Giovani: 7 miti sulle commozioni calcistiche: provati o sfatati

Feb 28, 2021


*Questo articolo fa parte di una serie educativa per genitori di calciatori e giocatori alle prime armi*

Le commozioni cerebrali e le ferite alla testa sono cose complicate. Spesso non si presentano come ci aspettiamo, e molto è ancora sconosciuto su come il nostro cervello risponde alle lesioni traumatiche. Allenatori, giocatori e genitori devono comprendere i rischi e come ridurre gli infortuni nei giovani giocatori. Le commozioni cerebrali possono anche essere pericolose per la vita e portare a danni cognitivi a lungo termine, soprattutto per i giovani giocatori.

La nuova ricerca focalizzata sulla prevenzione degli infortuni alla testa nel calcio può gettare nuova luce su questi infortuni fin troppo comuni. Anche se abbiamo fatto molta strada, c'è ancora molto da imparare su come prevenire esattamente le lesioni alla testa e su cosa le causa. Questo post esaminerà ciò che la ricerca ha da dire sulle traumi cerebrali calcistiche, sfaterà alcuni miti e malintesi comuni e discuterà il modo migliore per ridurre il rischio.

Cosa succede al tuo cervello durante una commozione cerebrale?

Il nostro cervello è costituito da tessuti molli, vulnerabili e molli, collegati da nervi e vasi sanguigni, e il tutto racchiuso in un guscio di ossa dure per protezione. Quando veniamo urtati, cadiamo o sbattiamo la testa contro qualcosa di duro, l'impatto fa sì che questo tessuto molle si schianti contro la superficie ossea dura del cranio. Ciò può causare:

  • Lividi : i lividi causano infiammazione, gonfiore e qualche sanguinamento. Quando ciò accade al cervello, il liquido in eccesso e l’infiammazione occupano spazio e interrompono la circolazione nei vasi sanguigni, riducendo l’ossigeno che arriva alle altre cellule cerebrali.
  • Cellule nervose danneggiate - La forza dell'impatto può danneggiare le cellule nervose del cervello. Ciò significa che non sono così efficienti nell'inviare messaggi ad altre parti del cervello e del corpo e potrebbero dover trovare percorsi alternativi, con conseguente perdita di memoria, affaticamento e difficoltà di sonno e concentrazione.
  • Rotture dei vasi sanguigni : la forza dell'impatto può anche causare piccole rotture nei vasi sanguigni del cervello. I vasi sanguigni sono responsabili di portare un apporto di sangue fresco di ossigeno al cervello. Se c'è una piccola perdita, può significare che un fluido, come il sangue, sta fuoriuscendo in aree in cui non dovrebbe esserci.

Ecco sette dei miti più comuni sulle commozioni cerebrali nel calcio. Parleremo un po' di ognuno di essi e di cosa ci dice la nuova ricerca sulla prevenzione delle commozioni cerebrali.

1. Le commozioni cerebrali richiedono osservazione e trattamento medico

Questo è vero

Le persone con una commozione cerebrale devono essere visitate da un medico. Il medico valuterà i segni e i sintomi, esaminerà la tua storia medica e condurrà un esame neurologico. Potrebbe essere necessario rimanere in ospedale per osservazione o essere rimandato a casa per osservazione. È fondamentale seguire tutte le istruzioni del medico per le cure di follow-up.

Se il medico sospetta una commozione cerebrale, potrebbero essere necessari ulteriori test per determinare la gravità delle lesioni e vedere se sono presenti emorragie nel cervello.

2. Le commozioni cerebrali producono sempre sintomi

Questo è - Falso

I sintomi della commozione cerebrale non sono uguali per tutti. Alcune persone diventano arrabbiate e irritabili, altre hanno forti mal di testa e difficoltà di concentrazione o perdita di memoria, ma nessuna persona presenta esattamente gli stessi sintomi. Se ritieni che qualcosa non ti sembri "giusto", è essenziale consultare il medico.

3. Devi essere colpito alla testa per ottenere una commozione cerebrale

Questo è - Falso

Le commozioni cerebrali possono essere lesioni da accelerazione, il che significa che una caduta o un impatto corporeo che provoca un brusco arresto o un cambio di direzione può anche causare lo schianto del cervello contro il cranio, provocando una commozione cerebrale. Non è necessario essere colpiti alla testa per avere una commozione cerebrale.

4. Se sei cosciente, non hai avuto una commozione cerebrale

Questo è - Falso

Questo è un malinteso comune. La gente pensava che se non si perde conoscenza non si ha una commozione cerebrale, ma ora sappiamo che non è vero. Con circa il 90% delle commozioni cerebrali confermate, gli individui non perdono conoscenza.

5. Le donne hanno maggiori probabilità di subire commozioni cerebrali rispetto agli uomini

Questo è vero

Sorprendentemente, questo è vero. Le donne hanno il doppio delle probabilità rispetto agli uomini di subire traumi cerebrali, gli effetti sono spesso più gravi e richiedono più tempo per riprendersi. Una nuova ricerca sottolinea il fatto che storicamente le donne sono state trascurate nella ricerca sugli infortuni sportivi e che la comunità medica spesso sottovaluta gli infortuni delle donne. Altre ricerche suggeriscono che le dimensioni del collo più piccole e sottili delle donne, le differenze anatomiche nel cervello e persino le fluttuazioni ormonali potrebbero mettere le atlete maggiormente a rischio di lesioni cerebrali.

6. I sintomi delle commozioni cerebrali iniziano immediatamente dopo

Questo è - Falso

Quando un giocatore ha una commozione cerebrale, non sempre mostra segni e sintomi immediati. A volte i segni compaiono solo ore o addirittura giorni dopo un infortunio. È essenziale monitorare i sintomi nel tempo e consultare il medico se qualcosa cambia o sembra "spento".

7. Non è garantito che il copricapo prevenga le commozioni cerebrali, ma può aiutare

Questo è vero

Ci sono molte indicazioni speranzose che il copricapo da calcio possa aiutare a ridurre il rischio di traumi cerebrali. È stato dimostrato che il copricapo riduce il rischio di lesioni da impatto alla testa ma non può prevenire traumi cerebrali a causa dell'accelerazione interna del cervello. Questo perché il copricapo riduce al minimo la forza dell'impatto all'esterno della testa ma non può prevenire lesioni all'interno del cervello. Può aiutare a prevenire gravi fratture del cranio e altre gravi lesioni alla testa.

Il caschetto Storelli ExoShield è l'unico caschetto che ha dimostrato di ridurre il rischio di lesioni alla testa. Uno studio durato 3 anni presso il Virginia Tech Casco Lab ha rilevato che il caschetto ExoShield ha ridotto il tasso di infortuni fino all'84%. Dai un'occhiata alla nostra pagina del prodotto per ulteriori informazioni su questo studio critico.
Cart Close
Updating