Il ciclo del burn: burnout mentale

Apr 21, 2016


Nel calcio, come nella vita, ci si può scottare in tanti modi diversi. Sappiamo tutti quanto possono essere dolorose le ustioni del tappeto erboso e quanto tempo impiegano per guarire; ma quelle ferite impallidiscono in confronto al dolore persistente e alle cicatrici dello stress mentale ed emotivo. Sì, entrambi fanno davvero schifo. Più sai di questa coppia empia, meglio sarai in una posizione per proteggerti dalle ustioni del tappeto erboso e dall'esaurimento mentale.

Quindi inginocchiati e unisciti a noi mentre rispondiamo ad alcune domande persistenti su queste due questioni molto importanti in una sincera serie in due parti. Ordini del medico. Questa parte della serie tratta i fatti sul burnout mentale e fornisce suggerimenti sulla prevenzione e il recupero dal burnout.

Fatti sul burnout mentale

“Abbiamo una sorta di stigma secondo cui trovarsi in una situazione mentale difficile non è accettabile. Dovremmo 'tirarci su per le forze' e 'combattere',... che se qualcuno è ferito fisicamente, siamo d'accordo nel lasciargli prendersi il tempo di cui ha bisogno per tornare, ma se qualcuno sta attraversando un momento difficile mentalmente, noi non sei d'accordo con [quello]."
-Landon Donovan 2013

1. Le vere prove cocenti. Il burnout è l’antitesi del flusso e può colpire qualsiasi atleta. Le cicatrici fisiche delle lesioni sono solitamente evidenti, ma gli effetti dello stress acuto e cronico possono essere più difficili da vedere. Un tempo territorio esclusivo degli atleti d'élite, l'eccessiva specializzazione e le richieste di programmazione congestionate hanno portato a preoccupazioni di esaurimento negli atleti di tutte le età e livelli. Un recente studio sui giovani calciatori ha mostrato sintomi di esaurimento mentale nel 25% mentre un altro studio sugli atleti del college ACC ha rilevato che il 50% ne era affetto.

2. La terribile triade. Ogni atleta può essere unico, ma il burnout presenta tre sintomi principali distintivi:

- Prestazioni ridotte. Prima ancora che un giocatore riconosca il proprio problema, la sua prestazione atletica e la sua concentrazione mentale diminuiscono. Il flusso viene interrotto e vengono seminati i semi dell’insoddisfazione.

- Esaurimento mentale e fisico. La stanchezza inspiegabile e il senso di “stantio” sono spesso i primi segnali d’allarme del burnout. Questo è il punto di svolta per molti ed è essenziale riconoscerlo.

- Svalutazione della performance e della partecipazione. Una volta che la sindrome prende piede, gli atleti diventano sempre più autocritici e mettono in discussione le proprie motivazioni e il proprio scopo. Il comportamento compulsivo e perfezionista, tutti tratti distintivi di molti grandi atleti, non fa altro che peggiorare questo declino.

3. Analisi forense emotiva. Anche se le cause esatte del burnout di un atleta possono essere complesse, la maggior parte dei casi si riduce a tre questioni fondamentali.

- Aspettativa. A molti atleti di talento vengono poste richieste irragionevoli. Il sovrallenamento e il sottorecupero alla fine non riescono a soddisfare. Il giocatore può avviare una spirale discendente di errori, perdita di fiducia e fallimento.

- Intrappolamento. Gli atleti possono sentirsi costretti a mantenere una borsa di studio, uno stipendio, un sostegno o la loro posizione di partenza, facendoli sentire prigionieri della loro squadra, dei tifosi o dello sport. Ciò porta alla perdita di entusiasmo e può causare depressione.

- Potenziamento. La perdita di controllo è una causa ricorrente di burnout poiché i giocatori hanno la sensazione di lavorare per gli altri (genitori, squadra, tifosi, ecc.) e hanno perso il diritto di scelta. Ciò riduce la motivazione e danneggia le prestazioni.

4. Breaking Bad. Il burnout è una condizione potenzialmente pericolosa che può portare a comportamenti sconsiderati e danni emotivi permanenti.

- Risentimento. Quando una persona si sente intrappolata, può sviluppare sentimenti profondi di rabbia e amarezza che possono essere difficili da risolvere.

- Ribellione. All'inizio della sindrome da burnout, i giocatori possono iniziare a comportarsi in modo sconsiderato e il comportamento sconsiderato diventa comune.

- Ritiro. Quando l’atleta è paralizzato dai sintomi del burnout, la prestazione diventa impossibile. Sfortunatamente, ciò si verificherà nelle fasi avanzate della sindrome ed è difficile da invertire. Molti abbandonano del tutto lo sport e possono affrontare un disagio mentale più globale.

Foto di Sam Maller

5. Meglio; Nessuna differenza. In un mondo che soddisfa felicemente richieste sempre crescenti ai nostri giovani atleti d’élite, il successo del trattamento inizia con una diagnosi e un intervento precoci. Il problema è che la nostra cultura premia il sacrificio e punisce chi è percepito come debole.

- Consulenza senza sensi di colpa. Una comunicazione aperta e schietta è fondamentale per mantenere i giocatori motivati ​​e coinvolti

- Il grande sonno. Recuperare dal burnout non significa solo alleggerire i programmi di allenamenti e partite. Ciò non fa altro che prolungare l’inevitabile e rafforzare il problema. Un atleta esaurito ha bisogno di riposo fisico, sonno adeguato, alimentazione migliore e stimolazione mentale per ritrovare il ritmo. L’uso innovativo della meditazione, della consapevolezza e dell’imaging positivo può anche aiutare i giocatori a mitigare e risolvere i sintomi.

- Il contratto. Per riportare davvero un giocatore fuori dal baratro, tutte le parti interessate devono aderire e collaborare, altrimenti il ​​sabotaggio è inevitabile e il fallimento è assicurato. Ripristinare il senso di controllo e valore di un atleta richiede tempo e impegno da parte di tutti i soggetti coinvolti per avere qualche possibilità di successo. Tegaderm non risolverà questo tipo di ustione.

Il Dr. Raymond Rocco Monto è uno scrittore collaboratore di Storelli.com focalizzato sulle tecniche di allenamento del calcio e sugli esercizi fisici e mentali per aiutarti a migliorare il tuo gioco.

Cart Close
Updating