Cosa ci dicono le diagnosi postume di CTE sulle commozioni cerebrali da calcio

Mar 22, 2023


Per capire come le commozioni cerebrali potrebbero influenzare i giocatori di calcio in futuro, dobbiamo imparare dai giocatori del passato. Sono stati rilevati alcuni casi confermati di CTE tra le superstar decedute, e ciò che i loro cervelli rivelano è sorprendente, preoccupante e cruciale. Questi risultati potrebbero predire le prospettive per le persone colpite da molte lesioni cerebrali. Ancora più importante, offrirà alcune potenziali misure su come contrastare e invertire tali effetti.

Bellini

Bellini

Ruolo/i: Difensore

Squadre degne di nota: Vasco da Gama, San Paolo, Atlético Paranaense

Età della morte: 83

Difensore brasiliano di origini italiane, Bellini (Hilderaldo Luiz Bellini), si è posizionato come uno dei difensori più efficaci del Brasile. Ha giocato tutta la sua carriera in Sud America e ha vinto due Coppe del Mondo, nel 1958 e nel 1962. Negli ultimi anni, a Bellini fu diagnosticato il morbo di Alzheimer, che portò a complicazioni e un arresto cardiaco che lo portò alla morte il 20 marzo. , 2014. Tuttavia, un esame del suo cervello ha portato a una diagnosi postuma di CTE , il secondo caso noto nel mondo del calcio all'epoca.

Jeff Astle

Jeff Astle

Ruolo/i: Attaccante, centravanti

Squadre degne di nota: Notts County, West Bromwich Albion

Età della morte: 59

Jeff Astle è diventato professionista a diciassette anni, conquistandosi rapidamente il titolo di uno dei migliori attaccanti inglesi, "The King" per l'esattezza. Ha raggiunto l'apice della sua carriera al West Brom, dove ha giocato 361 partite e segnato 174 gol. Astle è apparso anche alla Coppa del Mondo FIFA 1970 in Messico. Verso la fine della sua carriera, gli infortuni lo afflissero e la sua forma fisica peggiorò.

La sua vita dopo la pensione è stata segnata da tragici dettagli di declino cognitivo , tra cui perdita di memoria, diminuzione della parola e comportamenti involontari ma rischiosi. Morì il 19 gennaio 2002 per soffocamento. Fu solo nel 2014 che ad Astle fu diagnosticata postuma la CTE tramite un esame da neurochirurgo, rendendolo il primo caso noto di calcio inglese. Astle era conosciuto come un colpo di testa prolifico, spesso dirigendo la palla quando era bagnata dall'acqua piovana e quindi più pesante del solito.

Scott Vermiglio

Scott Vermiglio

Ruolo/i: Difensore

Squadre degne di nota: Kansas City Wizards, Colorado Rapids, DC United

Età della morte: 44

Il difensore di origine americana è sceso in campo come un talento da tenere d'occhio durante il Campionato del mondo U17 nel 1993, e poi nella squadra U20 nel 1996. Si è ritirato nel 2001 a causa di un infortunio alla gamba. La vita di Vermillion dopo il pensionamento fu straziante. Amici e familiari hanno descritto drammatici problemi di personalità , tra cui aggressività e problemi di controllo degli impulsi, insieme alla depressione.

È stato arrestato nel 2018 per aggressione aggravata contro la sua ragazza e ha trascorso anni dentro e fuori dalla riabilitazione per abuso di alcol e farmaci da prescrizione. Vermillion è morto il 25 dicembre 2020 a causa di avvelenamento acuto da alcol e farmaci da prescrizione a soli quarantaquattro anni. Un esame del suo cervello presso l'Università di Boston nel 2022 ha rilevato una significativa degenerazione cerebrale, che ha portato a una diagnosi postuma di CTE.

