HYPEBAE: La speranza parla di BodyShield + Recovery

Apr 7, 2016


Hope Watson, studentessa di cinema della Columbia University, modella e membro del Chinatown Soccer Club, è apparsa nel primo episodio della nostra serie #injuriessuck. Si è infortunata al legamento crociato anteriore a settembre e da allora ha lottato per tornare indietro.

Durante la riabilitazione, l'abbiamo sfidata a tornare in campo più velocemente e più forte allenandosi nella famosa palestra di boxe Gleason a Brooklyn. Gleason's è il luogo in cui leggende come Muhammad Ali hanno combattuto e sono stati girati film come Raging Bull. HYPEBAE ha incontrato Hope per scoprire come ha iniziato a giocare a calcio e dove si inserisce Storelli.

HYPEBAE: Come è nata la tua passione per il calcio (e il fitness in generale)?
Hope Watson: Un misto di gioco fin dall'età di 7 anni, influenza dei miei fratelli e di papà e fandom attraverso la partecipazione a due Mondiali. Ci svegliavamo nel cuore della notte in Australia per guardare la EPL e la Champions League. Ma allo stesso tempo, ho praticato avidamente atletica leggera. Ho vinto una medaglia d'argento ai titoli nazionali australiani al liceo. Se avessi parlato con me a quell'età ti avrei detto che volevo diventare un olimpionico! Molte delle persone con cui mi sono allenato hanno rappresentato l’Australia alle Olimpiadi di Londra nel 2012.

Puoi dirci qualcosa in più sul tuo coinvolgimento con il Chinatown Soccer Club e su come si distingue dalle altre organizzazioni calcistiche?
CSC è questo gruppo di adorabili newyorkesi, per lo più creativi, che si sono riuniti alcune volte a settimana negli ultimi 13 anni. Bisogna sempre portare una natura accomodante nell'allenamento e lasciare i propri contrasti in scivolata per Playstation. Ho giocato con loro per quasi due anni e sono rimasto stupito dal loro talento fuori dal campo, dalla regia di grandi spettacoli di Broadway, alla progettazione di scarpe da ginnastica Nike e persino all'avere un seguito di culto nel mondo dello skate.

Come è avvenuto il tuo infortunio e come sono state le prime settimane in termini di adattamento alla vita quotidiana, ecc.?
Mi sono strappato il legamento crociato anteriore in due fasi. Innanzitutto, uno strappo parziale durante una partita di calcio, poi, pensando che fosse "solo" un problema al tendine, sono corso ad una festa in spiaggia in estate e l'ho rotto completamente. Ma quella notte, giusto per salvare la faccia, ho fatto finta di non soffrire molto anche se vedevo le stelle – non volevo rovinare l'atmosfera, sai?

Quali sono stati gli ostacoli fisici e mentali più significativi legati al tuo recupero? Cosa ti mantiene motivato e in pista?
Farmi del male mi ha messo davvero in una situazione difficile. Ero stato piuttosto freddo per tutta l'estate e stavo per iniziare il mio semestre alla Columbia – poi boom. È stato come rimanere incinta o qualcosa del genere: ho dovuto riadattare così tante cose! Ha influito molto sul lavoro, si fingeva molto.

Ci sono molte cose che potrei spiegare sulle ginocchia e sul legamento crociato anteriore (ACL) in questo momento, ma fondamentalmente alcune persone sono stabili dopo aver subito una rottura del legamento crociato anteriore (ACL) e altre no. Ho avuto la fortuna di essere stabile (cioè in grado di camminare e fare jogging con solo un leggero dolore), quindi ho deciso di posticipare l'intervento a più tardi nel corso dell'anno in modo da poter giocare un po' di più il 2015 e fare l'intervento più vicino al pausa festiva.

Gli ostacoli mentali sono innumerevoli. Odiavo non poter giocare a calcio, avevo paura di ingrassare e trovavo più difficile concentrarmi all'università. A volte semplicemente entrare in terapia fisica mi metteva in questo stato d'animo che mi ricordava tutte le cose che non potevo fare. Dopo l'intervento chirurgico, quando mi è stato permesso di salire di nuovo sulla bici, andavo piano come un 92enne e soffrivo così tanto ad ogni rotazione. È difficile. Sicuramente una lezione di pazienza, una virtù che ormai conosco bene!

