Dovremmo vietare completamente i colpi di testa nel calcio?

Aug 24, 2023



Nel settembre 2021, la prima partita di calcio in assoluto a limitare i colpi di testa è iniziata al Brewery Field di Spennymoor Town in Inghilterra per aumentare la consapevolezza sulle malattie neurodegenerative indotte dallo sport. Nei primi 20 secondi c'è stato un colpo di testa, seguito dal fischio dell'arbitro e da un calcio di punizione. Secondo i rapporti, la folla è impazzita e ha riso.


Forse pensi che anche l’idea di vietare i colpi di testa nel calcio sia ridicola. O forse pensi che sia qualcosa che la FIFA e gli altri organi di governo del calcio dovrebbero prendere più sul serio.


La verità è che si possono sostenere argomentazioni a favore di entrambe le parti.

La polemica sui colpi di testa nel calcio

Fino alla metà e alla fine degli anni 2010, le prove a sostegno dei colpi di testa nel calcio come causa di danni cerebrali erano quasi del tutto aneddotiche. Si ipotizzava che colpire di testa la palla potesse innescare lesioni cerebrali a lungo termine, in base al peggioramento della salute nei prolifici colpi di testa. Avevamo sentito parlare di Jeff Astle, Bellini e Rod Taylor. Questi prolifici testatori soffrirono di demenza nei primi anni di vita, morendo anche prematuramente.

Bellini solleva il trofeo della Coppa del Mondo del 1958 con arbitri e giocatori svedesi sullo sfondo

Bellini solleva il trofeo della Coppa del Mondo dopo che il Brasile ha battuto la Svezia 5-2 nella finale del 1958. Gli è stata diagnosticata postuma la CTE Fotografia: Folke Hellberg/TT News Agency/Press Association Images

Una volta diagnosticata postuma la CTE , la ricerca ha iniziato a dipingere un quadro chiaro di ciò che le intestazioni potrebbero fare al cervello. Uno studio pubblicato nel 2018 ha rivelato che i giocatori che colpivano di testa la palla avevano concentrazioni più elevate di proteine ​​associate alla CTE nel sangue un’ora e fino a 22 giorni dopo. I livelli di queste proteine ​​erano significativamente più alti rispetto ai giorni in cui non colpivano la palla di testa.


Comprensibilmente, le persone sono preoccupate per i risultati di queste ricerche. I giocatori anziani sono preoccupati per ciò che potrebbe riservare il futuro, così come lo sono i genitori di giovani giocatori con molti anni rimasti. E molti in questo campo vedono un potenziale divieto di colpi di testa nel calcio come una buona mossa.

Non tutte le intestazioni prolifiche otterranno CTE

Ovviamente non tutti lo comprano. Molti giocatori hanno vissuto una vita lunga e sana dopo lo sport, compresi quelli noti per aver spesso colpito la palla di testa. Quindi si può affermare con certezza che il CTE non è una garanzia al 100% per chi colpisce la palla di testa.


In effetti, c'è motivo di credere che i giocatori che ottengono CTE dai colpi di testa avessero già le "ingredienti grezze" per svilupparlo comunque. Inserisci la genetica. I ricercatori hanno scoperto che diverse variazioni dei geni dell'apolipoproteina E (APOE) (associata al morbo di Alzheimer) e della proteina transmembrana 106B (TMEM106B) aumentano il rischio di CTE. Hanno anche scoperto altre variazioni genetiche che sembrano rendere il cervello più suscettibile alla CTE, vale a dire quelle associate a SPATA5 e PLXNA4.

4 fattori di rischio chiave per le commozioni cerebrali » ForeverFitScience

La genetica può determinare chi ottiene la CTE dopo una lesione cerebrale rispetto a chi non la subisce.

Ciò potrebbe far sorgere una nuova ipotesi: i giocatori che hanno già varianti genetiche ad alto rischio per la CTE, hanno maggiori probabilità di svilupparla se tirano spesso la palla di testa. I giocatori che non hanno queste varianti genetiche potrebbero non sviluppare mai la CTE anche se sono prolifici intestazioni. I geni sono la pistola, mentre i colpi di testa sono il grilletto.


Naturalmente potrebbero esserci altri meccanismi che innescano la degenerazione cerebrale che ancora non comprendiamo. Tuttavia, i motivi per cui alcuni giocatori ottengono CTE e altri no, potrebbero non essere attribuibili solo ai colpi di testa.

