Questo test può salvare i giocatori di calcio dai peggiori effetti di commozione cerebrale?

Mar 26, 2020


Le commozioni cerebrali sono così pericolose in parte perché sono difficili da identificare e monitorare. Spesso è necessaria una combinazione di valutazioni, scansioni e protocolli per determinare la gravità di una commozione cerebrale.

Molte di queste valutazioni dipendono dal fatto che allenatori e allenatori le somministrano correttamente, il che può lasciare molti giocatori infortunati sul campo anche dopo aver subito un trauma cranico. Inoltre, impone ai giocatori l'onere di autodenunciare accuratamente i sintomi, il che è particolarmente difficile se sono giovani o se si sentono confusi e disorientati a causa di una recente commozione cerebrale. 

Un nuovo sviluppo in questo settore è il test di base delle commozioni cerebrali , che utilizza una combinazione di valutazioni che consentono agli specialisti medici di monitorare la funzione cerebrale prima e dopo le commozioni cerebrali. Utilizzando queste valutazioni, gli specialisti possono anche monitorare le prestazioni nel tempo. Per i calciatori giovani e meno giovani, questo tipo di test può fare un'enorme differenza nel loro piano di trattamento della commozione cerebrale.

Esaminiamo i dettagli del test di base delle commozioni cerebrali e determiniamo come può essere utilizzato per valutare i sintomi in corso di un calciatore e il livello di rischio di commozioni cerebrali.

Cos'è il test di base per la commozione cerebrale?

Essenzialmente, il test di base della commozione cerebrale è un protocollo di test che utilizza due test. Uno avviene prima dell'inizio della stagione e stabilisce una base misurabile per la funzione cerebrale, l'equilibrio e la condizione fisica generale di quel giocatore.

Il secondo test è uguale al primo e viene effettuato dopo che un operatore sanitario sospetta che il giocatore abbia subito una commozione cerebrale. I risultati dei due test vengono confrontati, consentendo al valutatore di vedere chiaramente se il giocatore presenta sintomi di commozione cerebrale.

Se i risultati dei due test sono identici o simili, probabilmente non è presente alcuna commozione cerebrale. Se i risultati sono visibilmente diversi, è abbastanza facile dire che si è verificata una commozione cerebrale. 

Procedura, biomarcatori e frequenza associati al test

Il test di base per la commozione cerebrale viene generalmente somministrato da un professionista sanitario e si raccomanda che gli atleti che praticano sport ad alta velocità o di contatto come il calcio e il football vengano sottoposti al test ogni anno. Gli allenatori e gli operatori sanitari non consigliano questi test agli atleti di età inferiore ai dieci anni, poiché si sviluppano così rapidamente da rendere il test non valido. 

Durante il test, gli operatori sanitari possono valutare una varietà di fattori, tra cui l'equilibrio, le capacità cognitive e il tempo di reazione dell'atleta. Dopo la parte fisica del test, è possibile somministrare un test con carta e matita per valutare la concentrazione e la memoria. 

Anche se questi test sono utili, i ricercatori stanno lavorando più duramente che mai per identificare i biomarcatori delle commozioni cerebrali. Alcune ricerche suggeriscono che potremmo essere vicini all’identificazione di un biomarcatore in grado di diagnosticare una commozione cerebrale con un semplice esame del sangue. Uno strumento diagnostico oggettivo come un esame del sangue sarebbe prezioso per identificare rapidamente le commozioni cerebrali senza la necessità di attendere costose neuroimmagini come la risonanza magnetica e le scansioni TC.

Vantaggi del test di base della commozione cerebrale per i giocatori di calcio

Allo stato attuale, il test di base della commozione cerebrale è il test più obiettivo che un professionista sanitario può utilizzare per identificare una commozione cerebrale nel proprio studio. Il neuroimaging è utile, ma le macchine non sono sempre disponibili. 

Avere un test semplice ed economico che un medico può eseguire nel proprio studio fa un'enorme differenza per gli atleti, fornendo loro rapidamente un feedback accurato sull'eventuale presenza di una commozione cerebrale e sulle misure che dovrebbero adottare per salvaguardare la propria salute.

Cosa fare con i risultati

Un atleta che ha completato i test di base per la commozione cerebrale si trova in una posizione molto migliore rispetto a un atleta che si affida ad altri metodi diagnostici obsoleti per la commozione cerebrale. Un professionista sanitario può utilizzare i risultati del test non solo per diagnosticare la commozione cerebrale, ma anche per fornire agli atleti maggiori informazioni sugli effetti del loro infortunio e sulle misure da adottare durante il recupero. 

Quando vengono fornite quante più informazioni possibili, gli atleti e le loro famiglie possono prendere una decisione informata sulla loro prossima mossa. Per proteggere la testa del giocatore in avanti, i medici possono raccomandare agli atleti di indossare un caschetto protettivo da calcio. Questo tipo di copricapo da commozione cerebrale si adatta saldamente alla fronte e alla parte posteriore del collo e si stima che aiuti a ridurre il rischio di lesioni alla testa del giocatore fino all'84%, secondo la valutazione dei copricapi da calcio esistenti del Virginia Tech Casco Lab.

Proteggersi da future commozioni cerebrali

Uno dei vantaggi principali del test di base per la commozione cerebrale è che fornisce agli allenatori e agli operatori sanitari informazioni oggettive sulla salute di un giocatore. Invece di fare affidamento su metodi di test che confrontano semplicemente la condizione attuale di un atleta con uno standard generale, il test di base della commozione cerebrale fornisce informazioni oggettive su come la cognizione, l'equilibrio e le prestazioni complessive di un giocatore si confrontano con il proprio livello di base sano. Se vuoi continuare a giocare per molto tempo, il test di base della commozione cerebrale può aiutarti ad arrivarci.

Le commozioni cerebrali sono un problema importante nel calcio e gli studi hanno dimostrato che questi infortuni dolorosi e che alterano la carriera sono in aumento. Se vuoi prendere tutte le precauzioni possibili, il nostro ExoShield HeadGuard è stato testato in modo indipendente per ridurre gli impatti sulla testa fino al 50%. Sebbene non sia una soluzione perfetta e siano necessari ulteriori studi per confermare l'entità dei benefici nella prevenzione delle commozioni cerebrali, potrebbe essere uno strumento utile che puoi utilizzare per proteggerti dalle commozioni cerebrali, mantenendoti sano e sul campo il più a lungo possibile.
Cart Close
Updating