Affrontare le proprie paure: Portieri

Oct 4, 2021


Non ti sembra che tu, il portiere, sopporti maggiormente la pressione in campo?

Non ti sembra che i tuoi momenti peggiori siano peggiori di quelli di chiunque altro, e che i tuoi errori siano più importanti di quelli, ad esempio, di un centrocampista o di un difensore? Forse la paura di commettere errori o di infortunarti gravemente ti trattiene, facendoti temere la palla, tuffarti o sbagliare una parata.

Anche i più grandi portieri di tutti i tempi commettono errori, ma come loro, tu superi le paure comuni e domini in area. Tutto si riduce alla tecnica, alla pratica e alla mentalità, tutte cose che puoi padroneggiare.

Paura di immergersi

Se sei nuovo nel ruolo di portiere o stai tornando a ricoprirlo, tuffarti ti sembrerà piuttosto lontano dalla tua zona di comfort. Non sarai abituato ai salti acrobatici che i portieri esperti eseguono con facilità, quindi è naturale preoccuparsi di farsi male.

Il problema qui è che non hai familiarità e inesperto e, come impone la natura umana, le cose nuove sembrano spaventose. Ma a questa inesperienza arriva anche una mancanza di abilità, il che significa che non saprai come immergerti correttamente e quindi eviterai gli infortuni associati all'immersione. Infine, potresti ricordare di aver guardato partite di squadra o partite professionistiche in TV in cui i portieri si infortunavano gravemente dopo i tuffi.

Per diventare impavido nelle immersioni, devi esercitarti nelle immersioni per sentirti più a tuo agio. Detto questo, all'inizio è meglio esercitarsi nell'immersione a piccoli passi e con un'intensità minore.

Rompi un tuffo in blocchi

  1. Rimbalzo d'allenamento : senza saltare, rimbalza su e giù sulle punte dei piedi.
  2. Hop Stop - Successivamente, immagina che un tiratore stia riportando indietro la gamba. Quando la gamba torna indietro, esegui un piccolo salto in avanti per ridurre gli angoli del tiratore.
  3. Piedi alla larghezza delle spalle - Dopo essere atterrato dal salto, i piedi dovrebbero essere alla larghezza delle spalle.
  4. Power Step - Dopo aver atterrato con l'hopstop eseguirai un power step, che è un passo nella direzione del tiro (non fare un affondo).
  5. Esplodi : esplodi nel tuo tuffo usando la gamba con cui hai eseguito il passo potente.
  6. Le mani guidano il corpo : usa le mani per guidare il corpo durante l'immersione.
  7. Abbina l'altezza alla palla : se stai praticando un salvataggio basso, a terra, tuffati appena sopra il terreno. Se stai praticando una parata all'altezza della vita, mantieni il tuffo all'altezza della vita.

Esercitati in questi passaggi lentamente e ripetutamente prima di aumentare la velocità e l'intensità. Se non ti senti ancora a tuo agio sull'erba o sul manto erboso, puoi anche esercitarti su un tappetino per ulteriore supporto e ammortizzazione.

A proposito di ammortizzazione, un ottimo modo per ridurre la paura di farsi male è indossare una tuta imbottita da portiere. Maglie imbottite , pantaloni imbottiti , top corti corazzati e copricapi a concussione possono tutti assorbire l'impatto di colpire il suolo o un altro giocatore durante l'immersione.

Ad esempio, i nostri leggings da portiere BodyShield possono assorbire fino al 90% delle forze d'impatto mentre il nostro caschetto ExoShield può ridurre le forze d'urto fino all'84%. Ciò significa un atterraggio molto più morbido durante l'immersione.

Paura della palla

Ancora una volta, se sei un portiere alle prime armi, è molto probabile che tu abbia paura proprio di ciò che ti è stato commissionato di fermare: la palla stessa. Ti preoccupi della palla che ti colpisce in faccia e del dolore pungente (o del sangue dal naso) che potrebbe seguirne.

Il problema qui è probabilmente duplice: 1) Mancanza di esperienza e abilità, 2) Paura del dolore. La paura del dolore è ovvia; è nella natura umana evitare il dolore. Tuttavia, quella paura può distrarti dal salvare effettivamente la palla. E poi c'è una mancanza di abilità. Quando si tratta di temere la palla, molti portieri hanno una scarsa tecnica di parata o riflessi e tempi di reazione lenti, e quindi non riescono a fermare la palla molto bene.

Ma puoi cambiare tutto questo.

Esercitati a bloccare un pallone da calcio a bassa velocità o chiedi a qualcuno di lanciarti contro un pallone piccolo (più morbido). In questo modo, se la palla ti colpisce il viso, non causerà dolore (forse al massimo un leggero formicolio) e può aiutarti comunque a rallentare e concentrarti sulle tue capacità di bloccare il tiro.

Inoltre, dovresti concentrarti sugli esercizi per bloccare il tiro e sull'allenamento dei riflessi per aiutarti a reagire più velocemente a un tiro in arrivo.

Lascia le tue paure fuori dal campo

Le farfalle nello stomaco scompariranno con la pratica e il tempo: non sarai per sempre un portiere nervoso. Inizierai a giocare con più sicurezza man mano che le tue abilità in tuffo e nel blocco dei tiri miglioreranno. In effetti, l’obiettivo (scusate il gioco di parole) è disimparare le paure che avete.

Inoltre, l'attrezzatura giusta aiuterà ad attutire i colpi tipici del calcio, in modo da non temere così tanto gli infortuni. È normale avere qualche timore nei confronti del portiere quando sei nuovo, ma come in qualsiasi ruolo, più giochi ti sentirai più a tuo agio.

Cerchi attrezzatura e abbigliamento da portiere? Sfoglia la nostra collezione di guanti da portiere, leggings e altro ancora.

Cart Close
Updating