Uno sguardo più approfondito ai finti infortuni nel calcio e al perché i giocatori lo fanno | Storelli

May 6, 2022


I giocatori di calcio hanno una cattiva reputazione. Alcuni dei più grandi giocatori sono noti per le loro abilità di "tuffo" d'élite e per la simulazione di infortuni per ottenere calci di rigore e manipolare il risultato del gioco. La realtà è che i “falsi infortuni” sono spesso reali con qualche teatralità inserita, e i genitori e gli allenatori devono distinguerli. Questo post esaminerà in modo più approfondito questo fenomeno e come possiamo proteggere i giocatori dagli infortuni reali.

Ragioni tipiche dei giocatori Infortuni finti

I tifosi seri sanno perché i giocatori di calcio fingono così spesso gli infortuni. Al centro di questa teatralità c'è il desiderio di manipolare il corso di un gioco. Generalmente, i giocatori che fingono infortuni sperano in pochi risultati.


Perché i calciatori fingono infortuni?

  • Far sì che l'arbitro dia un cartellino giallo o rosso alla squadra avversaria (in modo che possa perdere un giocatore)
  • Ottenere un calcio di rigore (che può significare un gol facile)
  • Ottenere un calcio di punizione, che può aumentare le possibilità di segnare di una squadra
  • Frustrare la squadra avversaria (il che può influire negativamente sulle loro prestazioni)

In definitiva, fingere un infortunio (o la gravità di un infortunio) può fornire un vantaggio che una squadra non potrebbe creare in modo indipendente. E anche se sia i tifosi che i critici del calcio potrebbero dire che i giocatori di calcio sono "deboli", non lo sono perché lo scopo di fingere un infortunio è per ottenere un vantaggio. Naturalmente, alcune di queste lesioni sono reali.

Come valutare se una lesione è reale o falsa

Ecco il vero problema con alcune di queste lesioni dall'aspetto finto: sono più accurate di quanto sembri. Se hai giocato a calcio abbastanza a lungo, puoi identificarti in questo. Un contrasto apparentemente “leggero” può ferire più di quanto gli spettatori credano. Puoi sentire un'ondata di dolore letteralmente per 20-30 secondi, solo per poi scomparire. È il motivo per cui alcuni calciatori si rialzano subito dopo essere caduti.

Se ci pensi, di solito rimangono bloccati nelle aree più sensibili quando i giocatori di calcio vengono placcati. Gli stinchi, le caviglie e le ginocchia sono aree ossee ricoperte da pochi muscoli e molti nervi. Quindi sì, un calcio forte farà male. Ma di solito non lo fanno per molto tempo.

Naturalmente, arrossamento, gonfiore e lividi sono segni evidenti di un infortunio. Ma ancora una volta, questi sono lievi e tendono a guarire da soli.

Ma anche essere colpiti in un’area più carnosa può provocare dolorosi danni muscolari. Quindi, in una certa misura, anche quelle ferite non sono false. Naturalmente, se vedi un giocatore che urla di dolore e non è in grado di muoversi, probabilmente il suo infortunio è reale. È vero anche il contrario: se cadono casualmente dopo alcuni secondi di benessere, il giocatore sta solo mostrando le proprie abilità di recitazione/immersione.

I pericoli di minimizzare gli infortuni reali

La mentalità “alzati e basta” imposta ai giocatori è dannosa e pericolosa. Supporre che un infortunio nel calcio sia “falso” può favorire una cultura di ignoranza degli infortuni che non solo sono reali ma gravi (o addirittura pericolosi per la vita). Ciò è particolarmente vero per le commozioni cerebrali e le lesioni cerebrali. Ora che stiamo vedendo come anche gli impatti lievi o sub-concussivi possono influenzare il cervello, scrollarsi di dosso questi colpi è un'idea terribile.

In un post precedente, abbiamo evidenziato una ricerca che ha dimostrato come colpire ripetutamente la palla aumenta il livello di proteine ​​associate alle malattie neurodegenerative. Quindi, anche se vedi quello che sembra un leggero colpo alla testa da giocatore a giocatore, soprattutto se ripetuto, potrebbe essere peggio di quanto sembri. Anche gli infortuni alla gamba che sembrano lievi potrebbero aver causato più danni di quanto un giocatore o un allenatore si renda conto.

Ecco quella che dovrebbe essere la regola definitiva: se un giocatore si lamenta di dolore o sembra ferito, mettetelo da parte. Concedete loro almeno un po' di tempo per riposarsi e, al massimo, fateli visitare da un medico se sospettate che la loro ferita sia più grave di quanto si pensasse inizialmente. È meglio prevenire che curare.

Protezione dagli infortuni del calcio reale

Naturalmente, più si può fare per prevenire un infortunio nel calcio, meglio è. Indossare indumenti protettivi da calcio, come una fascia da calcio, può ridurre il rischio di lesioni cerebrali, proprio come i leggings imbottiti possono ridurre la probabilità di abrasioni e lividi. Anche esercitarsi con la tecnica corretta, che si tratti di tecnica di testa o di abilità visive, può ridurre gli infortuni.

Naturalmente, quando si tratta di impedire ai giocatori di calcio di fingere infortuni, la situazione è completamente diversa. Occasionalmente, gli arbitri tesserano giocatori che fingono infortuni, ma questo non è ancora uno standard in tutti i campionati. Accetteremo semplicemente che i giocatori siano innocenti fino a prova contraria.

Cerchi ulteriori consigli sulla prevenzione degli infortuni nel calcio? Dai un'occhiata al nostro blog Storelli per idee e approfondimenti!

Cart Close
Updating