Puoi descriverci com'è il tuo reggimento di allenamento, dieta inclusa?
Sono trascorsi circa 4,5 mesi dall'intervento e ho un po' più flessibilità con quello che posso fare ora (al di fuori delle sessioni di fisioterapia), quindi la mia settimana è solitamente di 3 sessioni PT, che consistono in una serie di esercizi che ho lentamente costruito per poterlo fare. Sto lavorando su cose sull'agilità al momento, il che sembra un grande passo. Ogni volta che aggiungo un nuovo esercizio mi sento così dolorante, quindi cerco di riequilibrarmi con una sessione di yoga o un bagno turco. Aggiungerò anche una sessione di boxe o qualcosa di più divertente, ora che posso muovermi un po' più abilmente.

Per quanto riguarda il cibo, sono sorpreso che la parola dieta non sia scomparsa negli anni '90! Non succhi. Non sono intollerante al glutine. Non conto le calorie. Cerco di vedere il cibo come carburante e di ridurre al minimo la nevrosi riguardo al cibo, ove possibile. Mi piace cucinare. Di solito verdure fresche, carne o pesce. Bevo MOLTO caffè, ben bilanciato con molta acqua… adoro il vino rosso, ma cerco di continuare a berlo fino a 2-3 volte a settimana. Ho un debole per i dolci, ma limito l'assunzione di zucchero. Mi fa spazziare la pelle.

Qual è stata la tua reazione allo Storelli BodyShield? Lo indosserai al tuo ritorno?
Dopo aver tolto la ginocchiera medica necessaria, ho indossato la ginocchiera BodyShield di Storelli per quella sensazione extra di sicurezza. Il tutore era davvero solido ed era molto meno ingombrante e leggero di quanto mi aspettassi. Quando giocherò di nuovo, sarà importante indossarlo, proprio per ricordarmi di avere il pieno controllo del mio corpo. Ad esempio, non fare tre giri di rotazione solo per essere astuto: invece passerò e basta!

Avendo studiato cinema, come descriveresti il ​​tuo rapporto con il cinema, la moda e il fitness? Per te i tre sono collegati?
Il cinema e il fitness/sport sono parti importanti della mia vita, la moda meno: mi interessano lo stile e il colore, ma meno i marchi e le tendenze. Crescendo, ho avuto questo tipo di insolito mix di ambienti sia sportivi che creativi. I miei genitori avevano una galleria d'arte a Canberra, mi sedevo lì a fare i compiti e poi andavo ad allenarmi in pista o agli allenamenti di calcio.

Adoro il fatto che il mezzo cinematografico possa essere così tante cose, che possa essere una miscela di pensieri visivi e sonori contemporaneamente. Voglio creare una versione più artistica di ciò che può essere una donna sportiva attraverso il cinema, non tanto attraverso il materiale appariscente e commerciale.

Perché hai scelto di allenarti al Gleeson's, famoso per la sua ricca storia nella boxe più che in ogni altro sport?
Storelli ha sede dietro l'angolo e mi ha sfidato a riabilitarmi lì e a familiarizzare con il BodyShield. Volevo mescolarlo e lo spazio sembrava fantastico. Normalmente svolgo le mie attività di fisioterapia in palestra per persone che si stanno riprendendo da infortuni gravi.

Qualcuno ti ha mai scambiato per Cara Delevigne? Qualche storia divertente legata a questo?
Posso avere il tuo autografo… Posso fare una foto con te… Mi sembra davvero strano. Succedeva molto di più quando era quasi famosa: una volta un fotografo paparazzo mi scattò delle foto mentre pranzavo a Brooklyn. Spero che ne abbiano ricavato un soldo.

Cosa ti piace fare nei tuoi "cheat days"?
A me e al mio ragazzo piace andare all'avventura nei ristoranti noti per una cucina particolare, diciamo ad Astoria, nel Queens, ad Harlem. Andiamo lì e ci riempiamo la faccia e, si spera, impariamo qualcosa sulle diverse culture lungo la strada. È il migliore!

Che consigli daresti agli altri atleti in recupero? A coloro che desiderano vivere uno stile di vita più attivo?
Cerca di trovare piacere nel processo di riabilitazione, assumi il compito di curare diligentemente il tuo corpo. Ho imparato che è l'unico modo. Non per esaltarci con qualche banale sentimento di auto-aiuto, ma dobbiamo amare il nostro corpo ed essere grati per tutte le cose che ci aiutano a raggiungere giorno dopo giorno. Veramente.

Foto di Sam Maller

Acquista la linea BodyShield

Cart Close
Updating