Patrick Grange

Patrick Grange

Ruolo/i: Centrocampista/Attaccante

Squadre degne di nota: Università dell'Illinois-Chicago, Università del New Mexico

Età della morte: 29 anni

Giocatore notevole a livello collegiale e semi-professionista, Patrick Grange è stato uno dei migliori fin dai tempi del liceo. Ha spesso colpito di testa la palla ed è noto che ha subito tre commozioni cerebrali nel corso della sua vita, una delle quali gli ha portato diciassette punti di sutura. Sfortunatamente, la carriera e la vita di Patrick Grange si sono interrotte bruscamente. Nel 2011 gli fu diagnosticata la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) all'età di ventotto anni e morì un anno dopo alla giovane età di ventinove anni. Un esame postumo del suo cervello ha rivelato una CTE allo stadio 2, rendendo il primo giocatore americano conosciuto a ricevere la diagnosi.

Risultati chiave

L'ovvia connessione tra tutti e quattro i giocatori è che la diagnosi di CTE è arrivata dopo la morte. Al momento, i neurochirurghi devono esaminare il tessuto cerebrale per trovare cambiamenti strutturali e depositi di proteina tau che indicano CTE. Ciò può accadere solo dopo la morte del paziente. Ma sulla base delle traiettorie di tutti e quattro i giocatori, ci sono modelli che i ricercatori ora suggeriscono possano essere utilizzati per sospettare la malattia prima che un giocatore muoia. Dai un'occhiata ad alcuni di questi modelli qui sotto.

Riepilogo dei risultati

  • Diagnosi errata prima della morte : tutti e quattro i giocatori avevano diagnosi alternative prima della morte, che andavano dal morbo di Alzheimer e dalla demenza alla SLA.
  • Declino cognitivo/fisico prematuro : ad eccezione di Bellini, tutti i giocatori hanno sperimentato problemi che andavano dalla perdita di memoria a deficit motori in giovane età.
  • Cambiamenti di personalità : Jeff Astle e Scott Vermillion si sono occupati in particolare di rapidi cambiamenti di personalità e temperamento. Nel caso di Vermillion, questi cambiamenti potrebbero aver contribuito ad accuse penali e problemi di abuso di sostanze.
  • Morte prematura : ad eccezione di Bellini, tutti i giocatori morirono molto più giovani della media.
  • Storia degli impatti di testa e palla : Astle era conosciuto come un colpo di testa prolifico. Vermillion ha avuto alcuni notevoli infortuni alla testa in campo e Grange ha subito tre commozioni cerebrali significative oltre ad essere un frequente colpo di testa.

A parte la morte prematura, questi modelli possono manifestarsi relativamente presto. Ad esempio, Astle e Vermillion iniziarono a sperimentare un rapido declino cinque o dieci anni prima della loro morte prematura. Anche se i medici non possono fare una diagnosi prima della morte, possono assegnare un punteggio di rischio o fare una diagnosi presuntiva basata sulla storia e sullo stato di salute attuale del giocatore.

Predire il futuro

Queste diagnosi ci ricordano che la CTE è la forma definitiva di danno da stress ripetitivo che un cervello può subire. Molti successi ottenuti all'inizio della propria carriera possono avere un effetto a catena anni dopo nella propria vita. Ma l’intento di presentare questi casi e risultati non vuole essere una tattica intimidatoria. Si tratta più di consapevolezza.

Con l'eccezione di Patrick Grange, queste stelle hanno giocato in epoche in cui la ricerca sulle lesioni cerebrali era agli inizi. La generazione odierna di giocatori, allenatori e genitori dispone di numerosi strumenti e conoscenze per potenziarsi con misure preventive. Siamo la prima generazione a comprendere i pericoli delle lesioni cerebrali ma, cosa ancora più importante, ad avere il potere di ridurre il rischio di ottenerle.

Quindi c'è speranza. Naturalmente non possiamo nemmeno comportarci come se i rischi non esistessero. Riteniamo che sia necessario fare di più per proteggere i giocatori, soprattutto ora che gli schemi sono chiari.

