Forbes: sul valore del copricapo nel calcio

Feb 11, 2020


Per gentile concessione di Forbes | 11 febbraio 2020
Di Ike Brannon, membro senior della Jack Kemp Foundation
___

Negli ultimi dieci anni abbiamo imparato molto sul grave impatto che una commozione cerebrale può avere sulla salute a lungo termine di una persona, soprattutto per un bambino o un giovane adulto il cui cervello è ancora in fase di maturazione. Questo problema è stato discusso più spesso nel contesto del calcio giovanile o delle scuole superiori, e la maggior parte di questi programmi hanno adottato misure per limitare i contatti negli allenamenti, oltre a migliorare la loro vigilanza sull’identificazione e la diagnosi del trauma cranico.



Tuttavia, anche altri sport delle scuole superiori espongono i loro partecipanti a potenziali traumi cranici, ma non sono stati così proattivi nell’affrontare il problema. Ad esempio, il calcio femminile delle scuole superiori ha un'incidenza di commozioni cerebrali pari a 8,4 ogni 10.000 partite e allenamenti, ovvero il doppio di quello del calcio maschile e, secondo uno studio dell'American Academy of Orthopaedic Surgeons, addirittura superiore a quello del calcio maschile. calciatori della scuola.


Non solo è in aumento l’incidenza degli infortuni alla testa nel calcio femminile, ma stiamo anche assistendo a un numero maggiore di infortuni alla testa in termini assoluti, perché più ragazze che mai giocano a calcio alle scuole superiori: circa 400.000 nel 2019, ovvero il 10% più di dieci anni fa e venti volte superiore a quello del 1980.

È anche vero che è aumentato anche l'atletismo della tipica ragazza che gioca a calcio al liceo; nella maggior parte dei posti le ragazze che compongono la loro squadra universitaria praticano questo sport quasi tutto l'anno fin da quando erano bambine e partecipano ad esercizi di forza e condizionamento in bassa stagione. Man mano che l’allenamento e il condizionamento migliorano, aumentano anche la velocità e la forza, rendendo le collisioni sul campo più pericolose.

Anche se potrebbe essere impossibile ridurre la velocità del gioco, possiamo fare di più per proteggerli dai pericoli, introducendo la produzione di teste per i giovani calciatori.



Tre anni fa un gruppo di ricerca dell'Università del Wisconsin ha condotto un'analisi su 3.000 giocatrici di calcio delle scuole superiori per determinare se il copricapo può ridurre l'incidenza delle commozioni cerebrali. Si è scoperto che mentre il copricapo medio faceva poco o nulla nel ridurre l'incidenza delle commozioni cerebrali, i copricapi di alta qualità erano associati a un tasso di commozioni cerebrali nettamente inferiore, come evidenziato nei dati a livello di prodotto dello studio.

Ha inoltre constatato che questi dispositivi di protezione non sembrano indurre un effetto di azzardo morale, per cui i caschi inculcano nei giocatori una sensazione di invincibilità e li spronano a giocare più fisicamente e a correre maggiori rischi sul campo.

Pochi mesi prima della pubblicazione di questo studio, l’Elme Lab della Virginia Tech University, considerato il laboratorio più importante per tale analisi, ha iniziato a includere recensioni di caschi da calcio nelle proprie valutazioni. Si è scoperto che i copricapo di fascia alta, che in realtà sono fasce per la testa, forniscono una protezione significativa e che i prodotti di punta possono ridurre l'incidenza di commozioni cerebrali fino all'80%.

Negli ultimi anni la maggior parte degli stati ha adottato misure per informare i giocatori di football delle scuole superiori e i loro genitori dei rischi inerenti al gioco, imponendo allo stesso tempo alle scuole di adottare misure per migliorare la sicurezza dei giocatori, ad esempio limitando i contatti durante la pratica e imponendo standard minimi di sicurezza. per caschi.



Lo Stato di New York è una delle numerose giurisdizioni che stanno riflettendo su come affrontare la crescente incidenza di commozioni cerebrali nel calcio femminile delle scuole superiori. Date le sue dimensioni, ciò che fa può costituire un precedente che altre comunità nel Nordest e nel resto del Paese seguiranno. Sarebbe opportuno prendere in considerazione l’idea di imporre copricapi di alta qualità per i giocatori di calcio delle scuole superiori.

Ho iniziato a giocare a calcio quando avevo vent'anni e quando ne avevo 30 giocavo in un campionato competitivo con uno stuolo di giocatori di calcio universitari. Tuttavia, la mia permanenza in campionato è stata interrotta da una commozione cerebrale; l'infortunio ha smorzato il mio entusiasmo per il gioco e sono passato ad altre attività.

Ho avuto fortuna: alcuni ragazzi delle scuole superiori che subiscono una commozione cerebrale si ritrovano con forti dolori o incapaci di concentrarsi, fenomeni che possono durare mesi. È nostro dovere adottare misure per rendere lo sport più sicuro per gli atleti delle scuole superiori, soprattutto quando ciò può essere fatto a un costo minimo.

Fonte: La protezione della testa può migliorare notevolmente la sicurezza del calcio delle scuole superiori

Cart Close
Updating