come si sentono i giocatori dopo aver colpito di testa la palla. E se viene alla luce che avvertono dolore dopo i colpi di testa, potrebbero aver bisogno di visita medica e monitoraggio. Ciò può significare imaging diagnostico, valutazioni cognitive e altro ancora. E se un giocatore ha effettivamente subito una commozione cerebrale, è assolutamente fondamentale che gli allenatori, i genitori, i compagni di squadra e il giocatore stesso ottengano protocolli familiari di recupero dalla commozione cerebrale.


Come dice il cliché, non si dovrebbe lasciare nulla di intentato.

La storia delle commozioni cerebrali nel calcio influenzerà il suo futuro

I giocatori di calcio non sono immuni da traumi, segni e sintomi e la storia di comportamenti ripetuti lo ha dimostrato. Ci sono voluti decenni per riconoscere questo fatto, il che, sfortunatamente, ha portato una generazione di giocatori a cadere nel dimenticatoio e a soffrire in silenzio. Possiamo evitare che ciò accada alle generazioni più giovani di giocatori. La ricerca è disponibile, così come molte soluzioni: dobbiamo solo rendere la prevenzione e la gestione delle commozioni cerebrali più una priorità.


Stai cercando un copricapo anti-shock per ridurre il rischio di lesioni cerebrali durante l'attività fisica? Dai un'occhiata al nostro caschetto ExoShield e scopri come può aiutarti.

Cart Close
Updating