Il pensiero di Storelli sul divieto dei colpi di testa nel calcio

Se si considerano entrambi i tipi di ricerca e gli aspetti della questione, è chiaro il motivo per cui non possiamo mettere fine a questo dibattito. E per questo motivo forse non dovremmo aspettarci di avere ancora una risposta chiara sulle intestazioni.


È necessario che ci sia una sorta di via di mezzo.

Qui a Storelli consideriamo i colpi di testa una mossa fondamentale in questo sport. Non dovremmo vietare completamente i colpi di testa finché non avremo prove conclusive che il contatto giocatore-palla danneggia il cervello. Il nostro protocollo esistente per vietare le intestazioni per gli U12 è valido. E sosteniamo fortemente l'introduzione di più giochi come la partita al Brewery Field di Spennymoor Town per aumentare la consapevolezza sul CTE. Tuttavia, riteniamo che al momento non sia necessario eliminare le intestazioni.


Il protocollo di intestazione di domani?

Se non altro, la direzione della palla potrebbe dover essere affrontata caso per caso. Se un giocatore è adeguatamente condizionato e a suo agio nel colpire la palla di testa, allora dovrebbe continuare a farlo. Ma se un giocatore non soddisfa questi criteri, gli allenatori non dovrebbero raccomandarlo o aspettarselo da lui.


Ai livelli d'élite del calcio come la Premier League e la Liga, i giocatori ricevono programmi di allenamento personalizzati basati su test e misurazioni delle prestazioni. Sono inoltre soggetti a una gestione del carico, quindi i giocatori vengono spinti ai propri limiti fisici e mentali, ma mai oltre .


Forse, con l’avanzamento della scienza e della tecnologia, possiamo fare lo stesso per quanto riguarda le intestazioni. Ad esempio, potremmo:


  1. Misura come il loro cervello risponde al colpo di testa.
  2. Valutare le loro capacità cognitive (cioè la velocità di reazione), i pannelli ematici (per le proteine ​​infiammatorie) e così via.
  3. Utilizzare queste misurazioni e biomarcatori insieme ai risultati dei test genetici che evidenziano i rischi genetici di degenerazione cerebrale.

Sulla base di questi risultati, allenatori e dirigenti possono decidere se un giocatore deve o meno colpire di testa la palla. Gran parte di questo è ipotetico. Tuttavia, i giocatori (insieme alla guida di un allenatore) possono già decidere se mandare la palla di testa o meno. Non c’è ancora bisogno di un divieto a livello sportivo.

Promemoria sulla sicurezza dell'intestazione

Per coloro che decidono di colpire di testa, esistono metodi supportati dalla ricerca che possono ridurre il rischio di lesioni cerebrali. Quando lo fanno tutti insieme, i giocatori costruiscono una base forte che attutisce letteralmente le forze d'impatto del contatto giocatore-palla.

Come ridurre il rischio di commozione cerebrale quando si colpisce la palla di testa


  • Impara la tecnica corretta: non tutte le intestazioni sono uguali. L'apprendimento della tecnica corretta garantisce che la minima quantità di forza venga dispersa attraverso il collo e il cranio, proteggendo il cervello.
  • Rafforzare il collo: la ricerca ha scoperto che i muscoli del collo attenuano le forze d'impatto che raggiungono il cervello, solo se sono forti. Ecco perché è fondamentale che i giocatori rinforzino il collo se vogliono colpire la palla di testa.
  • Indossare un copricapo protettivo: il consiglio di indossare un copricapo da calcio è di per sé un dibattito , ma consigliamo comunque di indossarlo. Ad esempio, il nostro caschetto ExoShield ha dimostrato la capacità di ridurre le forze di impatto sulla testa dell'84%, il che si traduce in una certa protezione invece che in nessuna.

Non c’è modo di promettere ai giocatori di calcio una partita senza infortuni se scelgono di colpire di testa. La cosa migliore che possiamo fare è continuare a sensibilizzare sui potenziali rischi e dare agli atleti consigli per proteggersi. Ancora più importante, dovrebbero avere l’autonomia di scegliere di non colpire la palla di testa se lo desiderano: una sorta di divieto personale.


Ma ovviamente nessuno perderà la testa se alcuni club localizzati decideranno di ospitare partite “senza colpi di testa”, a meno che non ti capiti di essere seduto sugli spalti.


Stai cercando di proteggere la tua testa dalle forze d'impatto nel calcio? Dai un'occhiata alla nostra guida sulla “prevenzione delle commozioni cerebrali” per approfondimenti e suggerimenti.

Cart Close
Updating