SoccerBible: domande e risposte di Stef Frei #ControAO

Oct 25, 2018


Con un atteggiamento fiducioso nei confronti della protezione in campo, Storelli rappresenta uno stato d'animo unico. Per il lancio della loro ultima campagna "Against All Odds" incontrano il portiere dei Seattle Sounders Stefan Frei, un uomo che è tornato da 2 anni di assenza per infortunio per diventare un titolare della MLS All Star e dei Play-Off.

Stefan, raccontaci in dettaglio il tuo processo di registrazione e come ti carica per la partita e ti aiuta a sentirti bloccato...

Per un portiere gli infortuni alle dita sono solo una parte del gioco. Penso di essermi lussato o rotto praticamente ogni dito e non è divertente. È qualcosa che vuoi assolutamente evitare. Quindi, qualche anno fa ho fatto qualche ricerca online e ho trovato alcuni bei video di combattenti UFC su come si fasciano le dita.

Volevo vedere se esistevano modi un po' più intelligenti per legare le mie dita e sono riuscito a trovare alcune preziose informazioni su come assicurarmi di poter piegare le dita nel modo in cui ne avevo bisogno e non in modi che avrebbero causato lesioni. Come giocatore, si tratta di fare tutto il possibile per ridurre al minimo eventuali infortuni e la mia tecnica di taping ha contribuito a fornire un po' più di protezione .



Il momento della tua carriera in cui hai battuto tutte le probabilità contro di te?

Uno dei momenti più difficili per me è stato sicuramente l’infortunio alla gamba nel 2012, dove mi ci è voluto più di un anno per riprendermi. Fisicamente, ho fatto tutto quello che potevo per tornare più veloce, più veloce, più forte.

Mentalmente, però, è stata una sfida difficile da superare. Quindi, avevo bisogno dell'aiuto di persone esterne. E anche se ci è voluto un po' di tempo e c'erano dei dubbi lungo il percorso, ce l'ho fatta e sono riuscito a ritrovarmi in una nuova situazione con i Seattle Sounders. Mi hanno dato fiducia, mi hanno permesso di crescere e mi hanno davvero aiutato a combattere la mia strada verso quel luogo oscuro.




Come si genera tale energia in modo coerente per tutta la stagione? Ha sempre fatto parte del tuo gioco?

Penso che la maggior parte degli atleti professionisti siano concorrenti. Sai quando la posta in gioco è alta e stai gareggiando a quel livello, quell'energia è lì. Non vuoi perdere. Vuoi fare tutto il possibile per vincere.

Come portiere, a volte, possiamo organizzarci un po', forse possiamo prevenire gli errori, e quindi c'è bisogno di un senso di urgenza. È difficile trasmettere quel senso di urgenza essendo gentili o con un tono mite. Quindi, devi davvero svegliare i tuoi compagni di squadra e mostrare loro che le campane stanno suonando. Dobbiamo assicurarci di poter spegnere la situazione prima che diventi qualcosa di serio.

Quindi, penso che l’energia sia lì. Probabilmente la maggior parte dei giocatori ce l'ha. E per me è semplicemente una cosa naturale. È divertente perché, la maggior parte delle persone che mi vedono e mi incontrano fuori dal campo, dicono che sono piuttosto pacato, tranquillo e introverso. Ma in campo è tutta un'altra storia. Ma come ho detto, fa parte dell'essere un atleta professionista.




Quanto sono preziosi la tua personalità, il tuo spirito competitivo e il tuo stile per Seattle durante tutta la stagione?

Penso che a questo punto della mia carriera direi che sono decisamente considerato un veterano. Ho visto un sacco di cose e sai, cerco di restare calmo il più possibile. Ancora una volta, ovviamente, quando la situazione richiede un po' di urgenza ed energia, lo trasmetterò. Ma per la maggior parte, devi rimanere in equilibrio.

Ci saranno alti e bassi durante tutta la stagione e cerco di assicurarmi di poter instillare un senso di calma in una squadra quando siamo in difficoltà. Allo stesso tempo, quando le cose vanno bene e stiamo vincendo, cerchiamo di godercene, ma ancora una volta, cerchiamo di non emozionarci troppo, perché è una stagione lunga.




Raccontaci di più sui tuoi tatuaggi. Da dove trai ispirazione?

Adoro tutti i miei tatuaggi: alcuni sono molto personali e altri sono solo opere d'arte. Per me come artista, vedo il mio corpo come una tela vuota e un'enorme opportunità per alcuni buoni artisti e ci mettono il segno, ovviamente con una mia direzione. Ma per la maggior parte, la mia ispirazione per i tatuaggi è semplicemente ottenere pezzi che mi sono molto cari o qualcosa che mi piace o mi diverte davvero.

Qual è il consiglio che vorresti avere quando stavi scalando le fila delle giovanili?

Penso di essere stato molto fortunato a crescere. Sai, avevo un sacco di brava gente intorno a me che mi mostrava la strada e potevo semplicemente divertirmi giocando. Per me è stato divertente semplicemente presentarmi e fare quello che la gente mi diceva di fare. Ho avuto allenatori chiave e i miei genitori che mi hanno spronato e mi hanno mostrato cosa fare sia dentro che fuori dal campo per diventare il professionista che sono oggi.

Il mio consiglio ai giovani di oggi che vogliono diventare atleti professionisti, attenzione ai dettagli. È enorme. Devi fare tutto quello che puoi dentro e fuori dal campo. Presta attenzione a questi dettagli: non limitarti a fare i movimenti. Che ciò significhi prendere ogni parte semplice di una tecnica molto complessa, suddividere davvero le cose difficili in cose più piccole per concentrarsi su di esse e migliorare come giocatore. Quindi, puoi rimetterli insieme, uno per uno, e renderlo qualcosa di complesso. Quindi, per un processo in 10 fasi, se dovessi concentrarti su 10 cose individuali per arrivare davvero alla tecnica perfetta, alla fine ne varrà la pena.

Quindi, l'attenzione ai dettagli è tutto. Dentro e fuori dal campo. È qualcosa che trasmetterei sicuramente ai giovani di oggi che aspirano a diventare un atleta professionista.


Cart Close
Updating