Storelli presenta: La ragazza dall'imprevedibilità letale

May 21, 2017


Presentiamo la seconda puntata di una serie di domande e risposte che chiede ai collaboratori della nostra linea BodyShield da donna quali sono le loro armi segrete.

Nome: Raquel "Rocky" Rodríguez Cedeño
Squadra attuale: Skye Blue FC, Nazionale femminile del Costa Rica
Ruolo: centrocampista

Originaria di San Jose, Costa Rica, Rocky porta creatività e giocate imprevedibili nel gioco, ma lasciare il suo paese d'origine per inseguire i suoi sogni è stata tutt'altro che una decisione facile. Rocky ci parla del suo viaggio nel calcio e dei sacrifici che ha fatto per arrivare in cima.

Cosa ti ha ispirato a iniziare a giocare a calcio?

Ho iniziato a giocare a calcio a 4 anni perché mio padre era un giocatore professionista e me lo ha fatto conoscere. Ha detto che ha potuto vedere il mio talento naturale e la mia passione per questo sport fin dall'inizio.

Mio padre mi ha allenato fino all'età di 11 anni e poi, quasi per caso, una mia cugina vide su un giornale l'annuncio di una prova per una squadra di calcio femminile. Prima non sapevamo nemmeno che esistessero squadre femminili, quindi tutta la mia famiglia era super emozionata e venne con me.

Fortunatamente per me, c'era anche l'allenatore della nazionale e le mie capacità hanno attirato la sua attenzione.



Quali sfide hai dovuto affrontare per raggiungere i tuoi sogni?

Durante la mia adolescenza mi resi conto che il livello del calcio femminile in Costa Rica non era all'altezza di quello che pensavo dovesse essere, quindi sfortunatamente sapevo che per giocare professionalmente avrei dovuto lasciare il mio paese.


In generale, il tema caldo nel calcio femminile in questo momento è il concetto di parità di gioco e parità di retribuzione. Sento che le donne sono grate per i progressi compiuti finora in questo sport, ma siamo molto motivate e molto potenti e dedichiamo le stesse ore, se non più, degli uomini, quindi è frustrante non aver livellato il gioco o i pagamenti campo.

Soprattutto per me, sto inseguendo i miei sogni da calciatore e voglio potermi guadagnarmi da vivere. Pochissime donne nel calcio possono farlo in questo momento.

Ma poi ricordo che le donne hanno dovuto superare ostacoli nel corso della storia, quindi non abbiamo bisogno di molto per ottenere molto. Abbiamo dovuto lottare per i nostri diritti sotto ogni aspetto, quindi non cerchiamo scuse. Cerchiamo modi per portare a termine le cose.



Cosa vedi per la prossima generazione di giocatori?


Altri modelli di ruolo. Quando ero piccolo, non ne avevamo! Ci sono così tante donne forti che hanno aperto la strada ai giocatori di oggi e penso che questo accelererà il progresso. Sento che questo è sicuramente il momento per portare un cambiamento nello sport.

Inoltre, spero di vedere sempre più aziende che vogliono investire di più nel calcio femminile. In questo modo, penso che diventerà più professionale, più rapidamente.


Qual è la tua #armasegreta?

Resilienza. Penso anche di apportare molta creatività al gioco. Riesco a liberarmi molto bene dalla pressione perché mi riesce difficile difendermi. Il mio trucco è ingannare attraverso la creatività.




Cosa cerchi nella tua attrezzatura?

Per me Storelli è sinonimo di comfort e prestazioni e questi sono gli aspetti più importanti per me nella scelta dell'attrezzatura. Davvero, cerco tutto ciò che mi aiuta a ottenere buone prestazioni.

Poi c'è ovviamente la prevenzione degli infortuni. Dovresti sempre allenarti in un modo che ti renda più forte, ma puoi anche allenarti in modo da evitare infortuni. È qui che entra in gioco Storelli, soprattutto con le bruciature del tappeto erboso quando devi allenarti al chiuso.


Cos'è più importante per te dentro e fuori dal campo?

Mi piace avere buoni rapporti con le persone dentro e fuori dal campo perché mi piace divertirmi. Mi piace ridere molto e l'intesa di squadra è un obiettivo importante per me. Mi consulto spesso con le persone perché credo che stare bene insieme si trasferirà in una buona prestazione collettiva in una partita.

Ognuno porta una virtù diversa e nei giorni in cui ne hai bisogno, la tua squadra può risollevarti. È davvero il bello di uno sport di squadra. Sia in campo che fuori dal campo, tutti abbiamo quei giorni in cui hai bisogno di una squadra intorno a te.




Che consigli hai per le giovani giocatrici?


Ho sempre detto che non bisogna aver paura di sognare. Ero un sognatore e anche se all'inizio sembrava difficile, sono andato avanti e ora sto dando i miei frutti.

Tutto inizia da ciò che hai nel cuore, da ciò per cui hai una passione. Nel mio caso si tratta di calcio, e quando sai qual è il tuo puoi andare avanti e correre il rischio. Perché ne vale la pena.

Pensala in questo modo, anche se le cose non andranno esattamente come vorresti avrai comunque altre esperienze da cui imparare. È una vittoria per tutti.

Acquista la nuovissima serie BodyShield da donna

Cart Close
Updating