Cosa possono fare ricercatori e medici

  • Monitora i giocatori per rilevare segni di declino cognitivo precoce o cambiamenti di personalità
  • Accelerare lo sviluppo di scansioni PET e altre tecniche di imaging in grado di rilevare la CTE nei pazienti viventi
  • Valuta il rischio dei giocatori in base alla storia degli infortuni e allo stato di salute attuale

Assumersi la responsabilità della protezione dalle lesioni cerebrali

Attualmente, quando si tratta di ridurre il rischio di commozioni cerebrali nel calcio, il potere è esercitato dai giocatori, dagli allenatori e dai genitori. Come accennato in precedenza, esistono già gli strumenti e le conoscenze per ridurre il rischio di lesioni cerebrali. Una combinazione di approcci di allenamento, protocolli di prevenzione e attrezzature di sicurezza può rendere il campo meno rischioso per la mente dei giocatori.

Copricapo da calcio

Inizieremo da qui perché i copricapi da calcio non ricevono abbastanza amore. Il copricapo da calcio esiste da oltre due decenni ed è solo migliorato. Gli scettici diranno che non ci sono prove sufficienti per suggerire la loro efficacia, ma non è vero. Studi condotti da istituzioni, come il Virginia Tech Casco Lab, hanno trovato diversi modelli di copricapo da calcio che possono ridurre significativamente il rischio di commozione cerebrale.

Tra questi c'è il nostro caschetto Storelli ExoShield , che è stato valutato come il copricapo più efficace sul mercato. Ha dimostrato la capacità di ridurre i rischi di commozione cerebrale dell'84% quando testato in simulazioni di impatto sulla testa ed è l'unico caschetto certificato ASTM disponibile.

Protocolli di allenamento

Gli esercizi per il condizionamento del calcio non sono riservati all'aumento della resistenza, della forza o della velocità: possono fare miracoli anche per la prevenzione delle commozioni cerebrali nel calcio . Abbiamo scritto molto sugli esercizi supportati dalla ricerca che possono contrastare i fattori che portano a lesioni cerebrali. Includono un mix di condizionamento basato sul cervello e lavoro fisico, come:

Misure preventive

Naturalmente, ci sono abitudini e pratiche che aumentano i rischi di commozione cerebrale, quindi anche l’evitamento è fondamentale. Ad esempio, ci sono divieti per colpire di testa tra il pubblico under dodici: allenatori e giocatori dovrebbero attenersi rigorosamente a questo divieto. E anche nei giovani più grandi, ridurre nella pratica la quantità di discesa è una buona idea.

E poi ci sono gli stessi colpi alla testa. Non possiamo prevenirli tutti, ma ogni volta che un giocatore si scontra con un altro, dovrebbe essere valutato immediatamente e messo da parte. Per i giocatori con colpi alla testa e infortuni ricorrenti, l’imaging diagnostico potrebbe essere saggio. Anche se queste scansioni non sono in grado di rilevare la CTE, potrebbero mostrare alterazioni che potrebbero richiedere un monitoraggio in futuro.

Guardare indietro per andare avanti

Le diagnosi di CTE tra i giocatori deceduti possono sembrare spaventose. È preoccupante perché probabilmente ci sono altri giocatori a cui verrà diagnosticata la malattia postuma e altri che svilupperanno questa condizione. Ma queste storie e scoperte possono essere un messaggio di avvertimento per le generazioni attuali e future affinché diano priorità alla sicurezza in caso di commozione cerebrale. Abbiamo il know-how, che potrà solo migliorare col passare del tempo. Sta a noi apportare le modifiche necessarie.

Cerchi una protezione per la testa nel calcio? Ottieni il nostro caschetto anti-concussione ExoShield per ridurre il rischio di una commozione cerebrale.
Cart Close
Updating