Reclute di Gotham: il custode Joe Franquinha

Oct 8, 2015


Storelli presenta Gotham Recruits , una serie di interviste ad atleti Next-Gen più intelligenti che cercano un vantaggio per mantenerli senza paura in campo in questa grintosa metropoli che chiamiamo casa. Conosci il portiere Joe Franquinha, co-fondatore di NYC Footy e proprietario di Crest Hardware a Williamsburg, Brooklyn, New York.

Qual è la tua più grande paura in campo?
Sto diventando troppo vecchio per competere al livello di cui la mia testa e il mio cuore sanno che sono capace. E infortuni a me stesso e agli altri... Come portiere, devi indiscutibilmente comandare il tuo spazio e mostrare/dimostrare ai giocatori avversari che dovrebbero pensare a lungo e duramente prima di fare qualsiasi mossa nella tua area... ti butti costantemente in campo il mirino... Ha le sue conseguenze... Ma dobbiamo tutti svegliarci il giorno dopo e andare a lavorare... Beh, la maggior parte di noi... L'ultima cosa che voglio fare è compromettere la mia vita e il mio lavoro fuori dal campo, o la vita e il lavoro di qualcun altro.

Cosa ne pensi di ciò che senti insieme le parole 'calcio' e 'protezione'?
Per me è burro di arachidi e gelatina. Mano nella mano. Come ho già detto, sto invecchiando, non troppo vecchio, ahah... Ma anche adesso che ho circa 30 anni non mi riprendo come ha fatto Joe di 25 anni.

Perché sei così pronto ad abbracciare Storelli?
Sto cercando di prolungare la mia carriera da giocatore il più a lungo possibile... Se voglio quella longevità devo sfruttare appieno tutto ciò che mi aiuta a farlo. Storelli è la scelta ovvia.

Perché hai fondato il NYC Footy?
Io e gli altri fondatori ci siamo incontrati mentre giocavamo in un altro campionato misto (che rimarrà senza nome) e siamo andati davvero d'accordo. L'intera squadra di quasi-estranei si è unita rapidamente grazie all'amore condiviso per tutto ciò che riguarda il calcio... Venivamo tutti da contesti professionali diversi, quindi possedevamo tutti punti di forza diversi. Era una combinazione di marketing, branding, conoscenza di startup tecnologiche, programmazione informatica, design di abbigliamento e servizio clienti (che è utile quando si ha a che fare faccia a faccia con centinaia o migliaia di giocatori all'anno). È successo durante un drink dopo la partita, dove nascono molte grandi collaborazioni... Fondamentalmente abbiamo detto: "con tutto il talento che abbiamo collettivamente, possiamo farlo meglio di chiunque altro là fuori, chi c'è?"

Cosa c'era che non andava negli altri campionati?
Molte cose. E a questo punto della nostra amicizia, avevamo giocato in 3 o 4 campionati diversi e ogni volta era la stessa vecchia storia. Le altre leghe sembravano tutte imprese senza volto, sterili, insulari, miopi, gestite in modo scadente. Volevamo ribaltare quella formula. Puntiamo continuamente a essere un campionato gestito più come un club. Uno in cui i fondatori sono nel bel mezzo di tutto ciò e possono essere ritenuti responsabili perché la loro presenza da sola, giorno dopo giorno, consente un feedback immediato da parte dei giocatori, che a sua volta mantiene il "nostro prodotto" acuto e pertinente.

Qual è stata la tua più grande paura nel farlo andare avanti?
Entrare in affari con gli amici. La paura di perdere l'amicizia a causa di disaccordi professionali. Ma abbiamo imparato che si tratta di trovare dove devono essere tracciate quelle linee tra questi due mondi. Ci sono stati sicuramente degli intoppi durante il nostro viaggio di cinque anni, ma le destinazioni in cui ci siamo trovati finora e quelle che continueremo ad esplorare ne sono valse la pena.

Cosa c'è di "top notch" in questo? Cosa c'è di diverso?
Un certo numero di cose, a mio onesto e modesto parere, ma fornirò solo un paio di esempi concreti. Uno dei primi esempi evidenti sono le nostre maglie. C'è un'emozione diversa quando indossi una maglia vera e propria invece di una semplice maglietta. Un senso di appartenenza, un senso di orgoglio e un senso di cameratismo... E quella stessa emozione e spirito si riversano in campo, il che rende le giocate fantastiche. Un'altra differenza tra noi e loro è il nostro desiderio non filtrato non solo di costruire un'esperienza per i giocatori, ma di costruire una cultura, una cultura che possano sostenere con orgoglio e di cui possano condividere la proprietà. Penso che lo stesso desiderio sia stato alimentato dal fatto che tutti noi svolgevamo lavori a tempo pieno separati dal calcio, quindi l'obiettivo non era fare un sacco di soldi, ma fare tutto SOLO bene, correre rischi divertenti e vivere questo progetto di passione che covava dentro di noi.


Come vedi Storelli nell'inserimento in campionato come partner protettivo?
Una cosa che gli atleti temono è il cambiamento. Cambiamento nella routine, cambiamento nelle loro abilità di gioco, cambiamento nella loro capacità di riprendersi da un infortunio e così via... Penso che Storelli, essendo il partner protettivo del NYC Footy, aiuti i nostri giocatori a superare quelle paure e, a sua volta, aiuti ad elevare il loro gioco, la loro fiducia e la durata della loro carriera.

Siamo per la prossima generazione di atleti, come si inserisce il calcio di New York?

Onestamente, a questo punto della vita di New York Footy serviamo una vecchia generazione di atleti, ma possiamo insegnare ad alcuni vecchi cani alcuni nuovi trucchi, ahah... Soprattutto quando quei vecchi cani vogliono proteggere le loro ossa. Ora che ci penso, man mano che il New York Footy cresce, crescono anche le famiglie dei nostri giocatori. I giocatori iniziano ad avere figli e chissà, forse condividendo le convinzioni di Storelli e sostenendo i loro prodotti stiamo inconsciamente aiutando a dare l'esempio di come dovrebbe essere la nuova norma calcistica per le generazioni future dei nostri giocatori.

Come vedi Storelli nell'inserimento in campionato come partner protettivo?
Una cosa che gli atleti temono è il cambiamento. Cambiamento nella routine, cambiamento nelle loro abilità di gioco, cambiamento nella loro capacità di riprendersi da un infortunio e così via... Penso che Storelli, essendo il partner protettivo del NYC Footy, aiuti i nostri giocatori a superare quelle paure e, a sua volta, aiuti ad elevare il loro gioco, la loro fiducia e la durata della loro carriera.

ACQUISTA ORA IL NOSTRO ARSENAL DI ARTICOLI DEI GLADIATORI

Cart Close
Updating