Giovani: calciatrici che hanno superato gli infortuni

Jan 25, 2021


*Questo articolo fa parte di una serie educativa per genitori di calciatori e giocatori alle prime armi*

Il calcio femminile è diventato uno degli sport più emozionanti e più seguiti al mondo. Questi atleti hanno ispirato i giovani giocatori a seguire i loro sogni per raggiungere il livello più alto nel calcio. Molti giocatori professionisti hanno dovuto affrontare avversità lungo il percorso sotto forma di infortuni gravi.

In questo post esamineremo tre atlete stimolanti che hanno superato i loro infortuni e speriamo di mostrare ai giovani atleti come possono ridurre il rischio di infortuni insieme ad alcune lezioni pratiche sul recupero.

Alex Morgan

Alex Morgan è una stella della squadra di calcio femminile statunitense. È probabilmente una delle giocatrici più riconoscibili della squadra e ha ricevuto il premio "Miglior atleta femminile" agli ESPY. Ha avuto diversi infortuni nella sua carriera, tra cui una distorsione del legamento crociato anteriore e un infortunio al tendine del ginocchio. Il suo infortunio più grave, tuttavia, è stato uno strappo al legamento crociato anteriore (ACL) quando giocava a calcio al liceo.

Dopo l'infortunio, Alex ha subito un intervento chirurgico al ginocchio, si è ripresa e si è concentrata sulla riabilitazione. Sorprendentemente, ha ricominciato a giocare dopo cinque mesi. La sua storia è stimolante perché è riuscita a riprendersi da un grave infortunio al ginocchio, ha ricevuto cure efficaci e ha continuato a giocare a calcio ai massimi livelli.

Kara Lang

Lang ha debuttato con la squadra femminile canadese quando aveva solo 15 anni e ha giocato per il Canada ai Mondiali e alle Olimpiadi di Pechino 2008. Ha subito due gravi lesioni al legamento crociato anteriore del ginocchio destro e il dolore era lancinante. Kara Lang è stata una delle stelle più brillanti del calcio femminile canadese prima che i suoi infortuni la costringessero al ritiro nel 2011.

La sua storia è incredibilmente stimolante perché, dopo aver annunciato il suo ritiro all'età di 24 anni a causa di molteplici infortuni al legamento crociato anteriore, Lang ha deciso di tornare al calcio professionistico tre anni dopo.

In un articolo per Sports Net, ha spiegato che la decisione era personale e che sentiva di non aver raggiunto il suo pieno potenziale. "Una mancanza di fiducia mi ha trattenuto", dice Lang. “E per quanto questo processo di riabilitazione abbia riguardato il lavoro fisico, molto ha riguardato il lavoro mentale. Ho imparato che la fiducia in se stessi è ciò che fa la differenza.

Claire Rafferty

Claire Rafferty inizialmente si è incolpata per i suoi infortuni al legamento crociato anteriore. L'ex terzino sinistro della Nazionale inglese e del Chelsea ha subito il suo primo infortunio al legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro quando aveva solo quindici anni. Rafferty ha trascorso anni in riabilitazione dopo aver subito un intervento chirurgico al ginocchio per ripararlo. Nel 2011, si è rotta l'ACL della gamba destra. Si è infortunata nuovamente nel 2013 in una partita contro l'Everton dopo un brutto atterraggio.

Claire sta lavorando con un gruppo di ricerca dell'Università di Roehampton per comprendere la biomeccanica sottostante delle lesioni del legamento crociato anteriore (ACL) e come le atlete possono allenarsi in modo più efficace per prevenire gli infortuni. Sperano di aggiungere dati per aiutare gli allenatori a capire perché le donne hanno molte più probabilità di subire infortuni al legamento crociato anteriore nel calcio rispetto agli uomini.

Secondo Andrew Greene, docente di biomeccanica dello sport e dell'esercizio fisico presso l'Università di Roehampton, che lavora con Rafferty, "le donne che praticano sport di squadra hanno da quattro a sei volte più probabilità di subire un infortunio al legamento crociato anteriore, a seconda dell'attività". Spiega inoltre che la maggior parte della ricerca esistente si concentra sugli infortuni nel calcio maschile, mentre questa ricerca non è applicabile alle donne poiché i loro infortuni sono molto distinti.

Sperano che ulteriori ricerche possano aiutare i giocatori professionisti a capire come prevenire futuri infortuni per i giovani giocatori. Grazie a Claire, avremo tutti una migliore comprensione della biomeccanica alla base delle lesioni del legamento crociato anteriore.

Questi tre atleti mostrano vera grinta e perseveranza di fronte alle avversità e sono fonte di ispirazione per i giovani atleti che cercano di superare i propri infortuni. Noi di Storelli vogliamo che i giovani atleti giochino al massimo delle loro potenzialità e portino con sé l'attrezzatura per aiutarli. Per attrezzature e dispositivi di protezione ad alte prestazioni, dai un'occhiata alla nostra collezione da donna oggi stesso.

Cart Close
Updating