4 consigli pratici che i giocatori di calcio possono seguire per cercare di ridurre il rischio di commozione cerebrale

Mar 4, 2020


***Questo articolo fa parte di una serie educativa per genitori di calciatori e giovani giocatori alle prime armi***

Il tasso di traumi cerebrali nei giocatori di calcio e in altri sport è in aumento. `

Probabilmente hai visto una buona dose di notizie su lesioni cerebrali traumatiche e storie sfortunate su atleti che le hanno subite. Con l'assalto dei media ai discorsi sulle commozioni cerebrali, genitori, allenatori e atleti preoccupati si chiedono come possono proteggersi da queste lesioni.

Le commozioni cerebrali non sono prevenibili al 100%, ma il rischio di ottenerne una può scendere quasi a zero se vengono prese le misure giuste. E questo è il focus del post di oggi: come i giocatori di calcio di tutte le età e a tutti i livelli possono ridurre significativamente i rischi di commozione cerebrale.

Insegna la tecnica di direzione corretta

Cominciamo con un aspetto trascurato ma essenziale della tecnica per evitare la commozione cerebrale: la tecnica della direzione. Probabilmente hai già visto questa immagine: due giocatori di calcio saltano in aria per un colpo di testa ma perdono di vista la palla o chiudono gli occhi. Che succede? Spaccano teste. Anche se sono entrati in contatto con la palla, c'è stato comunque un duro impatto cranio a cranio.

Una corretta tecnica di intestazione può ridurre i rischi di commozione cerebrale.

Ciò rende i colpi di testa una delle mosse più pericolose da realizzare nel calcio. È fondamentale che i giocatori imparino a seguire la traiettoria della palla dal momento in cui viene lanciata fino al momento in cui ne entra in contatto.

Inoltre, i giocatori devono adottare la posizione appropriata per un colpo di testa. Questa posizione può variare a seconda di ciò che il giocatore sta facendo in questo momento, ma supponendo che sia in posizione eretta, dovrebbe:

  • Correggi il collo
  • Premi il mento sul petto.
  • Salta avanti con il loro corpo
  • Colpisci la palla con il giusto tempismo, non troppo davanti o dietro la parte superiore del corpo.
  • Colpisci la palla con tutta la fronte.
  • Se vuoi cambiare la direzione della palla, cambia la parte superiore del corpo nella rispettiva direzione prima di dirigerla.

Ancora una volta, ci sono altre posizioni o situazioni in cui la tecnica può cambiare, ma la posizione sopra menzionata è l’ideale. Questo ci porta al punto successivo.

Training visivo per la consapevolezza periferica

La ricerca supporta il fatto che i giocatori corrono un rischio maggiore di infortuni se non hanno un buon allenamento visivo. Come?

Ci sono molte abilità visive necessarie per le prestazioni calcistiche d'élite (ad esempio memoria visiva, tracciamento oculare), ma una cosa trascurata è la consapevolezza periferica. Come suggerisce il nome, la consapevolezza periferica è la capacità di vedere azioni o oggetti che non sono direttamente di fronte a te.

Nel calcio, molti traumi cerebrali si verificano quando i giocatori si scontrano con avversari che sembrano sbucare dal nulla. Una forte consapevolezza periferica consente ai giocatori di vedere i propri avversari senza dover girare la testa. In definitiva, un giocatore con una forte consapevolezza periferica può allontanarsi da un avversario ed evitare collisioni testa a testa.

Naturalmente, la consapevolezza periferica è un’abilità e richiede pratica. Esistono vari metodi per aiutare i giocatori a sviluppare le proprie capacità di visione periferica. Si va dai software per l'allenamento della vista agli esercizi specifici per il calcio che possono espandere il campo visivo di un giocatore.

Indossare un copricapo protettivo

A volte, gli impatti e le collisioni alla testa sono inevitabili. Tuttavia, ciò non significa che i giocatori siano necessariamente indifesi contro le lesioni cerebrali. Indossare il giusto tipo di copricapo protettivo (a volte soprannominato casualmente "copricapo da commozione cerebrale") può ridurre il rischio di commozione cerebrale di un giocatore (come suggeriscono alcuni studi - vedi i nostri altri post sull'argomento), o almeno, ridurre la forza di un impatto quindi riducendo il rischio di brutti tagli e contusioni.

Ne abbiamo parlato a lungo prima della pubblicazione della ricerca sull'efficacia del copricapo. Sebbene sul mercato esistano caschi diversi realizzati con materiali diversi, generalmente funzionano allo stesso modo: forniscono un'imbottitura protettiva in grado di attutire il colpo di un impatto sulla testa. In alcuni casi, la quantità di riduzione dell’impatto ottenuta dal copricapo può abbassare sufficientemente il movimento del cervello all’interno del cranio per ridurre il rischio di lesioni cerebrali.

Detto questo, non tutte le guardie del calcio forniscono risultati di prim’ordine. Possiamo affermare con orgoglio che il nostro caschetto ExoShield è leader nel mercato, secondo le stime dello studio sul casco Virginia Tech riduce il rischio di commozione cerebrale dell'84% .

Anche se siamo orgogliosi di questi dati incoraggianti, crediamo che sia necessario condurre ulteriori ricerche per consolidare la comprensione da parte del mercato del valore del copricapo nella prevenzione delle lesioni cerebrali nel calcio, e ci preoccupiamo sempre di sottolineare a giocatori e genitori che non esiste un unico "copricapo d'argento" soluzione bullet" contro le lesioni alla testa. Tutto quello che possiamo fare è essere intelligenti su come ci prepariamo per tentare di ridurre i rischi.

Riteniamo che sia prudente che i giocatori di ogni età e provenienza indossino un copricapo da calcio. Sebbene non esista una soluzione perfetta per le lesioni alla testa, il copricapo può fare la differenza tra un duro colpo e una brutta commozione cerebrale.

Insegnare agli atleti un senso di aggressività equilibrato

Ultimo ma non meno importante, gli allenatori devono instillare un sano senso di aggressività nei loro giocatori. Un giocatore troppo timido non attaccherà la palla ed eseguirà le giocate. Tuttavia, un giocatore troppo aggressivo probabilmente ferirà gli altri o se stesso e ciò potrebbe aumentare indirettamente il rischio di subire una commozione cerebrale.

Ecco perché gli allenatori devono aiutare i propri giocatori a raggiungere un equilibrio in questo senso. Il giocatore ideale è abbastanza sicuro da portare a termine una giocata, ma farà del suo meglio per evitare di ferire l'avversario.

Il modo in cui gli allenatori insegnano questo equilibrio sarà diverso. Tuttavia, è importante che si connettano con i loro giocatori e li aiutino a vedere i pericoli di essere eccessivamente aggressivi in ​​campo.

La prevenzione delle commozioni cerebrali è un'abitudine

Attualmente, il mondo dello sport (compreso il calcio) è piuttosto reattivo alla minaccia di traumi cerebrali. In altre parole, spesso facciamo troppo poco per prevenirli finché non arriva il momento di curarli.

Noi di Storelli crediamo nell'approccio opposto: proattivo. Con un allenamento adeguato e dispositivi di protezione, è possibile per una nuova generazione di calciatori ridurre i rischi di lesioni cerebrali subite dai loro predecessori.

Cart Close
Updating