Il copricapo sarà al centro dell'attenzione ai Mondiali?

Jun 2, 2015


Con l'avvicinarsi della Coppa del Mondo femminile (dal 6 giugno al 5 luglio) molti di noi si chiedono: qualcuno dei giocatori indosserà il copricapo?

Perché dovrebbero, chiedi? Alcuni giocatori in Europa indossano copricapi da calcio e la speranza è che possano aiutare a prevenire le commozioni cerebrali. Mentre la lega di calcio professionistica ha fatto luce su questi lividi cerebrali negli ultimi anni - con 202 commozioni cerebrali diagnosticate durante allenamenti e partite regolari e pre-campionato nel 2014 - il calcio femminile non è molto indietro nei casi traumatici.

Usa la testa Il calcio in generale è strettamente legato a questo infortunio specifico per un motivo in particolare: i colpi di testa. "Un ciclo cronico di infiammazione dovuto a traumi subconcussivi ripetuti può in definitiva essere un fattore che contribuisce, che predispone i giocatori, soprattutto le donne, a un aumento del rischio di commozioni cerebrali", afferma il dottor Robert Glatter, medico curante presso il dipartimento di medicina d'urgenza al Lenox Hill Hospital di New York City ed ex medico di bordo campo dei New York Jets.

"Stanno solo iniziando la ricerca, ma hanno scoperto che la sostanza bianca del cervello può essere anormale a causa del ripetuto scuotimento e dei colpi delle teste, causando danni ai percorsi neurali", afferma la dott.ssa Nadya Swedan, MD, FAAPMR, specialista in medicina fisica e riabilitazione per infortuni sportivi in New York City. "Non è ancora chiaro quanto possa essere grave", dice, ma la CTE, o encefalopatia traumatica cronica, una malattia degenerativa del cervello legata a ripetuti colpi alla testa, è diventata motivo di preoccupazione nel mondo del fútbol dopo incidenti come Albuquerque il calciatore Patrick Grang è morto all'età di 29 anni. Un esame postumo del suo cervello ha rivelato che su una scala CTE a quattro punti, era nella fase due.

Le donne dovrebbero essere ancora più consapevoli? Secondo una recente analisi del Journal of Athletic Training, le giocatrici di calcio hanno subito tassi di commozione cerebrale più elevati rispetto agli uomini a livello collegiale. "Non è chiaro se ciò sia dovuto a un gioco aggressivo o a una tecnica impropria", afferma il dottor Glatter. Il motivo potrebbe anche essere la composizione genetica. "È anche molto chiaro che il cervello di una donna non è uguale a quello di un uomo sotto moltissimi aspetti, non solo in termini di modo in cui le donne pensano", ha affermato il dottor Robert Stephens, professore associato presso la Johns Hopkins University School of Medicine. è specializzato in lesioni cerebrali, ha detto a Rueters.com. "È diverso in termini di anatomia reale." Le commozioni cerebrali nelle donne tendono ad essere più gravi e richiedono più tempo per guarire, ha spiegato; anche se ha anche sottolineato che molte commozioni cerebrali nei maschi non vengono diagnosticate perché i giocatori non vogliono lasciare il gioco.

"Potrebbe avere a che fare con il fatto che le donne hanno il collo e le spalle più deboli rispetto agli uomini", afferma la dott.ssa Swedan. Si dice che anche gli ormoni svolgano un ruolo, con i livelli di progesterone che influenzano mal di testa, vertigini e nausea.

La soluzione: il copricapo

Aziende come Storelli hanno creato copricapi per proteggere i giocatori di calcio da lesioni cerebrali traumatiche dovute, ma non solo, a colpi di testa e collisioni. "Abbiamo creato l'azienda partendo dalla consapevolezza che gli infortuni accadono continuamente ai giocatori di calcio", afferma Claudio Storelli, amministratore delegato di Storelli. Quindi, come funziona esattamente questo accessorio simile a una fascia? "Lo Storelli ExoShield HeadGuard è stato progettato per una ragione principale: assorbire l'impatto sulla testa dovuto al contatto con la testa di un altro giocatore, la palla, il campo o la porta", afferma Storelli. “Grazie alla speciale schiuma e al design, è estremamente efficace nel farlo, riducendo la forza G dell’impatto a livelli minimi. Più duro è l’impatto, più radicale è la riduzione relativa della forza G rispetto alla testa”.



Sebbene queste protezioni per il cranio non siano state ancora ampiamente diffuse nei campionati di calcio professionistici, sono legali per il gioco e alcuni giocatori di qualificazione alla Coppa del Mondo e giocatori della Premier inglese le indossano. E i giocatori professionisti sembrano sostenerli. "Dovrebbero esserci dei copricapi sul mercato, soprattutto per i bambini, perché è solo un altro modo per proteggersi", ha detto a Rueters la due volte campionessa olimpica di calcio Angela Hucles, ex membro per otto anni della squadra nazionale americana. .com. "Ne hanno bisogno."

Dovremo solo aspettare e vedere se qualcuno li indosserà il 6 giugno, non che avessimo bisogno di altri motivi per guardare le partite.
Cart Close
Updating