Perché una fascia da calcio è ancora importante per i colpi "lievi" alla testa

Jun 6, 2022


Piccoli colpi alla testa, noti anche come colpi subconcussivi, possono danneggiare il cervello più di quanto si pensasse in precedenza. La ricerca ha dimostrato che l'encefalopatia traumatica cronica (CTE) deriva da migliaia di piccoli colpi alla testa invece che da commozioni cerebrali.


Questi risultati evidenziano l’importanza di prendere sul serio anche i “piccoli” impatti alla testa e di non avere mai un atteggiamento spensierato o apatico nei confronti di traumi cranici più lievi. Questo post esaminerà questa ricerca e il motivo per cui i risultati rendono vitale indossare una fascia per commozione cerebrale.


La ricerca suggerisce che i colpi subconcussivi portano a CTE, non a commozioni cerebrali

Uno studio pubblicato sulla rivista di ricerca Brain , ha scoperto che i colpi più duri non erano necessariamente quelli che causavano la CTE. I ricercatori hanno scoperto che circa il 20% delle persone a cui è stata diagnosticata questa terribile malattia progressivamente fatale non hanno mai subito una commozione cerebrale.


I ricercatori hanno esaminato post-mortem il cervello di quattro atleti adolescenti che hanno subito ripetuti impatti alla testa, 1, 2, 10 e 128 giorni prima della morte. C'era una vasta gamma di segni post-traumatici, uno dei quali mostrava segni precoci di CTE e due mostravano quantità anormali di proteina tau (ne parleremo più avanti).


I ricercatori hanno condotto test su modelli murini utilizzando meccanismi di lesione ripetuti da impatto a testa chiusa e da esposizione a esplosione (concussione). Il loro obiettivo era comprendere la loro relazione causale con lo sviluppo della CTE.


Utilizzando una scansione cerebrale specializzata chiamata risonanza magnetica con contrasto dinamico (DCE-MRI), i ricercatori hanno trovato sorprendenti somiglianze tra gli adolescenti feriti e i topi nel gruppo di ripetuti impatti a testa chiusa. Il gruppo esposto all'esplosione (commozione cerebrale) non ha mostrato alcun segno di CTE, suggerendo che impatti minori ripetitivi possono causare patologie correlate a CTE invece di commozioni cerebrali.


Questi risultati sono in linea con altri studi condotti negli ultimi anni.


Uno sguardo ai colpi subconcussivi

In uno studio del 2018 condotto dall’Università della British Columbia, i ricercatori hanno scoperto che i giocatori che hanno colpito di testa la palla più di 40 volte avevano proteine ​​degenerative del cervello più elevate. Questo è un importante promemoria del fatto che questi giocatori non hanno subito traumi cerebrali, ma solo ripetuti impatti alla testa.


I ricercatori hanno identificato due proteine, tau e neurofilamento leggero (NF-L). Queste proteine ​​sono coinvolte nello sviluppo di disturbi neurodegenerativi come la demenza, il morbo di Alzheimer e la sclerosi multipla.


I ricercatori hanno confrontato i livelli di queste proteine ​​nel giorno in cui i giocatori hanno colpito la palla con quelli nei giorni in cui non l'hanno fatto. I livelli di queste proteine ​​degenerative del cervello erano significativamente più alti nei giorni in cui colpivano di testa la palla.


Ancora più interessante (e preoccupante) è che i giocatori che hanno colpito di testa la palla hanno mostrato ripetutamente un aumento dei livelli di queste proteine ​​un mese dopo. Erano anche più propensi a segnalare effetti cognitivi come mal di testa, vertigini e confusione.


Apprendimenti sulle commozioni cerebrali da calcio da questi studi

Se ricordate lo studio menzionato sopra, due cervelli su quattro studiati hanno dimostrato anche livelli elevati di proteina tau. Ciò non vuol dire che le commozioni cerebrali non possano nemmeno aumentare queste proteine, dal momento che altre ricerche hanno dimostrato che anche un solo trauma cranico può portare alla presentazione di tau. Ma sembra che i colpi minori ripetuti abbiano maggiori probabilità di portare a CTE.


Questi risultati sono correlati al destino di molti giocatori di calcio morti prematuramente. A giocatori del calibro di Jeff Astle e della star brasiliana Bellini è stata diagnosticata postuma la CTE, e oltre 250 giocatori hanno sofferto di neurodegenerazione negli ultimi anni. Il legame comune? Molti di loro erano prolifici di testa o spesso subivano colpi alla testa.


Indossare una fascia per commozione cerebrale da calcio può ridurre i traumi ripetitivi

In definitiva, questi risultati mostrano l’importanza della prevenzione delle commozioni cerebrali nel calcio. Non è qualcosa da ritenere probabile. Realisticamente, la maggior parte degli impatti alla testa, siano essi lievi o gravi, non provocheranno disabilità o lesioni a lungo termine. Tuttavia, per alcuni giocatori esiste un rischio elevato di effetti a lungo termine. L’età, il sesso e la genetica possono aumentare il rischio, rendendo la prevenzione delle lesioni alla testa un must.


La prima linea di difesa contro gli impatti alla testa è una fascia da calcio. Non possono prevenire tutte le commozioni cerebrali e gli impatti alla testa, ma possono ridurre gli effetti di quelli gravi e offrire un'eccellente protezione contro i colpi ripetuti. Il materiale del copricapo da calcio funge da cuscino, assorbendo lo shock dell'impatto e reindirizzando la forza dal cranio.


Il nostro Storelli ExoShield Head Guard ha dimostrato la capacità di ridurre le commozioni cerebrali dell'84% in uno studio Virginia Tech. Tieni presente che quelli furono impatti duri. I colpi subconcussivi hanno un impatto molto minore, quindi indossare una fascia da calcio potrebbe proteggere ulteriormente il cervello dai colpi ripetitivi.




Un colpo lieve non è niente da ridere

Man mano che emergono ulteriori ricerche, diventa sempre più chiaro che colpi lievi alla testa possono avere gravi conseguenze in futuro. Ma anche se i risultati sono preoccupanti, sono più illuminanti e incoraggianti.


Con questa consapevolezza, allenatori, giocatori e genitori possono prendere maggiori precauzioni per stare al sicuro, soprattutto quando si lancia la palla di testa. Indossare una fascia da calcio è un ottimo punto di partenza. Praticare la tecnica corretta del colpo di testa e la consapevolezza visiva possono anche aiutare i giocatori a evitare troppi impatti.


Nel calcio, come in molti sport, meno colpi alla testa nel periodo migliore possono significare meno problemi a lungo termine più avanti nella vita.



Stai cercando un copricapo per commozione cerebrale per ridurre il rischio di lesioni cerebrali? Dai un'occhiata al nostro caschetto ExoShield e scopri come può aiutarti.

Cart Close
Updating