Storelli presenta: il centrocampista versatile con visione a raggi X

Jun 15, 2017


Presentiamo la terza puntata di una serie di domande e risposte che chiede ai collaboratori della nostra linea BodyShield da donna quali sono le loro armi segrete.

Nome: Shawna Gordon

Squadra attuale: Kicks to the Pitch , ex Sky Blue FC
Ruolo: centrocampista

Shawna Gordon è una professionista californiana che ha giocato per squadre fino all'Australia e alla Svezia. Unisce la creatività con un'inarrestabile curiosità nel provare cose nuove. Qui rivela alcune delle sue armi segrete e come possiamo migliorare il calcio femminile negli Stati Uniti avendo una visione che va oltre il campo.

Cosa ti ha ispirato a iniziare a giocare a calcio?

Ho iniziato molto giovane – 4 anni – ho due sorelle più grandi che giocavano e naturalmente ho voluto seguirle. Crescendo sono stata circondata dal calcio, ma come molte ragazze allora (e anche adesso), anch'io non ero consapevole delle opportunità disponibili per le giocatrici fino a una fase successiva.


Quali sfide hai dovuto affrontare per raggiungere i tuoi sogni?

Essere un atleta richiede molta dedizione. È una cosa molto difficile da realizzare per chiunque, per non parlare del fatto che ci sono più ostacoli che dovrai affrontare essendo un'atleta donna. Non è affascinante. È fisicamente e mentalmente faticoso giorno dopo giorno.

Ho giocato qui negli Stati Uniti così come in Australia e Svezia, quindi ho un'idea di come i club differiscono da paese a paese, ma la parte più difficile è stata dover sacrificare tempo con la famiglia e gli amici. Sono una persona che riesce a fare amicizia e ad adattarsi abbastanza rapidamente a nuovi ambienti, ma quando vivi a migliaia di chilometri di distanza, in un fuso orario diverso, è più difficile rimanere in contatto con coloro che contano di più.


Vedi qualche cambiamento nel calcio femminile oggi?

C’è un enorme divario che stiamo iniziando a colmare tra il calcio maschile e quello femminile. Le cose non saranno magicamente diverse da un giorno all'altro, e dobbiamo essere realistici al riguardo, ma sta accadendo un cambiamento.

È estremamente difficile guadagnarsi da vivere da professionista tutto l'anno con gli stipendi dati dalla lega, quindi costringe i giocatori a fare affidamento sull'aiuto dei genitori o a lavorare dopo e talvolta durante la stagione. È necessario che continuino ad esserci cambiamenti positivi costanti affinché i giocatori vogliano rimanere in campionato.

Lo sport sta iniziando a riconoscere il problema che dobbiamo affrontare, la disparità di retribuzione, le strutture al di sotto della media, le condizioni del campo, ecc. I social media contribuiscono enormemente a svelare la nostra realtà. Le donne con le piattaforme stanno iniziando a esprimere maggiormente le loro opinioni e questo sta iniziando a fare davvero la differenza nel portare maggiore attenzione al calcio femminile.

I giocatori e le giocatrici hanno lo stesso carico di lavoro in campo, ma le giocatrici lavorano di più fuori dal campo per attirare più tifosi e rendere le persone consapevoli dell'esistenza di un campionato professionistico.

Cosa fai fuori dal campo?

Faccio una manciata di cose. Ho allenato i bambini in bassa stagione negli ultimi 5 anni, quindi costruire quell'attività è l'obiettivo principale, oltre a lavorare per un'azienda chiamata Kicks To The Pitch, che è un media di calcio e lifestyle. Uniamo cultura e calcio attraverso il nostro lato creativo e quello di agenzia. Sono la responsabile dei contenuti femminili e mi occupo principalmente del lato creativo. Coordino e stile le riprese, copro eventi e faccio alcune cose sulla fotocamera.

Questo è un mix perfetto per me perché ho un interesse e un background nella moda, quindi sono in grado di unire queste influenze per cercare di far crescere il gioco in un modo non convenzionale. Svolgo anche lavori commerciali/di stampa quando il mio programma lo consente, nonché lavori di styling freelance.


Cosa porti in campo?

Sono un tipo di giocatore raffinato, non sono il tipico atleta americano grande, veloce e forte stereotipato. Crescendo ho giocato con una fascia d'età più grande ed ero estremamente piccolo rispetto ai miei compagni di squadra e agli avversari, quindi questo mi ha costretto a diventare tecnico e creativo in giovane età. Credo anche che lo sport e la vita siano relativi. Quindi li approccio allo stesso modo.

Cos'è #LaTuaArmaSegreta?

Adoro combinare. Ma questo richiede avere giocatori intorno a te sulla stessa lunghezza d'onda, cosa che non è sempre facile da trovare. Ma quando fa clic è sicuramente divertente e carino da guardare. Sento di essere più efficace come centrocampista, ma a livello professionale ho giocato sia come esterno che come esterno.



Qual è il costo mentale degli infortuni?

Gli infortuni sono frustranti e non arrivano mai al momento giusto, ma sono inevitabili. Ti fanno arretrare fisicamente, quindi mentalmente devi andare avanti.

Durante il college ho giocato 90 partite consecutive e poi ovunque giocassi ho avuto qualche tipo di infortunio. Niente di troppo grave, ma ogni volta mi riporta indietro. Il costo mentale di un infortunio non può essere trascurato e deve essere affrontato adeguatamente altrimenti potrebbe influenzare il tuo gioco quando torni in campo.

Una volta che sei in salute e sei a posto, devi dare il massimo e non trattenerti in alcun modo.

Acquista la nuovissima serie BodyShield da donna

Cart Close
Updating